Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Fattura o ricevuta? Differenze e quando usarle

Fattura o ricevuta? Due documenti fondamentali nel panorama fiscale italiano. Scopriamo le differenze e quando vanno utilizzate.
Fattura o ricevuta? Due documenti fondamentali nel panorama fiscale italiano. Scopriamo le differenze e quando vanno utilizzate.
Link copiato negli appunti

Nel vasto universo fiscale italiano, uno spazio importante è occupato da fatture e ricevute. Spesso confuse tra loro, si tratta in realtà di due documenti molto diversi: scopriamo, insieme al team di FINOM, le differenze e quando è corretto utilizzare una piuttosto dell'altra.

Fattura e ricevuta: cosa sono?

Una fattura è un documento fiscale. Viene, generalmente, rilasciata da chi è titolare di una partita IVA a un altro titolare di partita IVA, nell'ambito di un acquisto lavorativo. Può essere cartacea oppure elettronica e deve essere sempre registrata da entrambi i soggetti. Anche un privato potrà richiederla, dopo aver fornito il proprio codice fiscale.

Anche la ricevuta è un documento fiscale, rilasciata da titolari di partita IVA a soggetti privati, solitamente dopo la prestazione di un servizio. Sostituisce, di fatto, lo scontrino. Le ragioni di emissione della ricevuta piuttosto che dello scontrino fiscale possono essere molteplici. È molto utile, ad esempio, per le attività senza un registratore di cassa (come un venditore ambulante). O ancora, per chi ha la necessità di dettagliare le caratteristiche del servizio.

Ricapitolando, le differenze principali tra questi due documenti fiscali sono:

  • le ricevute sono rilasciate a soggetti privati, le fatture sono emesse obbligatoriamente per l'acquisto di natura lavorativa tra titolari di partite IVA (anche se occasionalmente può essere richiesta da privati);
  • entrambi i documenti dettagliano in maniera precisa il bene, il servizio o la prestazione venduta, ma soltanto la fattura prevede l'inserimento di dati specifici dell'acquirente (tra cui anche numero di partita IVA o codice fiscale);
  • la ricevuta non differenzia tra totale e IVA: basta inserire il totale lordo.

Come compilare una fattura? Ci pensa FINOM

Abbiamo constatato che i documenti fiscali necessitano di una estrema precisione quando vengono compilati, perciò è normale non sentirsi sicuri - specialmente se siamo entrati da poco in questo mondo. FINOM è qui per supportare i proprietari di attività (soprattutto piccoli imprenditori e liberi professionisti) nella creazione di fatture in pochi clic, sia da PC che da dispositivi mobili.

All'interno della piattaforma è possibile creare fatture elettroniche in parte già precompilate in base alle informazioni inserite in fase di registrazione, che verranno inviate automaticamente all'Agenzia delle Entrate. Inoltre, è possibile integrare un metodo di pagamento che permette ai clienti FINOM di venire pagati il 20% più velocemente rispetto a chi utilizza piattaforme differenti.

Ma non solo. FINOM offre una serie di strumenti utilissimi in ottica fiscale: è possibile associare software di contabilità e invitare il commercialista, controllare tutti i conti, aprirne di nuovi associando carte fisiche e virtuali, gestione autonoma della dichiarazione dei redditi, conservazione documenti su cloud, digitalizzazione scontrini e categorizzazione spese, oltre a tutte le funzionalità di un conto corrente tradizionale - come IBAN italiano.

Richiedi FINOM attraverso questo link per ottenere 6 mesi gratis sul piano Start e 1 mese di prova gratuita per tutti gli altri piani estesi. Ti basterà compilare un breve questionario (ricordati di avere con te la tua partita IVA), scaricare l’applicazione associando il tuo telefono e completare il riconoscimento attraverso una foto del documento d’identità.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.

Ti consigliamo anche