Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Siti per Wii: un'introduzione

I fattori da valutare nella realizzazione di siti e applicazioni ottimizzati per la console di Nintendo
I fattori da valutare nella realizzazione di siti e applicazioni ottimizzati per la console di Nintendo
Link copiato negli appunti

Il successo riscosso dalla nuova console di Nintendo, chiamata Wii, ha rivoluzionato le funzionalità e le modalità di interazione tra gli utenti e il proprio apparecchio televisivo. Nintendo Wii, oltre a consentire come ovvio l'utilizzo di giochi, presenta una serie di caratteristiche che la rendono un prodotto di intrattenimento ad ampio respiro.

In particolare, la presenza di una scheda Wi-Fi integrata nella console e la possibilità di scaricare una versione speciale del browser Opera espressamente ottimizzato per la visualizzazione di siti web (e web 2.0) sulla TV e per il controllo della navigazione tramite telecomando WiiMote, aprono una serie di interessanti prospettive per chi realizza siti e applicazioni web. In questo articolo introduttivo vedremo quali siano i fattori chiave da tenere in considerazione per la realizzazione di siti ottimizzati per questa console, soprattutto per quel che attiene lo studio dell'interazione con l'utente e la cura dell'interfaccia.

Nuove opportunità per il web

Visto il numero sempre crescente di utenti che in Italia sono dotati di Wii collegate a internet (per rendersene conto basta controllare periodicamente l'affollamento delle mappe di uno dei siti che tracciano geograficamente la posizione degli utenti registrati come MapWii) sembra logico cominciare a considerare gli utenti della Wii e, in generale, il sistema di comunicazione on-line costituito da Wii + TV + WiiMote, un punto di riferimento molto interessante, per certi versi anche più appetibile rispetto ai tradizionali sistemi composti PC/MAC + Monitor + Mouse o ai dispositivi portatili quali telefonini e palmari. Rappresentando infatti gli utenti Wii un target molto profilato, tipicamente si tratta di ragazzi interessati al mondo dei giochi e, in misura minore, anche dei genitori o dei parenti che da un giorno all'altro si trovano a poter utilizzare internet sulla TV, è più semplice individuare quei servizi di carattere commerciale o i contenuti che risultano di reale interesse per tale popolazione di riferimento. La realizzazione di siti ottimizzati per la Wii, è quindi un'opportunità nuova e dalle ottime prospettive per chi sviluppa servizi web.

Quando l'interazione è diversa

Definita una base di caratteristiche tecniche e limitazioni che contraddistinguono l'attuale versione del browser scaricabile sulla Wii e che, molto rapidamente, possiamo riassumere nei seguenti punti:

  • piena compatibilità del browser Opera per Wii con Ajax
  • possibilità di visualizzazione filmati Flash (versione 7 del Flash Player)
  • risoluzione dello schermo TV "garantita" pari a 608x456 pixel
  • interazione tipica di puntamento limitata all'utilizzo di un puntatore e di un solo tasto (equivalente alla possibilità di muovere il puntatore del mouse e di cliccare col tasto destro)
  • possibilità di immettere testo utilizzando una tastiera virtuale (il cui utilizzo però implica l'oscuramento temporaneo della pagina web e, quindi, rende impossibile l'impiego contemporaneo di tasti e del puntatore del mouse)
  • possibilità di leggere e interpretare codici dei tasti di posizione del pad a croce teoricamente confermata ma ancora inesplorata

ne conseguono alcune regole pratiche alle quali attenersi quando si vuole sviluppare un sito o un'applicazione per Wii.

Innanzi tutto, nel nome dei sempre attuali concetti di accessibilità e usabilità, i caratteri e le dimensioni degli elementi della pagina web devono essere grandi, anzi, enormi. La risoluzione molto limitata dello schermo TV infatti non lascia ampi margini di manovra in tal senso. Le tradizionali tecniche di web design delle pagine testuali con font ridottissimi ricche di elementi cliccabili che, solitamente, presuppongono la visualizzazione su schermi per PC ad alta risoluzione non sono affatto adatte alla Wii che, di fatto, deve essere considerato un vero e proprio sistema di accesso al web con regole ben definite.

In secondo luogo bisogna sempre ricordarsi delle caratteristiche del sistema di puntamento, fattore fondamentale soprattutto per la realizzazione di giochi in Flash o applicazioni multimediali . Da evitare, quindi, giochi in Flash controllati dai tasti cursore o, peggio ancora, che richiedono l'impiego di svariati tasti della tastiera.

Dal punto di vista della possibilità di memorizzare informazioni sulla navigazione attraverso cookie, attualmente il browser ricorda i dati immessi in fase di login ma, visto il supporto limitato ai cookie e lo scarso controllo applicabile in tal senso, è bene progettare siti che memorizzino informazioni direttamente sul server e mai in locale. In questa prospettiva, siti web come Netvibes sono un ottimo punto di riferimento.

Limiti solo apparenti

Per i web designer della vecchia scuola, risoluzioni video così basse e sistemi di interazione che, per quanto tecnologicamente molto evoluti, dal punto di vista dell'interazione risultano più limitati del buon vecchio sistema muose + tastiera, possono sembrare ostacoli davvero insormontabili. In realtà, come dimostrano le stesse applicazioni realizzate da Nintendo per la propria console, prestando la giusta attenzione alla cura dell'interfaccia si ottengono dei risultati davvero dirompenti.

Alcuni esempi possono chiarire questo concetto. La già citata difficoltà di inserire lunghi testi nelle pagine web, viene brillantemnte superato con sistemi come quello adottato nel canale News all'interno del quale tutto risulta estremamente semplice e intuitivo, dalla selezione della notizia alla possibilità di ingrandire il testo a nostro piacere. Lo stesso dicasi per il canale dei sondaggi dove un'interazione davvero semplicissima e limitata, inserita in un contesto ludico e graficamente accattivante, trasmette all'utente una sensazione di familiarità e semplicità davvero unica in grado di invogliarlo a rispondere ai sondaggi proposti.

Proprio grazie all'ottimo studio dell'interazione con l'utente e all'estrema facilità di utilizzo ottenuta grazie alle interfacce in stile Wii, chiunque sappia usare un telecomando per accendere la TV è oggi in grado di navigare in internet. È proprio sul concetto di semplicità di interazione e sulla possibilità di visualizzare pochi contenuti accessibili in maniera intuitiva che si basa lo stile internet della Wii. Per chi inoltre presta grande attenzione al lato estetico del web, in rete si trovano già da qualche tempo elementi grafici e linee guida che possono indicare la strada da seguire dai grafici e dai programmatori per ottenere "look and feel" tipico dei progetti ufficiali di casa Nitnendo per la Wii.

Le best practices attuali

In questa prima fase ancora non pienamente matura di sviluppo di siti e applicazioni web per la Wii si cominciano a identificare già da qualche tempo ottimi esempi. Ne citeremo alcuni evidenziandone i pregi e le caratteristiche più interessanti.

Il già citato MapWii è una sintesi perfetta tra applicazioni già esistenti del web 2.0, in questo caso il servizio di API per Google Maps, e di interfaccia in stile Wii. Con due semplici menu a tendina di dimensioni enormi si riesce ad effettuare tramite WiiMote una selezione rapidissima del paese e della provincia da visualizzare. Bastano due soli clic per ottenere il nostro scopo! L'interfaccia di Google Maps programmata in Ajax integrata nel servizio risulta poi pienamente compatibile con il browser, cosa che rende davvero interattiva la navigazione nel web e nel servizio.

Un altro interessante esempio è costituito da FamousMii, piccolo portale ottimizzato per Wii che presenta una serie di informazioni sulla realizzazione dei simpatici avatar animati che popolano i giochi e le applicazioni per la console Nintendo, i cosiddetti Mii. Questo sito affronta in maniera decisa la questione del look and feel in stile Wii, offrendo una home page che riprende esteticamente il sistema di navigazione tra le applicazioni della Wii, con i grandi pulsanti che portano alle diverse sezioni del sito. Per quanto l'estetica non sia raffinata e pulita come quella originale Nintendo, si tratta indubbiamente di un primo tentativo ben riuscito di studiare interfacce in linea con lo stile ufficiale, cosa che rende ancora più semplice per i meno esperti la navigazione nei contenuti.

Altrettanto interessante è il sito www.wiicode.com, sito che di fatto non è altro che una raccolta ragionata di giochi in Flash già esistenti che, per il particolare tipo di interfaccia e sistema di interazione, risultavano già perfettamente compatibili con la Wii. Oltre alle pagine piene di miniature cliccando sulle quali si lanciano i singoli giochi, anche in questo caso l'interfaccia di navigazione e, in particolare, il menu di navigazione sulla sinistra, riprendono alcuni stilemi tipici delle interfacce Wii.

Per concludere questa disamina, passiamo a un'applicazione Ajax che, malgrado la giovanissima età, costituisce un punto di riferimento per chiunque voglia sviluppare applicazioni complesse per Wii fruibili attraverso internet. Il sito www.wiiminder.com nasce con lo scopo di integrare le funzionalità attuali del browser Opera con un sistema di gestione delle pagine, dei preferiti, del sistema di ricerca e, in generale, di tutte quelle funzionalità di navigazione evolute che al momento attuale sembrano poco sviluppate. Wiiminder offre numerosi spunti di riflessione per chiunque intenda sfruttare al meglio e addirittura potenziare le caratteristiche di una console che, a tutti gli effetti, grazie la compatibilità con Ajax e Flash va considerata una piattaforma di sviluppo aperta per applicazioni "da TV".

Daniele Cerra è giornalista pubblicista, Content Manager, Progettista e-learning e Concept Designer. Il suo sito personale è http://www.danielecerra.it


Ti consigliamo anche