Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Swift Crypto per la crittografia con Apple CryptoKit

Swift Crypto è uno Swift package Open Source che permette di sfruttare le API dell'Apple Crypto Kit per procedure di crittografia
Swift Crypto è uno Swift package Open Source che permette di sfruttare le API dell'Apple Crypto Kit per procedure di crittografia
Link copiato negli appunti

La Mela Morsicata ha presentato alla propria community di sviluppatori il suo nuovo progetto open source chiamato Swift Crypto. Si tratta di un Swift package che permette di sfruttare le API (Application Programming Interface) dell' Apple CryptoKit, il tool dell'azienda di Cupertino dedicato alla crittografia dei dati, direttamente da Swift.

Ad annunciare l'ultima novità è stato Cory Benfield, membro della divisione Cloud Services di Apple, tramite un articolo pubblicato sul blog ufficiale di Swift:

Sono felice di presentarvi Swift Crypto. Questa nuova libreria fornisce l'accesso alle CryptoKit API direttamente da Swift.

Grazie ad essa sarà possibile utilizzare le funzionalità di crittografia integrate in CryptoKit in tutte le piattaforme supportate tramite l'impiego del comando: "import Crypto".

Se usato sui sistemi operativi MacOS e iOS il pacchetto Swift Crypto farà riferimento direttamente a CryptoKit mentre nelle altre piattaforme verrà utilizzata un'implementazione del tool basata sula libreria BoringSSL.

Questa impostazione permette a Swift Crypto di accedere alle funzionalità di crittografia, come ad esempio la generazione di chiavi simmetriche utilizzate per l'autenticazione dell'utente o la criptazione dei messaggi, in ogni contesto.

Inoltre, sempre per evitare problemi di compatibilità, Swift Crypto viene distribuito tramite lo Swift Package Manager, ovvero il gestore di pacchetti multipiattaforma gestito dalla compagnia di Cupertino. Tramite questo gestore i programmatori avranno accesso alle patch di sicurezza e ad altri aggiornamenti in modo indipendente dal sistema operativo utilizzato.

Via Apple: Swift Blog

Ti consigliamo anche