Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

CodePlex chiude, è tempo di migrare

Link copiato negli appunti

11 anni fa la Casa di Redmond lanciava il suo servizio per il code sharing chiamato CodePlex. Dal 2006 ad oggi i tempi, e le tecnologie, sono profondamente cambiati e oggi Github è di fatto il servizio più utilizzato dai team di sviluppo di tutto il mondo per condividere il proprio codice sorgente.

Constatato ciò Microsoft ha deciso di chiudere definitivamente CodePlex, i suoi stessi progetti liberi e aperti sono già ospitati su Github e l'azienda capitanata da Satya Nadella ha all'attivo più di 16 mila contributor open source su tale piattaforma.

In questi ultimi 11 anni sono stati numerosi i progetti che hanno abbandonato l'infrastruttura di CodePlex, ma gran parte delle difficoltà che hanno coinvolto l'iniziativa è arrivata nel corso del 2015, quando il nome a dominio CodePlex.com è stato preso di mira da diversi spammer che lo hanno utilizzato per fini illeciti. Inoltre, nell'ultimo periodo l'attività di aggiornamento dei progetti su CodePlex è drasticamente calata testimoniando una forte disaffezione da parte della community.

ms

Di recente Microsoft ha stimato meno di 350 progetti attivi presenti su CodePlex, cioè quelli per i quali è stato prodotto almeno un commit, in un intervallo di tempo di poco inferiore ai 30 giorni.

A seguito di ciò i responsabili di Redmond hanno deciso che è finalmente arrivato il tempo di dire addio a CodePlex. Lo shutdown definitivo della piattaforma è stato previsto per il 15 dicembre 2017. Tuttavia è già stata disabilitata la possibilità di creare nuovi progetti, inoltre, a partire da ottobre 2017 il servizio entrerà in modalità "read-only" e non sarà più possibile modificare il codice ospitato all'interno dei suoi server.

I progetti attualmente presenti su CodePlex avranno quindi 8 mesi di tempo per migrare verso altre piattaforme. Microsoft starebbe attualmente collaborando con Github in modo da offrire un servizio di migrazione semplificata e un migration tool è in dirittura d'arrivo.

Via Brian Harry MS Blog

Ti consigliamo anche