Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

iSpoof: chiuso il servizio di spoofing online

Grazie alla messa a segno di un'operazione di polizia su scala internazionale, il sito iSpoof è stato chiuso e l'amministratore arrestato.
Grazie alla messa a segno di un'operazione di polizia su scala internazionale, il sito iSpoof è stato chiuso e l'amministratore arrestato.
Link copiato negli appunti

Dopo la conclusione di un’operazione di polizia su scala internazionale che era stata avviata più di un anno fa, iSpoof è stato chiuso. La polizia del Regno Unito ha infatti comunicato di aver arrestato l’amministratore del sito e tantissimi utenti che lo sfruttavano per l’attuazione di varie truffe miranti a trafugare i dati personali e rubare denaro sui conti correnti delle vittime.

iSpoof: oltre 200.000 vittime di spoofing

L’obiettivo è stato raggiunto mediante un’accurata indagine avviata in oltre dieci paesi, ovvero: Australia, Canada, Francia, Germania, Irlanda, Lituania, Olanda, Ucraina, Regno Unito e Stati Uniti.

Il servizio consentiva agli utenti che pagavano in Bitcoin di effettuare telefonate di spoofing, inviare messaggi registrati e intercettare i codici OTP. Veniva quindi usato dai cybercriminali per ottenere dalle vittime dati personali e credenziali di login ai conti correnti, traendoli in inganno, spacciandosi per dipendenti di banche, aziende e istituzioni governative.

I guadagni illeciti vanno oltre i 115 milioni di euro. Il numero complessivo delle vittime è superiore alle 200.000 e saranno tutte contattate nei prossimi giorni dalle autorità. Il numero degli iscritti al sito, invece, era di oltre 59.000. Altra cosa da tenere presente è che in circa 12 mesi di attività sono state effettuare più di 10 milioni di telefonate.

Il server che ospitava il sito è stato sequestrato l’8 novembre e l’amministrazione di iSpoof, che è stato arrestato il 6 novembre, dovrà comparire davanti al tribunale di Southwark il prossimo 6 dicembre. Altre 142 persone sono state arrestate in vari paesi, ma questo numero andrà inevitabilmente ad aumentare durante le prossime settimane.

Ti consigliamo anche