Con il tempo si è diffusa la richiesta di strumenti per ottimizzare i documenti XML. In questo articolo si presenterà il problema, diversi approcci utili a risolverlo, ed EXI, una soluzione offerta dal W3C. Si introdurranno infine alcune soluzioni usate per ottimizzare l’XML in Java.

In questo articolo si approfondisce la conoscenza del framework JAXB descrivendo due argomenti. Nella prima parte si mostrerà come utilizzare JAXB nel caso di schemi XML che facciano uso di un substitutionGroup, strumento che permette di includere nei documenti XML elementi non noti a priori ma generati a partire da una matrice comune. Verrà successivamente introdotta la validazione, mostrando come applicarla e che è possibile intervenire nel processo di validazione per determinarne il comportamento.

RPC o document? Encoded o literal? Wrapped? Approfondiamo le possibilità messe a disposizione dal WSDL. In fase di realizzazione del documento vi sono alcuni parametri da definire, parametri spesso impostati senza un’adeguata riflessione.

JAXB consente di associare classi Java agli schemi XML. L’articolo mostra come customizzare il processo e come risolvere eventuali conflitti generati dalla compilazione degli schemi.