Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 34 di 49
  • livello principiante
Indice lezioni

Uso del "not" e operatori di bit

Come controllare una condizione di falsità e glioperatori di bit
Come controllare una condizione di falsità e glioperatori di bit
Link copiato negli appunti

Una menzione particolare la merita l'operatore di negazione(indicato con !), che serve a negare un'espressione. Si tratta di un operatore unario: viene infatti posto di fronte all'espressione da negare, senza essere confrontato con nient'altro.

Utilizzando l'operatore di diversità nel giusto modo possiamo scrivere:

  • se la condizione è falsa...
  • fai questo

La sintassi è la seguente:

if ( ! (espressione) ) {
  //istruzioni
}

che significa:

  • se nego l'espressione e così facendo ho un risultato vero...
  • allora fai questo

Ad esempio:

x = 7;

if (! (x == 7) ) {
  alert ("x non è 7");
}

Ovviamente l'esempio che abbiamo appena esaminato non è di particolare utilità e in questo caso non c'è una grossa differenza rispetto all'utilizzo dell'operatore di diversità (!=) che abbiamo visto nelle lezioni precedenti:

x = 7;

if (x! = 7) {
  alert ("x non è 7");
}

Ma se teniamo conto che possiamo utilizzare gli operatori logici per creare situazioni molto complesse, combinando fra loro le varie espressioni, allora appare evidente come l'utilizzo del not sia particolarmente utile. Ad esempio:

nome="Gianni";

if ( ! ( (nome == "Gianni") || (nome == "Marco") ) ) {
  alert ("Non sei né Gianni, né Marco");
}

Nota a margine

Abbiamo accennato nella lezione precedente agli "operatori a livello di bit". Nella programmazione JavaScript non li userete quasi mai, ma è bene sapere che esistono. Perché se per errore scrivete:

(x >= 5) & (x <= 7)

in realtà state utilizzando un operatore a livello di bit e non un operatore logico.

La differenza sta nel fatto che gli operatore di bit convertono tutte le espressioni in valori binari, prima di eseguire i confronti, e poi li confrontano bit a bit. Dal momento che - a volte - ciò comporta delle approssimazioni, la valutazione delle espressioni può non dare adito allo stesso risultato rispetto agli operatori logici.

Operatore Spiegazione Esempio
& “and a livello di bit” x=6;

if ( (x>=5) & (x<=7) ) {
alert ("x è compresa tra 5 e 7");
}

| “or a livello di bit” nome="Gianni";

if ( (nome=="Gianni")
| (nome=="Marco") ) {
alert ("Sei Gianni oppure Marco");
}

^ “or esclusivo a livello di bit” nome="Gianni";

if ( (nome=="Gianni")
^ (nome=="Marco") ) {
alert ("Sei Gianni oppure Marco");
}

~ “not a livello di bit” x=7;

if (~ (x==7) ) {
alert (“x non è 7”);
}

Vediamo un esempio in cui operatori logici e operatori a livello di bit danno adito a risultati differenti. Nell'esempio seguente l'operatore logico restituisce un risultato corretto:

if ( (document.all) && (navigator.platform.indexOf("Win")>-1) ) {
  alert ("Stai usando Internet Explorer su Windows");
} else {
  alert ("Stai usando Internet Explorer su Mac");
}
/* L'oggetto navigator.platform contiene le indicazioni sul
   sistema operativo che l'utente sta usando. Nel caso di
   Windows: alert(navigator.platform); restituisce "Win32"
   indexOf serve per cercare del testo in una stringa: se
   non lo trova restituisce "-1", ecco perché abbiamo chiesto
   di verificare che il risultato di indexOf sia maggiore
   di -1. In pratica così facendo abbiamo chiesto di verificare
   che navigator.platform contenga "Win".
*/

Utilizzando l'operatore a livello di bit invece il risultato dello script non è corretto:

if ( (document.all) & (navigator.platform.indexOf("Win")!=-1) ) {
  alert ("Stai usando Internet Explorer su Windows");
} else {
  alert ("Stai usando Internet Explorer su Mac");
}


Ti consigliamo anche