Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

App Store: no allo screen recording senza autorizzazione

Apple richiede agli sviluppatori di informare gli utenti riguardo alle funzionalità di screen recording eventualmente attive nella applicazioni.
Apple richiede agli sviluppatori di informare gli utenti riguardo alle funzionalità di screen recording eventualmente attive nella applicazioni.
Link copiato negli appunti

In questi giorni, a seguito di un'indagine della redazione di Techcrunch, è emerso che un gran numero di applicazioni presenti sullo store di Apple implementa funzionalità non dichiarate di screen recording. In pratica esse, senza nessuna autorizzazione, avrebbero registrato le operazioni degli utenti durante il loro funzionamento.

Lo screen recording permette di collezionare dati di profilazione che in gran parte dei casi vengono usati per fini pubblicitari. Non si tratta di un comportamento criticabile a priori, ma per ovvie ragioni legate alla trasparenza dovrebbe essere sempre esplicitato nelle licenze d'uso. Gli utenti hanno infatti il diritto di sapere che tipo di archiviazione dati viene eseguita, come vengono conservate tali informazioni e, soprattutto con chi vengono condivise.

Nell'Unione Europea tutto questo è regolato dal GDPR e diversi paesi extra UE hanno legislazioni simili a riguardo. Tali applicazioni operano inoltre in aperta violazione del regolamento dell'App Store che obbliga gli sviluppatori a richiedere il consenso esplicito per questo genere di operazioni.

"Proteggere la privacy degli utenti è uno dei nostri obbiettivi principali. Le linee guida dell'App Store obbligano le applicazioni a richiedere il consenso esplicito dell'utente per queste funzionalità, inoltre è necessario che le app forniscano una chiara indicazione visiva durante la registrazione delle attività dell'utente"

In queste ore Apple ha quindi iniziato a contattare i team che si occupano di sviluppare le App incriminate intimando loro di rendere chiara ed esplicita la funzionalità di screen recording o di eliminarla del tutto.

Dall'inchiesta è emerso anche che i dati raccolti venivano spesso analizzati da tool di terze parti, in modo che le aziende potessero comprendere meglio i comportamenti degli utenti registrati. È quindi possibile che i dati degli utenti siano passati anche per piattaforme esterne, il tutto ovviamente senza il consenso esplicito degli utenti.

Via TechCrunch.com

Ti consigliamo anche