Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial
  • Lezione 38 di 66
  • livello principiante
Indice lezioni

Creare animazioni

Fireworks non ha certamente la versatilità di Flash, ma qualche animazione riesce a crearla.
Fireworks non ha certamente la versatilità di Flash, ma qualche animazione riesce a crearla.
Link copiato negli appunti

In Fireworks le animazioni possono essere create disegnando direttamente i
singoli fotogrammi ma, soprattutto, realizzando dei simboli le cui proprietà,
modificate nel tempo, diano l'illusione del movimento. Il fatto che
all'interno di uno stesso documento possano coesistere non solo simboli
diversi, ma anche varie istanze delle stesso simbolo, consente di creare
animazioni complesse contenenti più azioni contemporanee.

Riassumendo si può dire che per creare una animazione i passi necessari sono
i seguenti:

  • creare
    i simboli (che a loro volta possono essere animati) che dovranno comparire
    nell'animazione;
  • impostare
    le proprietà dei vari simboli, inserendo se necessario anche più istanze
    di uno stesso simbolo in fotogrammi diversi;
  • decidere
    la durata dei vari fotogrammi e se l'animazione deve essere ciclica o
    meno;
  • ottimizzare
    ed esportare l'animazione (Fireworks è in grado di esportare le
    animazioni sia in formato GIF che in formato SWF per Flash).

Per creare un simbolo è sufficiente scegliere
Inserisci > Nuovo simbolo e nella finestra di dialogo selezionare Animazione.
Nell'area di lavoro che si apre si lavora normalmente e dal pannello
Fotogrammi si possono inserire o duplicare fotogrammi per ottenere un simbolo
che contenga già una animazione.

Nota: quando si inserisce un simbolo formato
da più fotogrammi in un documento questo risulterà comunque composto da un
solo fotogramma, come accade per i pulsanti a più stati.

Per modificare le proprietà di un simbolo si può
scegliere Elabora > anima > Impostazioni oppure visualizzare il pannello
Oggetto. Le proprietà su cui si può agire sono:

  • fotogrammi:
    rappresenta il numero di fotogrammi nei quali deve comparire quel simbolo;
  • spostamento:
    distanza (in pixel) che deve percorrere il simbolo all'interno
    dell'animazione;
  • direzione:
    direzione (in grado) verso cui deve spostarsi il simbolo;
  • scalatura:
    variazione delle dimensioni del simbolo. È espressa in percentuale e può
    essere compresa fra 0 e 250;
  • opacità:
    grado di trasparenza, espresso in percentuale;
  • rotazione:
    angolo (espresso in gradi) di cui deve ruotare il simbolo durante
    l'animazione;
  • oraria
    e antioraria
    : indicano ovviamente la direzione di rotazione.

Quando si inserisce un simbolo animato in un documento, questo risulta
evidenziato da un contorno tratteggiato e al suo interno è visibile un pallino
rosso. Cliccando e trascinando si modifica il tracciato del simbolo, cioè il
percorso lungo cui deve muoversi durante l'animazione. Il tragitto è
individuato da un segmento su cui si sono dei pallini colorati: quello verde e
quello rosso rappresentano rispettivamente il punto di partenza e quello di
arrivo, mentre quelli azzurri indicano le posizioni del simbolo nei vari
fotogrammi.

Nota: nelle animazioni è possibile importare
GIF animate, in questo caso il programma le converte in simboli animati ai quali
è possibile modificare le proprietà.

Dal pannello Fotogrammi si può impostare il
ritardo, cioè per quanto tempo verrà visualizzato quel fotogramma. Il valore
impostato di default si trova nella colonna a destra del pannello ed è espresso
in centesimi di secondo. Per modificarlo è sufficiente farci doppio clic sopra
e impostare il nuovo valore.

In basso a sinistra nel pannello compare il pulsante
che permette di attivare o disattivare la tecnica Onion Skin. In questo modo è
possibile visualizzare i fotogrammi che precedono o seguono quello selezionato.
Si tratta di un metodo molto valido quando, ad esempio, ci sia la necessità di
far coincidere le posizioni di due simboli in fotogrammi diversi.

Accanto al pulsante Onion Skin si trova il pulsante
Ripetizione che permette di impostare quante volte il gruppo di fotogrammi deve
essere ripetuto durante la riproduzione dell'animazione. L'opzione sempre
permette di ottenere una animazione continua.

Nota: il valore che si sceglie indica il
numero di ripetizioni successive alla prima riproduzione, quindi, se si imposta
per esempio il valore 2, la sequenza sarà riprodotta tre volte.

Dal pannello Ottimizza scegliendo trasparenza indice o trasparenza alfa è
possibile impostare uno o più colori da rendere trasparenti all'interno del
browser. Sempre da questo pannello è importante scegliere come formato di
esportazione GIF Animata. A questo punto sarà possibile vedere anche una
anteprima nel browser (tasto F12) dell'animazione che altrimenti risulterebbe
una immagine fissa.

Al momento dell'esportazione (File > Anteprima
esportazione) controllare che il campo Formato, in alto a destra nella finestra,
sia impostato su GIF Animata. Dopo aver cliccato su Esporta impostare Salva come
su Solo immagine per ottenere un file GIF, scegliere invece Flash SWF per avere un documento che potrà poi essere aperto in Flash per ulteriori
modifiche.


Ti consigliamo anche