Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Il fenomeno del Clic Fraud

Che cosa è il Click Fraud e come Google tutela gli inserzionisti
Che cosa è il Click Fraud e come Google tutela gli inserzionisti
Link copiato negli appunti

Nell'ambito di una campagna AdWords, per Click Fraud si intende quel fenomeno che si manifesta quando un soggetto genera clic ingannevoli sugli annunci con lo scopo di far consumare budget agli inserzionisti.

Esistono vari metodi per generare questi clic ingannevoli, tra cui:

  • clic manuali ripetuti da parte, ad esempio, di un concorrente;
  • utilizzo di script creati ad hoc per generare clic sugli annunci;
  • altri software che generano clic automatici.

Google ha un intero team di lavoro all'interno della divisione AdWords il cui dovere è combattere questo fenomeno che rappresenta una vera e propria minaccia all'affidabilità della piattaforma pubblicitaria.

Oltre agli operatori (che effettuano controlli manuali sugli account dei clienti, se necessario) Google ha implementato un sistema di analisi e controllo proprietario dove:

  • controlla tutti i clic raccogliendo dati quali indirizzo IP del clicker, l'ora ed eventuali clic doppi;
  • filtra questi dati per compararli con quelli che ha già nel suo database.

Per ragioni di sicurezza e di "strategia" Google non offre nessun dettaglio tecnico sul suo algoritmo di monitoraggio del Click Fraud.

Quando il sistema rileva l'addebitamento di clic ritenuti non validi, all'inserzionista viene automaticamente riaccreditata la somma nel proprio account. Nel centro assistenza di AdWords è spiegato come visualizzare eventuali crediti per clic non validi all'interno del pannello di gestione del proprio account.

Capita tuttavia che il sistema di controllo di Google non riesca ad identificare clic non validi. Per questo motivo si consiglia sempre di tenere sott'occhio aumenti di clic improvvisi o non preventivati.

Nel caso in cui occorrano vertiginosi incrementi dei clic sui propri annunci, è utile verificare l'ora in cui è avvenuto il clic, l'indirizzo IP ed escludere fenomeni quali la stagionalità delle ricerche. Altri strumenti messi a disposizione da AdWords, come i Rapporti personalizzati, possono aiutare ad identificare clic non validi.

Se invece si è sicuri di aver individuato clic non validi, Google mette a disposizione una breve procedura di segnalazione, valida per tutti i paesi ad eccezione degli Stati Uniti. È richiesta la compilazione di un modulo in cui segnalare le date dei clic, la campagna incriminata ed eventualmente segnalare indirizzi IP sospetti.

Il team di Google AdWords che si occupa del Click Fraud, darà una controllata (manualmente) all'account per verificare quanto segnalato.

Fortunatamente, in Italia, il fenomeno non sembra essere particolarmente diffuso. Un occhio di riguardo è comunque sempre consigliato.


Ti consigliamo anche