L’intervista di Linus Torvalds parla del 2.0 come di un fenomeno per stregoni e respinge le domande più spinose dicendo che lui pensa al codice, non al marketing