Una lettera aperta inviata all’AGCOM apre due interessanti suggestioni: qualcuno potrebbe non fare l’interesse degli utenti nonostante ne abbia il dovere ed inoltre la banda larga in Italia sarebbe molta meno di quanto ipotizzato