Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Configurare una JRE personalizzata: jrecreate

Scopriamo cos'è e come funziona il tool jrecreate, un'applicazione di utility fornita da Java Embedded per la generazione di una JRE personalizzata
Scopriamo cos'è e come funziona il tool jrecreate, un'applicazione di utility fornita da Java Embedded per la generazione di una JRE personalizzata
Link copiato negli appunti

Uno degli aspetti fondamentali della programmazione su dispositivi embedded, riguarda la scelta delle funzionalità che devono essere presenti nella JRE (Java Runtime Environment) di destinazione per rispondere ai requisiti di performance ed ottimizzazione della memoria richiesta. Nel corso delle prossime lezioni vedremo in che modo configurare una JRE scegliendo il profilo minimo richiesto da un'applicazione.

Il tool jrecreate

L'applicazione di utility per la generazione di una JRE personalizzata, messa a disposizione da Java Embedded, prende il nome di jrecreate, un tool presente nella directory bin della cartella di installazione. La sua sintassi generale è la seguente:

jrecreate --dest host-destination-directory [options]

dove l'opzione host-destination-directory rappresenta il percorso di destinazione per la generazione della JRE, mentre [options] ha il compito di indicare la lista delle opzioni che è possibile specificare.

Tra queste ultime troviamo, particolarmente importanti, --profile e --vm, utilizzabili rispettivamente per la specifica di un profilo o di una Java Virtual Machine. A tal proposito icordiamo che agendo opportunamente sulla scelta del profilo o della JVM, possiamo minimizzare lo spazio richiesto dall'applicazione, includendo solo ciò che è strettamente necessario al suo funzionamento.

I valori possibili per l'opzione --vm sono i seguenti:

  • minimal;
  • client;
  • server (se eseguibile sul dispositivo target);
  • all.

mentre per per --profile abbiamo i valori:

  • compact1;
  • compact2;
  • compact3.

con le descrizioni di ciascun valore fornite negli articoli precedenti.

Per completezza evidenziamo che la mancanza in contemporanea della specifica dell'opzione --vm e --profile porterà ad inlcudere, nella JRE di destinazione, tutte le JVM disponibili.

La specifica della sola opzione --profile attiverà la seguente scelta automatica della JVM in base al profilo che è stato specificato:

  • compact1: minimal;
  • compact2: minimal;
  • compact3: client.

Per consultare un elenco più dettagliato dei parametri messi a disposizione dal comando jrecreate, è possibile eseguire la seguente istruzione:

jrecreate --help

Una volta chiarita l'utilità di jrecreate è possibile passare alla creazione di una JRE personalizzata con un profilo minimo, argomento che verrà affrontato nella prossima lezione.


Ti consigliamo anche