Analizziamo i tag di PHPDoc e le annotazioni per documentare classi, metodi e funzioni utilizzati in un progetto PHP sviluppato seguendo il paradigma ad oggetti.

Dopo aver analizzato i criteri generali per l’utilizzo di PHPDoc e la modalità con cui si documentano i parametri e le variabili, vediamo come documentare le altre parti del codice e in particolare i metodi.

Utilizzare PHPDoc per la documentazione delle classi con lo scopo di rendere il nostro codice PHP maggiormente leggibile e condivisibile.

Scopriamo cosa sono e come vengono definite le funzioni anonime in PHP per poi imparare come utilizzare la classe Closure.

Cosa sono e come si utilizzano le classi anonime in PHP, delle classi prive di nome che non possono essere estese da altre classi.

Perché rendere un oggetto iterabile? Analizziamo le interfacce Iterator e IteratorAggregate che permettono di rendere un oggetto compatibile con il costrutto foreach come se si trattasse di un array.

Impariamo a simulare l’eredità multipla in PHP con i traits, porzioni di codice che vengono incluse all’interno di una classe per aggiungere delle funzionalità.

Impariamo cosa sono i namespace, come si dichiarano in PHP, come richiamare una classe interna ad un namespace e come usare le classi senza namespace.

PHP non supporta nativamente i costruttori multipli nelle classi, ogni classe può avere infatti un unico metodo costruttore, ma è possibile aggirare questa limitazione in almeno tre modalità diverse .