Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Fuchsia OS non sostituirà Android

Fuchsia OS, Goolge conferma che la piattaforma non sostituirà Android e Chrome OS.
Fuchsia OS, Goolge conferma che la piattaforma non sostituirà Android e Chrome OS.
Link copiato negli appunti

Da alcuni anni il team di ingegneri di Google sta lavorando ad un nuovo sistema operativo chiamato Fuchsia OS. Tuttavia l'azienda guidata da Sundar Pichai non ha mai dichiarato apertamente il target di tale sistema, le sue funzionalità né rivelato le tecnologie su cui si basa l'intero progetto.

Le indiscrezioni diffuse in Rete parlano spesso di un OS creato per unificare l'esperienza utente Desktop e mobile. Non si tratta di un'idea del tutto nuova, Samsung ad esempio ha sviluppato dei dock che possono trasformare i suoi telefoni top di gamma in piccoli sistemi Desktop. In passato Microsoft e Canonical percorsero la medesima strada con Windows Phone ed Ubuntu Phone, ma fallirono.

Da diverso tempo si è diffusa la convinzione che Fuchsia OS avrebbe mandato in pensione sia Chrome OS che Android, inglobando funzioni e applicativi di entrambi i sistemi operativi.

Tuttavia tali rumor sono stati completamente smentiti da Hiroshi Lockheimer, Software engineer di Mountain View. Durante un'intervista al Google I/O lo sviluppatore ha infatti dichiarato:

Stiamo studiando il modo in cui strutturare un nuovo sistema operativo. Sappiamo che la community è molto interessante a questo progetto, definendolo molto spesso come "il nuovo Android" o "il nuovo Chrome OS". Tuttavia Fuchsia non sarà niente di tutto questo. Con Fuchsia stiamo studiando nuovo paradigmi, spingendoci avanti nell'evoluzione dei sistemi operativi. Dalle esperienze derivate da Fuchsia riusciamo ad implementare nuove idee e tecnologia in altri prodotti.

Dalle parole di Lockheimer è possibile capire che Fuchsia OS non è stato pensato per prendere il posto di Android o di Chrome OS. Si tratta invece di un sistema dove sperimentare novità e idee che potranno poi essere sfruttate sui vari prodotti e servizi di Google.

Questo ovviamente non vuol dire che Fuchsia OS non possa un giorno evolversi in qualcosa di diverso, basti pensare che di recente è stato implementato un nuovo kernel al suo interno, non basato su Linux. È probabile che nel prossimo futuro sempre più componenti del sistema operativo, destinate poi ad Android o Chrome OS, vengano sviluppate e tastate in seno a Fuchsia OS.

Via Softpedia

Ti consigliamo anche