Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Come rispondere su LinkedIn per trasformare contatti in clienti

Poiché LinkedIn si basa sulle relazioni, e non sui contenuti (come accade su altri social), è bene usare gli strumenti di messaggistica nel modo migliore.
Poiché LinkedIn si basa sulle relazioni, e non sui contenuti (come accade su altri social), è bene usare gli strumenti di messaggistica nel modo migliore.
Link copiato negli appunti

Imparare a relazionarsi sui Social Media, sebbene possa sembrare banale, è in realtà un processo complesso. LinkedIn, nello specifico, offre grandi possibilità ma anche diverse avversità da superare per migliorarci.

Quando un’azienda vuole cercare nuovi clienti, pensa immediatamente a trovare nuovi commerciali che “sappiano vendere”, come se le tecniche di vendita fossero avulse dalla qualità delle relazioni umane che si dovrebbero create tra azienda e cliente.

LinkedIn è basato sulla teoria del mondo piccolo di Stanley Milgram, una teoria che ci mostra come siamo collegati gli uni agli altri.

Grafico della teoria del piccolo mondo di Stanley Milgram (click per ingrandire)Grafico della teoria del piccolo mondo di Stanley Milgram

Come creare relazioni su LinkedIn

Quando decidiamo di accettare una connessione, dovremmo analizzare prima il profilo LinekdIn di chi ci sta facendo questa richiesta, per capire se può aiutarci ad aumentare i nostri contatti di qualità.

Possiamo mandare dei messaggi iniziali per capire meglio con chi stiamo parlando:

"mi piacerebbe conoscerla meglio, attualmente lavora per la ditta XY?"

oppure

"piacere di averla nella mia rete posso chiederle cosa l'ha portata a trovare il mio profilo?"

Iniziando a rompere il ghiaccio sarà possibile far aprire la mente del tuo interlocutore, senza metterlo in una situazione di disagio che potrebbe portarlo ad alzare un muro, impedendoci di capire cosa vogliamo da lui.

Una volta conosciuta l'origine della sua richiesta di connessione, potremo capire dal suo profilo se abbiamo qualcosa in comune e soprattutto se già è possibile essergli di aiuto, magari indagando su quali sono i suoi reali e attuali problemi in ambito lavorativo o personale.

Come sfruttare messaggi e commenti per trovare clienti su LinkedIn

Molte persone sottovalutano due strumenti importantissimi di LinkedIn: i messaggi privati ed i commenti nei post.

I messaggi privati sono il cuore di LinkedIn, perché ci danno la possibilità di venire a conoscenza di contatti interessanti. Inoltre, come si vede dalla foto qui sotto, potremo comprendere se il nostro collegamento è collegato mediante dall'icona verde vicino alla sua foto (1). Potremo inoltre mandargli dei messaggi veloci attraverso i pulsanti (2), o messaggi più lunghi inserendo un testo personalizzato (3). Insieme al messaggio si possono allegare immagini, documenti, emoji o GIF animate.
Per inviare il messaggio dovrai cliccare sul bottone INVIA (4).

Per quello che riguarda i commenti, possiamo interagire con i contenuti che troviamo in bacheca, oppure con quelli ottenuti cercando una parola nel motore di ricerca.

Seguendo un hashtag potremo ricevere nella nostra bacheca gli aggiornamenti che contengono quella parola chiave, avendo una selezione molto precisa dei contenuti che desideriamo.

Una volta ricevuti i post giusti, potremo cercare contatti tra chi commenta o chi ha pubblicato certi aggiornamenti.

Conclusioni

LinkedIn si basa sulle relazioni, e non sui contenuti, come avviene nelle altre piattaforme social. Per questo motivo, è bene sviluppare molte conversazioni mirate sulle persone che possono aiutarci e che noi possiamo aiutare, nell'ottica di uno scambio reciproco win-win.


Ti consigliamo anche