Secondo Tim Berners-Lee il web 2.0 deve ancora svilupparsi. Quello che si chiama ora “2.0” è in verità un 1.0 giunto all’ultimo stadio di maturazione.