Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Samsung: sotto attacco, dati degli utenti violati

A fine luglio è avvenuto un accesso non autorizzato ai sistemi Samsung negli Stati Uniti, sono stati sottratti i dati di alcuni utenti.
A fine luglio è avvenuto un accesso non autorizzato ai sistemi Samsung negli Stati Uniti, sono stati sottratti i dati di alcuni utenti.
Link copiato negli appunti

In casa Samsung ci sono problemi, anzi grossissimi problemi, per quel che concerne il discorso sicurezza. Stando infatti a quanto emerso nel corso delle ultime ore, il colosso sudcoreano ha rivelato un accesso non autorizzato ai suoi sistemi negli Stati Uniti. A rendere nota la cosa è stata l'azienda stessa, mediante la pubblicazione di un comunicato sul suo sito Internet.

Samsung: data breach a fine luglio

Andando più in dettaglio, il data breach è avvenuto alla fine del mese di luglio e, sulla base dei dati emersi dalle indagini avviate, l’azienda ha scoperto che sono stati rubati i dati di alcuni utenti.

La compagnia ha voluto in ogni caso rassicurare i suoi clienti, informando che fortunatamente la fuga di dati non ha coinvolto le informazioni più sensibili. Secondo quanto riferito, non sono stati toccati i dati relativi al numero di sicurezza sociale né i numeri delle carte di credito o debito.

Va tuttavia tenuto presente che i dati sottratti non sono gli stessi per ciascun utente coinvolto, secondo il gruppo sudcoreano variano parecchio da caso a caso. Ad ogni modo, Samsung ha iniziato a contattare direttamente gli utenti interessati. L’azienda coreana non consiglia loro di cambiare le password. È necessario però prestare attenzione al phishing, evitando di cliccare su link ritenuti sospetti e di scaricare allegati provenienti da mittenti non noti. Per evitare di incappare in spiacevoli circostanze del genere potrebbe fare comodo usare un buon antivirus, come nel caso di Avast Premium Security.

Questo è già il secondo attacco a cui Samsung viene sottoposta durante l'anno. Il primo si era verificato a marzo, quando il gruppo Lapsus$ aveva sottratto circa 190 GB di dati.

Ti consigliamo anche