Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Partizionamento su più dischi

Utilizzare il tool di installazione integrato su Ubuntu per partizionare i dischi in fase di installazione di un server Linux: ecco come.
Utilizzare il tool di installazione integrato su Ubuntu per partizionare i dischi in fase di installazione di un server Linux: ecco come.
Link copiato negli appunti

Il partizionamento dei dischi è un passo cruciale nell’installazione del sistema operativo. Le scelte effettuate in questa fase potrebbero condizionare le operazioni di aggiornamento (e/o riparazione) del server in futuro. Nella trattazione che segue supporremo di dover installare il sistema su una macchina dotata di quattro dischi da 1 TB ciascuno. Creeremo un’area di swap da 4 GB usando 1 GB di ogni disco, ed useremo lo spazio restante per creare una partizione da 2 TB in cui installare il sistema.

Tutto ciò è reso possibile grazie al supporto al RAID software di Linux, facilmente configurabile in fase di installazione di Ubuntu. L’area di swap sarà realizzata concatenando quattro partizioni da 1 GB in RAID 0. La partizione di sistema sarà realizzata in RAID 1+0, una modalità che consente di combinare affidabilità e velocità. In questo modo, anche in presenza di dischi danneggiati, sarà possibile mantenere il server acceso ed operativo mentre si sostituiscono i dischi danneggiati, senza interruzione di servizio o perdita di dati.

Chi non avesse dimestichezza con la tecnologia RAID, prima di continuare con questa lezione può fare riferimento ad un apposito approfondimento disponibile su HTML.it.

Software RAID in Ubuntu Server

Il software di installazione di Ubuntu Server dispone di alcuni strumenti guidati, sufficienti nella maggior parte delle installazioni. Nel caso di una installazione RAID 1+0, è necessario procedere manualmente. Selezionare quindi Manuale nel menu di scelta del metodo di partizionamento.

Figura 1. Scelta del metodo di partizionamento (click per ingrandire)

Scelta del metodo di partizionamento

Il software di installazione mostra gli hard disk presenti nel sistema. In questa fase è necessario creare due partizioni in ogni disco. Come già detto, una partizione verrà utilizzata per il RAID 1+0, l’altra per l’area di swap del sistema.

Figura 2. Lista dei dischi presenti nel sistema (click per ingrandire)

Lista dei dischi presenti nel sistema

Procedere selezionando il primo disco e premendo il tasto Invio. Il software chiederà una conferma per la creazione di una nuova tabella delle partizioni, nel caso si tratti di un disco nuovo. Selezionare Si e premere Invio. Se tutti i dischi sono nuovi, ripetere l’operazione per gli altri dischi.

Il menu mostrerà la lista di dischi con lo spazio libero sotto ogni disco.

Figura 3. Lista dei dischi dopo l'inizializzazione (click per ingrandire)

Lista dei dischi dopo l'inizializzazione

Selezionare la voce corrispondente allo spazio libero del primo disco per creare la prima partizione. Indicare la dimensione della partizione (nell’esempio, 1 GB).

Figura 4. Dimensione della partizione (click per ingrandire)

Dimensione della partizione

Selezionare quindi il tipo di partizione Primaria e posizionare la partizione alla fine del disco, come mostrato nelle immagini.

Figura 5. Scelta del tipo di partizione (click per ingrandire)

Scelta del tipo di partizione

Cambiare il tipo di partizione alla voce Usare come selezionando Area di swap, quindi selezionare Impostazione della partizione completata.

Figura 6. Configurazione della partizione di swap (click per ingrandire)

Configurazione della partizione di swap

Ripetere l’operazione per tutti e quattro i dischi. La lista dei dischi dovrebbe apparire come nell’immagine mostrata sotto:

Figura 7. Lista dei dischi con le partizioni di swap attive (click per ingrandire)

Lista dei dischi con le partizioni di swap attive

Proseguire con la creazione delle partizioni che comporranno il RAID, selezionando Configurare il RAID software (se richiesto, confermare la scrittura delle modifiche su disco).

Scegliere Creare un device multidisk (MD).

Figura 8. Creazione di un device multidisk (click per ingrandire)

Creazione di un device multidisk

Impostare il tipo di device RAID software su RAID10:

Figura 9. Tipi di device RAID software disponibili (click per ingrandire)

Tipi di device RAID software disponibili

Indicare il numero di dischi da utilizzare per il RAID (quattro nel caso in esempio) ed il numero di dischi di riserva (zero nel caso in esempio).

Figura 10. Numero di dischi che compongono il RAID (click per ingrandire)

Numero di dischi che compongono il RAID

Selezionare le partizioni contrassegnate dalla voce SPAZIO LIBERO, evidenziandole con i tasti freccia e premendo il tasto Spazio per sceglierle, come nell’immagine riportata sotto:

Figura 11. Selezione delle partizioni per il RAID 10 (click per ingrandire)

Selezione delle partizioni per il RAID 10

Confermare la scrittura delle modifiche su disco, quindi selezionare nuovamente Creare un device multidisk (MD). Questa volta, si procederà ad un RAID 0 per l’area di swap, indicando sempre quattro dischi e selezionando le partizioni di swap da 1 GB precedentemente create. Al termine dell’operazione, l’elenco dischi dovrebbe essere simile a quello mostrato nell’immagine:

Figura 12. Lista dei dischi dopo la creazione del RAID 10 (click per ingrandire)

Lista dei dischi dopo la creazione del RAID 10

Ricapitolando, i quattro dischi sono stati utilizzati per creare due dischi “virtuali”: uno verrà usato come partizione dati di sistema, l’altro come area di swap.

A questo punto è necessario formattare i due dischi RAID affinché il sistema possa usarli. Selezioniamo la prima partizione del dispositivo RAID10, ed impostiamo la voce Usare come su File system ext4 con journaling, il file system predefinito di Ubuntu.

Figura 13. Formattazione della partizione di sistema (click per ingrandire)

Formattazione della partizione di sistema

Impostare il punto di mount su /. In questo modo, la partizione verrà utilizzata per memorizzare tutti i dati di sistema (programmi, impostazioni, dati degli utenti, etc).

Il file system ext4 ha un’opzione di configurazione che permette di indicare quanto spazio riservare al sistema. L’impostazione predefinita è il 5% della dimensione della partizione (circa 102 GB nel caso di una partizione da 2 TB). Per una partizione così grande, è possibile ridurre questo parametro, per evitare di sprecare spazio. Selezionare la voce Blocchi riservati ed impostarla ad 1%.

Selezionare Impostazione della partizione completata per ritornare al menu precedente.

Figura 14. Formattazione della partizione di sistema (click per ingrandire)

Formattazione della partizione di sistema

La procedura per attivare la partizione di swap è simile. In questo caso, la voce Usare come andrà impostata su area di swap:

Figura 15. Formattazione della partizione di swap (click per ingrandire)

Formattazione della partizione di swap

La situazione mostrata dal menu dovrebbe essere simile a quella riportata sotto:

Figura 16. Lista dei dischi al termine delle operazioni (click per ingrandire)

Lista dei dischi al termine delle operazioni

Selezionare Terminare il partizionamento e scrivere le modifiche su disco. I dischi verranno formattati ed il software di installazione procederà con la copia dei dati sui dischi.


Ti consigliamo anche