Con una strategia di progressive enhancement possiamo già sfruttare interessanti caratteristiche dei CSS3