Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

WordPress 3.8: le principali novità

Scopriamo le novità di WordPress 3.8, una versione del noto Blog engine Open source che introduce alcune importanti migliorie a carico dell'area di amministrazione incrementandone l'usabilità.
Scopriamo le novità di WordPress 3.8, una versione del noto Blog engine Open source che introduce alcune importanti migliorie a carico dell'area di amministrazione incrementandone l'usabilità.
Link copiato negli appunti

Rilasciato circa due mesi fa, WordPress 3.7 presentava poche novità visibili per l'utilizzatore; gli
aggiornamenti automatici in background, probabilmente la funzionalità più rilevante tra quelle introdotte attraverso tale aggiornamento, costituiscono in linea di massima un'opportunità per disporre di un'installazione quanto più stabile e sicura possibile, ma non riguardano direttamente l'utilizzo dell'applicazione per la gestione dei contenuti.

Nell'implementazione di WordPress 3.8, per la quale si sono resi necessari circa 250
interventi tra correzioni e miglioramenti, gli sviluppatori del noto Blog engine Open Source si sono invece concentrati sugli aspetti più attinenti l'usabilità dell'interfaccia utente e sulla sua ottimizzazione, soprattutto per quanto riguarda l'area di amministrazione.

La nuova interfaccia utente per l'Admin

Al di là del fatto che la release 3.8 introduca di fatto soltanto un numero limitato di features addizionali rispetto alla versione precedente di WordPress, onorando così la politica adottata di recente dagli sviluppatori che prevede rilasci ravvicinati nel tempo e l'integrazione di poche nuove funzionalità alla volta, essa rappresenta in ogni caso un aggiornamento rilevante nella storia di questo CMS, perché costituisce la messa in pratica di un progetto che prevede l'integrazione di alcuni plugin nel core dell'applicazione (approccio features-as-plugin).

Il progetto proseguirà anche in futuro, ma per il momento sono già stati ottenuti alcuni risultati rilevanti da questo punto di vista, come per esempio nel caso dell'integrazione ufficiale del plugin MP6 per l'Admin User Interface; un'estensione inizialmente adottata per i siti Web gestiti attraverso WordPress.com che è stata scelta con lo scopo di modernizzare e ottimizzare il layout del lato amministrativo di WordPress 3.8.

Figura 1. Il nuovo Admin.
Il nuovo Admin

A caratterizzare MP6 sono in particolare l'architettura responsive, le icone dal design particolarmente "appiattito", l'utilizzo del font Open Sans, l'impostazione più user friendly di alcune componenti (come ad esempio buttons e form) e gli schemi disponibili per i colori; questi ultimi, che nelle versioni precedenti erano di default soltanto due, potranno essere selezionati attraverso il percorso "Utenti > Profilo" del Pannello di Amministrazione.

Figura 2. Gli schemi dei colori di MP6.
Gli schemi dei colori di MP6

Nuovi strumenti per la gestione dei temi

Con WordPress 3.8, gli sviluppatori hanno voluto venire incontro anche alle esigenze di coloro che più volte avevano lamentato il fatto che l'interfaccia per la gestione dei temi fosse troppo ingombra di elementi testuali. Per risolvere tale problema si è scelto di integrare nel core dell'applicazione il plugin Thx38, fino ad ora rimasto allo stato sperimentale, che apporta delle importanti modifiche a carico del file "themes.php", alterando sostanzialmente l'impianto dell'area di amministrazione dedicata ai theme screens.

Figura 3. L'interfaccia per la gestione dei temi.
L'interfaccia per la gestione dei temi

Nello specifico, gli utilizzatori disporranno di screenshots molto più ampi rispetto al passato e di
un'interfaccia deprivata da qualsiasi elemento che possa generare disordine; i cambiamenti apportati riguardano anche la funzionalità di ricerca dei temi che è stata spostata nell'angolo alto a destra rispetto all'area di visualizzazione.

Da segnalare anche i lavoro fatto per migliorare le anteprime dei temi, questa feature era già presente nelle release precedenti del Blog engine, ma ora sarà possibile collassare completamente la sidebar in modo da passare in modalità full screen e da dedicare quanto più spazio possibile alla visualizzazione della preview.

Figura 4. Le anteprime dei temi.
Le anteprime dei temi

I miglioramenti a carico della Dashboard

L'opera di ottimizzazione e "ripulitura" dell'Admin effettuata a carico di WordPress 3.8 ha coinvolto anche la Dashboard dell'applicazione e, anche in questo caso, è stato chiamato in causa un plugin introdotto direttamente nel core; esso prende semplicemente il nome di Dashboard e la sua implementazione è stata possibile grazie ad una collaborazione tra l'autore, @lessbloat, e il team di sviluppo del Blog engine.

Figura 5. La Dashboard ridisegnata.
La Dashboard ridisegnata

La nuova Dashboard prevede di mettere a disposizione un minor numero di widgets lasciando così spazio a quelli ritenuti più utili per gli utilizzatori; tra le modifiche apportate è possibile notare la semplificazione della funzionalità "QuickPress" che diventa ora "Quick Draft", la rimozione del widget "Link in Entrata" e la sostituzione del widget "Stato attuale" con "Attività".

Il nuovo sistema per la selezione dei widget

WordPress fornisce da tempo un comodo sistema per la gestione dei widget da selezionare e posizionare nella barra laterale, o in altre componenti di layout adatte ad ospitarli, con semplici operazioni basate sul Drag & Drop; non di rado però tale impianto diventa più complesso quando i widget da gestire sono numerosi e il corretto posizionamento per gli elementi aggiuntivi risulta più difficile da individuare.

Figura 6. La gestione dei widget.
La gestione dei widget

Nell'ultima versione di WordPress tale problema dovrebbe essere risolto grazie ad una nuova interfaccia utente (basata sul plugin denominato Widgets Area Chooser) concepita per semplificare la selezione dei widget e, soprattutto, la scelta dei componenti di pagina in cui inserirli; ora, in presenza di sidebar multiple, non sarà più necessario trascinare un widget all'interno delle barre in cui non si desidera aggiungerlo.

Twenty Fourteen, il nuovo tema predefinito

Twenty Fourteen è il nuovo tema di default di WordPress 3.8; Twenty Fourteen è entrato nel WordPress trunk avendo una storia particolare alle spalle, esso infatti era stato concepito per l'installazione nelle Webzine professionali dal theme designer Takashi Irie e commercializzato su WordPress.com, con il nome di "Further", come soluzione premium. Irie lavora però per la Web development corporation Automattic di Matt Mullenweg, il creatore di WordPress, i cui responsabili hanno deciso di adottare Further facendolo evolvere in ciò che ora è diventato.

Figura 7. Il tema predefinito Twenty Fourteen
Il tema predefinito Twenty Fourteen

Trattandosi di una soluzione in stile magazine, Twenty Fourteen è particolarmente adatto per la promozione di contenuti in evidenza dando largo spazio alle immagini quando presenti, ma si adatta comunque facilmente anche a quei blog che propongono prioritariamente contenuti testuali; le aree destinate ai contenuti da evidenziare potranno essere personalizzate in modo abbastanza semplice adottando layout a griglie o basate su slider; inoltre, si potrà decidere quali elementi mettere in evidenza attraverso l'inserimento di un tag tramite il gestore dei temi, sulla base di quest'ultimo Twenty Fourteen capirà quali articoli privilegiare e all'interno di quali spazi posizionarli.

La Road Map verso WordPress 4.0

WordPress 3.9 dovrebbe essere rilasciato all'inizio del 2014 e con esso dovrebbe proseguire la politica di sviluppo che prevede rilasci temporalmente ravvicinati associati a poche features aggiuntive e ad uno studio delle nuove funzionalità sotto forma di plugin per una futura integrazione nel core. Tra i plugin attualmente in fase di sviluppo vi è Global Admin Search che dovrebbe portare all'implementazione del sistema Omnisearch, uno strumento appositamente pensato per permettere agli utilizzatori di effettuare ricerche su diverse tipologie di contenuti e risorse come per esempio articoli, pagine, file, estensioni, temi e media.

Per quanto riguarda invece WordPress 4, versione attesa per la prima metà del prossimo anno, essa dovrebbe condividere le stesse API (Application Programming Interface) della 3.9, per cui ogni porzione di codice scritta per la release precedente dovrebbe essere supportata anche da quella successiva (costrutti deprecati a parte); ci si attende però che il quarto aggiornamento dell'applicazione porti con sé un upgrade della versioni minima supportata di PHP, in modo da poter garantire l'utilizzo di features come traits, namespaces e closures, rimuovendo nel contempo tutte le funzionalità deprecate prima della 3.9.

Conclusioni

Il passaggio a WordPress 3.8 è consigliabile non soltanto per via delle funzionalità aggiuntive descritte nel corso di questa trattazione, ma anche per i numerosi bug corretti durante il suo sviluppo. In ogni caso, per coloro che per un qualsiasi motivo non avessero la possibilità o il desiderio di migrare alla release 3.8, si ricorda che molti dei plugin utilizzati per implementare le nuove features dell'ultima versione potranno essere adottati in WordPress 3.7 previa installazione di MP6.


Ti consigliamo anche