Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 10 di 13
  • livello principiante
Indice lezioni

Dove salvare la mappa del sito

Trasferire la mappa sul nostro sito
Trasferire la mappa sul nostro sito
Link copiato negli appunti

A questo punto avrete almeno una sitemap pronta pronta per essere pubblicata... ma dove? Fino agli inizi del 2008 la risposta era una sola: all'interno dello stesso sito referenziato dalla sitemap. Da Febbraio 2008, con l'introduzione delle cross-site sitemaps Google, Yahoo! e Microsoft supportano anche la segnalazione di sitemap residenti su un host differente da quello delle URL indicate nel file.

A seconda delle nostre esigenze, possiamo salvare il nostro file sitemap nello stesso sito corrispondente alle URL contenute all'interno del file o in un host differente.

Host sitemap == Host URL

Questa soluzione ha rappresentato per oltre un anno l'unica alternativa. Ancora oggi è la più diffusa, oltre che l'unica a garantire compatibilità con tutti i servizi che supportano il protocollo Sitemap.

In questo caso, il file sitemap XML va salvato nello stesso host corrispondente a quello delle URL indicate nel file stesso. La seguente sitemap, ad esempio, andrà salvata nella cartella principale del sito http://www.html.it, ad esempio https://www.html.it/sitemap.xml.

<?xml version="1.0" encoding="UTF-8"?>
<urlset xmlns="http://www.sitemaps.org/schemas/sitemap/0.9">
<url>
<loc>https://www.html.it/</loc>
</url>
<url>
<loc>https://www.html.it/contatti.php</loc>
</url>
</urlset>

Host sitemap != Host URL

Questa seconda soluzione è particolarmente utile per chi gestisce numerosi siti differenti o per un portale che utilizza domini di terzo livello per sotto sezioni tematiche, come ad esempio avviene su html.it.

In questo caso, è necessario che chi segnala la sitemap dimostri di avere controllo sia sul sito che ospiterà i file sitemap, sia su quello contenente le URL indicate nella sitemap. L'autorizzazione avviene autenticando entrambi i siti attraverso il pannello di controllo messo a disposizione dai singoli motori di ricerca.

Note

Questa soluzione non è supportata da tutti i motori di ricerca ma, attualmente, solo da Google, Yahoo! e Microsoft.

Ipotizziamo di creare 3 sitemap, una per ciascuno dei seguenti siti:

  1. http://www.html.it
  2. http://blog.html.it
  3. http://forum.html.it

Le sitemap potranno essere salvate in un qualsiasi dominio differente, ad esempio http://sitemaps.html.it. Ciascun dominio sopra indicato dovrà contenere, nel file robots.txt, l'URI della sitemap sull'host indicato.

  1. Sitemap: http://sitemap.html.it/html.it.xml
  2. Sitemap: http://sitemap.html.it/blog.html.it.xml
  3. Sitemap: http://sitemap.html.it/forum.html.it.xml

Note

E' anche possibile creare una sola sitemap contenente le URL di tutte e 3 i domini differenti, ma è una pratica sconsigliata.

Posizione della Sitemap

Indipendentemente dalla scelta dell'host, il formato Sitemap impone un vincolo ben preciso. La sitemap deve trovarsi nel sito in un livello identico o superiore alla cartella rispetto ai link contenuti all'interno. Questo significa, ad esempio, che se la vostra sitemap contiene le seguenti URL

http://www.example.org/cartella/pagina.php
http://www.example.org/cartella/pagina.php?var=1
http://www.example.org/cartella/pagina.php?var=2

allora dovrà trovarsi almeno nella cartella http://www.example.org/cartella/ o in un percorso superiore.

La sitemap non potrà trovarsi né in un percorso inferiore, come ad esempio

http://www.example.org/cartella/sottocartella/

né in un percorso differente come

http://www.example.org/altracartella/

Di norma è consuetudine salvare la sitemap nella root del sito, ovvero nella cartella principale del dominio. Tipicamente la sitemap è raggiungibile all'indirizzo:

http://www.example.org/sitemap.xml


Ti consigliamo anche