Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Snappy: pacchetti compatibili per tutte le distro Linux

Link copiato negli appunti

I pacchetti .deb e .rpm si dividono la scena del mondo delle distribuzioni Linux. Sono i due formati di riferimento per chi deve pacchettizzare programmi per le varie distribuzioni. Tuttavia le cose starebbero per cambiare grazie a Snappy.

Canonical, insieme ai suoi maggiori partner commerciali (Dell, Samsung, Linux Foundation, The Document Foundation, Krita, Mycroft, Horizon Computing..) e ai team delle distribuzioni Linux più diffuse, hanno annunciato la disponibilità e compatibilità di Snappy per Debian, Fedora, Gentoo, OpenSUSE, Red Hat Linux, OpenWrt e Arch Linux.

Con questa partnership si è dunque coperto l'intero ecosistema delle distribuzioni Linux il quale, adesso, ha di fatto acquisito un nuovo formato di pacchetti universale che potrebbe minacciare il duopolio ".deb/.rpm".

I pacchetti snap rappresentano l'equivalente dei dmg di OS X (Ora MacOS). Si tratta di binari che permettono l'avvio di applicazione standalone e che includono all'interno del package anche le librerie necessarie per il corretto funzionamento. Sono quindi totalmente svincolati dalle varie librerie condivise presenti sui repository delle distribuzioni Linux.

Fino ad oggi su Linux si è sempre usato l'approccio delle librerie condivise tra tutti i pacchetti, in modo da ottimizzare in consumi e le risorse sul disco. Tuttavia se per gli ambienti server questo può andare bene, non è detto che sia l'approccio corretto sui desktop dove l'utente vuole semplicemente utilizzare la versione dei programmi che preferisce, senza stare dietro alle dipendenze presenti nei repository.

Via Insights Ubuntu

Ti consigliamo anche