Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Niente più Arch Linux per Chakra

Link copiato negli appunti

Uno dei progetti della comunità che hanno acquisito più consenso negli anni, in ambito Arch Linux, è stato KDEmod: un ambiente desktop KDE, con alcune patch per incrementare le prestazioni e le funzionalità, anche delle librerie QT che nella veste di QTMod garantivano velocità e stabilità senza pari. Da questo progetto è poi nata Chakra, una LiveCD installabile basata su Arch Linux e KDEMod, con validissimi strumenti dotati di interfaccia grafica (installer compreso) per facilitare la gestione del sistema e la sua installazione anche ai meno esperti.

Nel tempo Chakra ha acquisito sempre più adepti, rendendo KDEMod un packaging direttamente concorrente a quello del KDE distribuito ufficialmente, e perfezionando tutti gli strumenti grafici per la gestione dei pacchetti e delle preferenze, come Shaman, il frontend scritto in QT4 per Pacman. Ma ultimamente, il progetto Chakra è divenuto ambizioso, e anziché fornire una sorta di "side environment" per Arch Linux, ed essere considerato il fratello minore, vuole conquistare la ribalta. È così che gli sviluppatori del team hanno deciso che Chakra sarà differente da Arch Linux: avrà propri repository, e non si baserà più sul substrato pacchettizzato dagli sviluppatori di Arch.

A quanto pare la scelta è scaturita dalla scontentezza che affliggeva alcune persone del team riguardo Pacman, il gestore dei pacchetti. È stato così concepito un nuovo package manager, aderente sempre agli standard di Arch Linux, ma a quanto dicono gli sviluppatori più potente, in grado di gestire il software della nuova Chakra. La distribuzione nei repository conterrà solamente software relativo a KDE: chi ha bisogno di software GTK+ o di terze parti, potrà farlo, secondo quanto detto dal team di sviluppo, utilizzando sistemi appositi che verranno messi a disposizione successivamente.

E in tutto ciò, KDEMod? La relazione con Arch rimarrà a quanto pare, dato che comunque Akabei, il nuovo gestore dei pacchetti, rimarrà comunque fedele quanto più possibile al sistema di build standard basato sui PKGBUILD, e verrà usato per la pacchettizzazione proprio il celebre tool makepkg. Saranno quindi, a mio parere, resi disponibili ovviamente i PKGBUILD dei pacchetti di KDEMod, e qualcuno, sicuramente, compilerà il tutto per renderlo disponibile in un repo, sempre che la cosa non venga fatta direttamente dal team di pacchettizzazione ufficiale, il quale si dice disponibile a supportare l´ambiente anche su Arch.

In ogni caso, per adesso non è ancora sicuro nulla a parte lo split, e lo sviluppo dei nuovi tool per Chakra sta andando avanti in maniera febbrile; per un po´ sicuramente noi "arcieri" siamo al sicuro, e potremo goderci KDEMod ancora per un po´, in attesa che gli eventi si sviluppino.

Ti consigliamo anche