Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Salvare e caricare campioni colore

Le istruzioni fondamentali per creare e salvare campioni di colore in Illustrator, affinché siano condivisibili fra più file e software Adobe.
Le istruzioni fondamentali per creare e salvare campioni di colore in Illustrator, affinché siano condivisibili fra più file e software Adobe.
Link copiato negli appunti

In questa lezione approfondiremo il concetto di campione colore: come crearne uno, quindi salvarlo, condividerlo ed eliminarlo.

I campioni possono essere colori, sfumature e pattern salvati all'interno del pannello omonimo. Il pannello Campioni è reperibile all'interno del menu Finestra, come illustrato in Figura 1.

Figura 1. Pannello Campioni (click per ingrandire)

Pannello Campioni

Con Illustrator, i campioni associati al documento specifico su cui stiamo lavorando sono raggruppati all'interno di questo pannello: tali colori possono apparire individualmente o, in alternativa, in gruppi. Nel nostro esempio, non vi sono ancora campioni all'interno del pannello, come possiamo vedere in Figura 2.

Figura 2. Pannello Campioni vuoto (click per ingrandire)

Pannello Campioni vuoto

Per aggiungere i colori usati nel nostro file, bisognerà selezionare il tasto delle opzioni del Pannello Campioni, quindi cliccare sulla voce Aggiungi Colori Usati: questa azione importerà i campioni utilizzati nel nostro disegno all'interno del pannello, come dimostrato in Figura 3.

Figura 3. Importare i colori nel Pannello Campioni (click per ingrandire)

Importare i colori nel Pannello Campioni

La possibilità di poter conservare i colori usati per un disegno, per poterli poi esportare e utilizzare in altri file, è utile quando si esegue un lavoro basato su determinate tonalità. In questo modo, non dovremo aprire il primo file copiare i codici colore per poterli usare in un secondo file, basterà richiamare questa libreria.

Le biblioteche di campioni sono contenute in pannelli a sé stanti e non vengono salvate con il documento, quindi è importante eseguire il salvataggio se desideriamo conservare i campioni di colore. Abbiamo accennato due concetti che andremo ad approfondire: salvare i campioni in una libreria e richiamarla in un secondo momento. Vediamo come.

Selezioniamo il tasto delle opzioni del Pannello Campioni e clicchiamo sul menu Salva Biblioteca Campioni come AI. Come possiamo vedere in Figura 4, le librerie possono essere salvate in formato .AI, quindi compatibili solo con Illustrator, oppure in formato .ASE, acronimo di Adobe Swatch Exchange, formato interscambiabile tra i software Adobe, come ad esempio InDesign. A seconda delle proprie necessità per la libreria, dovremo effettuare una scelta.

Figura 4. Formati di salvataggio della libreria (click per ingrandire)

Formati di salvataggio della libreria

Apriamo ora un nuovo documento e importiamo la biblioteca appena creata. In Figura 5 possiamo vedere che, di default, il programma ci mostra le biblioteche di colore base: per richiamare la nostra, selezioniamo il tasto delle opzioni del pannello Campioni e clicchiamo sul menu Apri Biblioteca Campioni e, quindi scegliere tra le biblioteche definite dall'utente.

Figura 5. Biblioteca campioni personale (click per ingrandire)

Biblioteca campioni personale

Vediamo ora come importare questi colori in un gruppo di campioni. Selezioniamo tutti i colori di nostro interesse tra quelli utilizzati, dopodiché selezioniamo il menu Nuovo Gruppo Campioni. Si aprirà una finestra di salvataggio nella quale definire il nome del gruppo. A questo punto, come illustrato in Figura 6, notiamo la differenza tra campioni semplici e campioni in gruppo: nella visualizzazione vi sarà l'icona di una cartellina prima dei campioni colore.

Figura 6. Nuovo Gruppo di Campioni (click per ingrandire)

Nuovo Gruppo di Campioni

In generale, ogni unità di colore visualizzata nel Pannello Campioni può essere trascinata, spostata, inserita in un gruppo ed eliminata. Organizzare i colori utili al proprio lavoro è importante per costruire dei propri strumenti, nonché per renderli interscambiabili e condivisibili.


Ti consigliamo anche