Google si mette d’accordo con la Volkswagen e contemporaneamente cozza con pratiche poco regolari di BMW nella scalata all’indice del motore. Una strana circostanza per due situazioni completamente separate