Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Yammer: il Twitter per l'azienda

Yammer è un servizio di micro-blog simile a Twitter ma pensato per ambiti aziendali. Funziona bene, è elegante e pieno di opzioni
Yammer è un servizio di micro-blog simile a Twitter ma pensato per ambiti aziendali. Funziona bene, è elegante e pieno di opzioni
Link copiato negli appunti

A chi ha preso confidenza con le funzionalità e le logiche di Twitter e con il fenomeno del microblogging (magari grazie alla nostra guida), sicuramente non sfuggiranno le potenzialità in ambito business di questo tipo di strumenti. Sapere in ogni momento cosa stanno facendo i nostri colleghi, poter trasferire informazioni "uno a molti" con la consapevolezza che saranno disponibili istantaneamente a un gruppo di collaboratori, ai nostri capi o alle persone che dipendono da noi è indubbiamente un'occasione ghiotta per chi vuole strutturare la propria azienda secondo gli schemi di efficienza ed efficacia dell'enterprise 2.0.

Quando si tratta di applicazioni aziendali tuttavia lo stesso Twitter mostra, almeno al momento, un limite fondamentale: essendo pensato come mezzo di comunicazione di massa, è alquanto complicato restringere le comunicazioni a un gruppo circoscritto di colleghi mantenendo così il necessario livello di riservatezza o controllo delle informazioni. Per superare queste limitazioni esiste però un servizio di microblogging appositamente pensato per essere utilizzato in ambito aziendale: Yammer.

I primi passi

Per attivare un account di Yammer occorre un solo requisito fondamentale: possedere un indirizzo e-mail aziendale. Poiché, infatti, il nostro account sarà legato all'azienda con cui lavoriamo, sia noi sia i nostri colleghi dovremo utilizzare e-mail con lo stesso dominio. In altre parole, daniele@aziendamoderna.com potrà comunicare solo con altre persone che hanno indirizzo di posta con desinenza @aziendamoderna.com: l'accesso al network di persone con e-mail diversa non sarà in alcun modo possibile. Per quanto concerne i costi del servizio, l'account per i professionisti viene fornito a titolo gratuito, mentre esistono versioni facoltative a pagamento per gli "amministratori aziendali" che consentono di compiere operazioni evolute come la disabilitazione dell'accesso per gli ex-colleghi.

Figura 1: Yabber e la sua interfaccia

La registrazione è un processo di pochi secondi e l'utilizzo del servizio è gratuito per i singoli microblogger dell'azienda. Nella pagina di registrazione inseriamo il nostro indirizzo e-mail e clicchiamo sul tasto Signup. Clicchiamo sul link ricevuto via e-mail per attivare il nostro account. Al primo accesso ci verranno chieste alcune semplici informazioni tra cui il nostro nome, il titolo lavorativo e, ovviamente, la password.

Figura 2: la pagina di registrazione di un'account

Successivamente ci sarà richiesto di indicare chi sono i nostri colleghi (I work with), le persone che dipendono da noi (I manage) e i capi (report to) basta inserire il loro indirizzo perché possano ricevere l'invito ad accedere a Yammer. Cliccando su Invite o su Skip dedideremo così, rispettivamente, di inviare gli inviti agli indirizzi aggiunti oppure di saltare questa fase che, in ogni caso, può essere compiuta in seguito.

L'interfaccia di Yammer

La piattaforma di Microblog di Yammer è del tutto simile a quella di Twitter. Nella pagina principale, quella a cui si accede dopo aver effettuato login, possiamo inviare messaggi che saranno visualizzati da tutte le persone che hanno deciso di seguire (follow) il nostro microblog. Significativo il fatto che sopra il riquadro dove digitare i nostri messaggi, ai quali tra l'altro può essere facilmente allegato un file cliccando sul link Attach File, sia presente la scritta "What are you working on", ovvero "a cosa stai lavorando".

Nella finestra con il flusso di messaggi pubblicati da noi o dalle persone che stiamo seguendo (per aggiungere persone al nostro network basta cliccare sull'etichetta in alto members e, per ogni persona della nostra azienda inscritta che sarà visualizzata, cliccare sul rispettivo tasto Follow) è possibile rispondere ai messaggi ricevuti cliccando su Reply, così da gestire il flusso di informazioni ricevute e inviate in maniera totalmente analoga a quanto accade con Twitter.

Le funzionalità "aziendali"

Figura 3: L'organigramma aziendale

Oltre a poter gestire il proprio network di contatti, il profilo personale e i microblog nostri e dei colleghi, Yabber offre delle funzionalità del tutto specifiche per l'utilizzo lavorativo. Tra queste una delle più significative è la visualizzazione dell'organigramma aziendale, estendibile in maniera interattiva con l'aggiunta di persone che dipendono direttamente da noi o di nostri capi. La fruibilità dell'organigramma aziendale (al quale si accede cliccando sull'etichetta Org Chart) è, soprattutto per le società con numerosi collaboratori, uno strumento fondamentale per capire e governare in maniera corretta i flussi di comunicazione.

Se, per esempio, abbiamo accesso al microblog di un collega che non conosciamo, prima di rispondere possiamo capire grazie all'organigramma se si tratta del capo di un nostro capo oppure dell'"ultimo arrivato". Sempre nell'ambito delle funzionalità aziendali, la gestione del profilo personale con tutti i nostri contatti e la possibilità di configurare decine di funzionalità aggiuntive (es. l'invio di messaggi via SMS) costituiscono interessanti punti di personalizzazione di Yammer.

Per concludere questa rapida disamina delle principali caratteristiche di Yammer, va ricordato che esistono già oggi dei client che consentono di utilizzare il nostro microblog aziendale sia tramite programma per computer, sia su dispositivi molto usati in ambito aziendale quali iPhone e BlackBerry. Tutte le applicazioni ufficiali per l'utilizzo di Yammer su dispositivi mobile e su desktop sono disponibili all'indirizzo https://www.yammer.com/account/client_applications. A queste vanno poi aggiunte eventuali altri applicazioni esterne che, seguendo quanto è accaduto per Twitter, possono essere sviluppate da aziende e programmatori esterni.


Ti consigliamo anche