Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Revolut: sottratte le informazioni di 50.000 utenti

Revolut è stata soggetta a un attacco hacker che ha coinvolti i dati di oltre 50.000 utenti, ma password e fondi non sono stati toccati.
Revolut è stata soggetta a un attacco hacker che ha coinvolti i dati di oltre 50.000 utenti, ma password e fondi non sono stati toccati.
Link copiato negli appunti

Quello che Revolut si sta trovando a dover affrontare attualmente non è assolutamente un bel momento: nel corso delle ultime ore l’azienda ha infatti comunicato di aver scoperto un accesso non autorizzato ai suoi sistemi che ha permesso ai malintenzionati che lo hanno condotto di mettere le mani sui dati di oltre 50.000 utenti.

Revolut: accesso non autorizzato ai dati dei clienti

Le utenze coinvolte sono state prontamente avvisate da Revolut, sottolineando però che non si sono verificati furti di password e soprattutto di fondi, ma per maggior approfondimenti sarà necessario attendere il verdetto dell’ispettorato statale per la protezione dei dati della Lituania che ha avviato un’indagine su quanto verificatosi.

Per il momento quel che è noto è che l’intrusione si è verificata circa una settimana fa. Si sarebbe trattato di un attacco mirato, in quanto sono stati colpiti soltanto lo 0,16% dei clienti, per un numero esatto di 50.150 clienti in tutto il mondo (20.687 europei). Le informazioni esposte sono le seguenti: nome, indirizzo, email, numero di telefono e alcuni dati della carta di pagamento.

L’accesso ai database del gruppo londinese sarebbe avvenuto mediante tecniche di ingegneria sociale. Inoltre, alcuni utenti hanno fatto presente che nella chat di supporto sono comparsi messaggi con linguaggio inappropriato, il che dimostra che i cybercriminali hanno preso il controllo di altri sistemi usati dall’azienda.

Ad ogni modo, Revolut suggerisce di seguire le istruzioni pubblicate sul suo sito per evitare di andare incontro ad eventuali problemi di sicurezza che potrebbero derivare da conseguenziali attacchi di smishing.

Ti consigliamo anche