Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

WSL2: kernel Linux aggiornato tramite Windows Update

Windows Subsystem for Linux: a partire dal mese prossimo il Kernel sarà aggiornabile direttamente tramite Windows Update
Windows Subsystem for Linux: a partire dal mese prossimo il Kernel sarà aggiornabile direttamente tramite Windows Update
Link copiato negli appunti

WSL2, ovvero la seconda major release di Windows Subsystem for Linux, verrà incluso nella build 2004 di Windows 10 che è in programma per il mese prossimo. Una delle novità più interessanti di WSL2 è la gestione degli aggiornamenti del kernel Linux eseguita tramite Windows Update.

Ad annunciare questa novità è stato il Program Manager Craig Loewen tramite un articolo pubblicato sul blog ufficiale del progetto:

WSL2 sarà presto disponibile come parte integrante della build 2004 di Windows 10. Noi ci stiamo preparando per il rilascio ma vogliamo comunque rendervi partecipi delle novità in arrivo.

Grazie ai feedback degli utenti abbiamo deciso di rimuovere il kernel Linux dall'immagine ISO di Windows 10 cosi da poterlo distribuire e aggiornare direttamente tramite Windows Update. Il kernel Linux verrà quindi gestito come gli aggiornamenti dei driver di terze parti.

La compagnia di Redmond ha dunque adottato un sistema di gestione e di aggiornamento del kernel Linux completamente automatizzato e integrato in Windows Updates. Questo permetterà agli utenti di focalizzarsi maggiormente sul proprio lavoro senza preoccuparsi di dover aggiornare manualmente la release del kernel del "Pinguino" presente in WSL.

Aggiornare manualmente il kernel Linux su WSL2

Gli utenti che partecipano al programma Windows Insider e che hanno installato la build 19041.153 presente nel ramo slow ring possono già accedere a WSL2. Tuttavia per poter utilizzare questa nuova release sarà necessario installare manualmente, per l'ultima volta, il kernel Linux tramite un semplice pacchetto eseguibile messo a disposizione da Microsoft.

Ovviamente tale operazione non sarà necessaria per gli utenti che invece utilizzano il ramo stabile di Windows 10.

Ti consigliamo anche