Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Thunar: file manager innovativo

Presentazione di Thunar, un file manager per Linux leggero, elegante e completo di interessanti caratteristiche innovative
Presentazione di Thunar, un file manager per Linux leggero, elegante e completo di interessanti caratteristiche innovative
Link copiato negli appunti

Qualche mese fa abbiamo analizzato le novità introdotte all'interno di Xfce 4.4, l'ultima versione del desktop environment leggero per GNU/Linux. Questo ambiente desktop è particolarmente indicato per tutti quegli utenti che vogliono ricevere il massimo, in termini di prestazioni, dal proprio hardware non proprio di ultima generazione. Esso viene spesso consigliato infatti per l'utilizzo su postazioni Linux che hanno a disposizione meno di 256 MByte di memoria RAM. A quanto pare però le ultime versioni sono così migliorate da permettere allo stesso Xfce di candidarsi a pieno titolo tra i primissimi posti dei desktop environment più utilizzati del pinguino, dopo GNOME e KDE ovviamente.

Come ogni desktop environment che si rispetti anche Xfce ha il proprio file manager. Un file manager non è nient'altro che un programma, dotato di interfaccia grafica, che fornisce un metodo veloce ed immediato per lavorare sul file system di Linux. Le sue operazioni più comuni permettono di lavorare sui file, in maniera particolare di creare, aprire, modificare, leggere, rinominare e molto altro ancora quest'ultimi. Il file manager che ha reso celebre anche Xfce, e che gli ha permesso di arrivare quasi ai livelli dei più blasonati GNOME e KDE, prende il nome di Thunar.

A differenza di altri file manager, Thunar è caratterizzato da una interfaccia grafica molto pulita, intuitiva ed efficace e la sua filosofia è quella di non confondere l'utente con opzioni e funzioni non particolarmente utili per il suo lavoro. Thunar è veloce e risponde bene alle richieste dell'utente sia per quanto riguarda la velocità di caricamento delle directory che per il suo avvio. Stando alle parole dei suoi sviluppatori Thunar è caratterizzato da così tante caratteristiche addizionali da porsi sicuramente un passo in avanti dei suoi più diretti avversari. Una delle caratteristiche che hanno reso celebre Thunar è sicuramente il Bulk Renamer che permette agli utenti di ridenominare facilmente gruppi di file nello stesso tempo e con una singola operazione. In più è caratterizzato dagli Audio Tags, un'altra feature che permette di creare nuovi file basati sui diversi tag presenti in un file audio.

Analizziamo brevemente quali sono le altre funzionalità messe a disposizione da questo promettente e potente file manager.

Figura 1: L'interfaccia di Thunar
L'interfaccia di Thunar

Dando un'occhiata alla figura qui sopra è possibile farsi un'idea su quali strumenti vengono messi a disposizione con la Thunar Window, la finestra principale del file manager. Notiamo subito che sopra al riguardo che mostra tutte le directory è presente una linea di piccoli pulsanti con cui è possibile muoversi nelle directory recentemente visitate, ad esempio la directory precedente a quella corrente o quella ancora prima. Nella colonna di sinistra sono poi disponibili i vari dispositivi e le relative sotto directory presenti sul nostro file system. Per gli amanti delle scorciatoie da tastiera Thunar mette ovviamente a disposizione una serie di tasti di scelta rapita che migliorano notevolmente l'efficienza del file manager, oltre che a velocizzarne le operazioni.

Uno dei punti di forza di Thunar sono sicuramente le custum actions. Quest'ultime permettono all'utente di lanciare determinati eventi al verificarsi di determinate condizioni o in presenza di determinati contesti. Ad esempio è possibile istruire Thunar in modo che lanci uno script .sh all'interno della shell dei comandi per poi visualizzarlo a video oppure compilare direttamente un file .java senza passare attraverso il compilatore e i suoi comandi. Per creare una nuova custum action basta seguire il percorso Edit / Configure custum actions e scegliere ciò che fa al caso proprio.

Altra utile funzionalità è quella riguardante l'indicizzazione dei file. È possibile ad esempio contrassegnare un determinato file come important, shared o draft per facilitare le ricerche future. In più è possibile assegnare determinate funzioni agli eventi del mouse, ad esempio ad un click, ad un suo scrolling o anche al suo tasto centrale. Sempre tramite la rotellina del mouse è poi possibile muoversi velocemente tra le directory visitate di recente. Ovviamente è poi possibile ricercare un file attraverso ricerche ricorsine oppure cambiare la visualizzazione dei file all'interno della Thunar Window.

Altra importante particolarità di Thunar sono i plug-in. Anche se in perenne stato di sviluppo è possibile scaricare dalla homepage del progetto una serie di estensioni in grado di estendere e migliorare le funzionalità del file manager. È possibile, ad esempio, scaricare il plug-in per estrarre o creare velocemente archivi tar.gz o tgz e molto altro ancora.

In conclusione possiamo affermare che Thunar può essere considerato a tutti gli effetti un diretto concorrente di altri file manager come Nautilus, riuscendo addirittura a fornire funzioni ulteriori rispetto a quest'ultimi mantenendo però sempre la prerogativa che ha reso celebre anche il desktop environment che supporta: la leggerezza. Per maggiori informazioni fate riferimento alla homepage ufficiale del progetto.


Ti consigliamo anche