Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Criptovalute: Giappone chiede il rispetto delle sanzioni

Le autorità giapponesi hanno ordinato agli exchange di criptovalute di non elaborare transazioni di asset crittografici soggetti a sanzioni.
Le autorità giapponesi hanno ordinato agli exchange di criptovalute di non elaborare transazioni di asset crittografici soggetti a sanzioni.
Link copiato negli appunti

Oggi, le autorità giapponesi hanno ordinato agli exchange di criptovalute di non elaborare transazioni che coinvolgono asset crittografici soggetti a sanzioni di congelamento degli asset contro Russia e Bielorussia a causa della guerra in Ucraina.

Il passo compiuto dopo una dichiarazione del Gruppo dei Sette (G7) di venerdì secondo cui le nazioni occidentali "imporranno costi agli attori russi illeciti che utilizzano risorse digitali per migliorare e trasferire la loro ricchezza".

Crescenti sono le preoccupazioni tra le economie avanzate del G7. Prima tra tutte l'uso delle criptovalute da parte delle entità russe come scappatoia per le sanzioni finanziarie imposte al paese per aver invaso l'Ucraina. Gli esperti, tuttavia, rassicurano sull’impossibilità della cosa.

Venerdì il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti emette una nuova guida. Questa richiede alle società di criptovaluta con sede negli Stati Uniti di non impegnarsi in transazioni con obiettivi sanzionatori.

Abbiamo deciso di fare un annuncio per mantenere vivo lo slancio del G7. Prima è meglio è.

ha affermato un alto funzionario dell'Agenzia per i servizi finanziari giapponese.

Il ruolo del Giappone con le criptovalute

Il governo giapponese rafforzerà le misure contro il trasferimento di fondi utilizzando criptovalute che violerebbero le sanzioni. Almeno questo è quanto affermato dall'FSA e dal ministero delle Finanze in una dichiarazione congiunta.

Il Giappone è rimasto indietro rispetto a un cambiamento globale tra i regolatori finanziari. Ciò soprattutto nella definizione di regole più severe sulle valute digitali private; mentre le potenze ricche del G7 e il Gruppo delle 20 centrali hanno chiesto una maggiore regolamentazione delle "stablecoin".

Le autorità di regolamentazione globali rimangono preoccupate per la sicurezza del nuovo mercato per gli investitori, vista la sua ondata di popolarità.

La US Securities and Exchange Commission ha citato il potenziale di manipolazione del mercato come uno dei motivi principali per rifiutare diverse domande di fondi scambiati in bitcoin spot.

Ti consigliamo anche