Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Ubuntu 9.10: le novità in 10 immagini

Dal nuovo Gnome all'Ubuntu software center, dalla sicurezza a Ubuntu One. Le novità di Ubuntu Karmic Koala in 10 immagini
Dal nuovo Gnome all'Ubuntu software center, dalla sicurezza a Ubuntu One. Le novità di Ubuntu Karmic Koala in 10 immagini
Link copiato negli appunti

Ubuntu Karmic Koala è ormai stata rilasciata, e già da qualche settimana vi avevamo anticipato quali sarebbero state le più importanti novità in arrivo con questa versione della distribuzione GNU/Linux sudafricana. In questo articolo vi mostreremo le 10 immagini più significative di Ubuntu 9.10, riguardanti le innovazioni più interessanti realizzate dal team Canonical.

GNOME 2.28

L'ambiente desktop predefinito, GNOME, è stato aggiornato alla versione 2.28. Tra le altre novità, troviamo la presenza di un nuovo set di icone e di un nuovo tema grafico, che rendono il look di Ubuntu Karmic Koala sicuramente più gradevole rispetto alle precedenti edizioni della distribuzione. Anche gli altri ambienti desktop disponibili sono stati aggiornati.

Figura 1: Gnome 2.28Gnome 2.28

Ubuntu Software Center

Il nuovo Ubuntu Software Center offre la possibilità di avere in un unico strumento tutte le funzionalità per la gestione dei pacchetti. Le applicazioni sono divise per categorie, e di ognuna è disponibile una breve recensione, un'immagine di anteprima, ed altri utili dettagli. In questo modo, non si dovranno più utilizzare diverse applicazioni per installare pacchetti o aggiornare il sistema.

Figura 2: Ubuntu Software CenterUbuntu Software Center

Kernel e supporto hardware

Il Kernel presente all'interno di Ubuntu 9.10 è in versione 2.6.31, che fornisce numerosi miglioramenti sotto il punto di vista del supporto hardware, già ad altissimi livelli grazie al lavoro del team di sviluppo. In particolare, sono state implementate nuove schede Wireless, ed è disponibile il Kernel Mode Settings per schede video ATi.

Figura 3: KernelKernel

Sicurezza

Ubuntu Karmic Koala vede l'entrata in gioco di diverse novità che permettono al sistema operativo di essere ancora più sicuro ed affidabile. In particolare, il firewall di Ubuntu è stato rafforzato con ulteriori funzionalità, ed è possibile scegliere di cifrare la propria cartella Home tramite il filesystem eCryptfs durante l'installazione della distribuzione.

Figura 4: SicurezzaSicurezza

Ubuntu One

Ubuntu One, lo strumento gratuito fornito da Canonical per il backup e la sincronizzazione dei propri file, è disponibile sin da subito in Ubuntu 9.10. Tutto ciò che è necessario fare per accedere a questo servizio è la registrazione presso il sito ufficiale, al termine della quale è possibile iniziare a salvare fino a 2GB di dati presso i server Canonical, per poi recuperarli ogni qual volta sia necessario.

Figura 5: Ubuntu OneUbuntu One

Nuovo gestore audio

Tra le altre novità, Ubuntu Karmic include una nuova applet per la gestione delle preferenze audio. In questo modo è più semplice monitorare i flussi sonori, sia in entrata che in uscita, e gestire l'output audio di ogni singola applicazione.

Figura 6: Nuovo gestore audioNuovo gestore audio

Eucalyptus

Come promesso da qualche tempo da Canonical, Ubuntu 9.10 è incentrata anche sul cloud computing: tra i pacchetti ufficiali è disponibile anche Eucalyptus, un'infrastruttura open source per la realizzazione di un ambiente di calcolo comune, da condividere con altri utenti. Il progetto è composto di un'applicazione server, ed un client per la gestione lato utente. È possibile collaborare anche con progetti pubblici, come ad esempio Amazon EC2, tramite l'estensione per Firefox Elasticfox.

Figura 7: Elasticfox per FirefoxElasticfox per Firefox

Aggiornamento applicazioni

Tutto il parco software di Ubuntu 9.10 è stato aggiornato, così da fornire agli utenti una serie di applicazioni che possano offrire tutte le proprie potenzialità e prive di bug ormai risolti.

Figura 8: Aggiornamento applicazioniAggiornamento applicazioni

GRUB2

Dalla versione 9.10, Ubuntu manda in pensione GRUB per passare alla seconda versione del boot loader più utilizzato negli ambienti GNU/Linux. GRUB2 risulta comunque molto simile alla precedente edizione per quanto riguarda l'utilizzo, ma risulta leggermente differente la fase di configurazione.

Figura 9: GRUB2GRUB2

Upstart

Se le precedenti versioni di Ubuntu avevano visto l'entrata in scena graduale di Upstart, è con Karmic Koala 9.10 che possiamo finalmente dire terminato il processo di integrazione di tale strumento all'interno del cuore della distribuzione. Upstart sostituisce il tradizionale demone /sbin/init per l'avvio dei servizi al boot del sistema operativo, e per la loro terminazione all'arresto dello stesso.

Figura 10: UpstartUpstart


Ti consigliamo anche