Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Security Essentials: l'antivirus gratuito di Microsoft

Abbiamo provato la versione beta di Microsoft Security Essentials, nome in codice Morro, l'antivirus gratuito di Microsoft
Abbiamo provato la versione beta di Microsoft Security Essentials, nome in codice Morro, l'antivirus gratuito di Microsoft
Link copiato negli appunti

Morro, nome in codice del software antivirus di Microsoft destinato a
sostituire il poco fortunato Windows Live OneCare, è da poco disponibile in
versione beta parzialmente pubblica con il nome definitivo di Microsoft Security
Essentials (MSE). Il software di sicurezza sarà, al momento del suo rilascio,
gratuito per tutti gli utenti Windows e servirà da protezione contro i malware,
trojan, rootkit e virus. La versione finale è prevista per il prossimo autunno,
mentre dal prossimo 30 giugno Microsoft sospenderà la vendita esterna di Live
OneCare, per interromperla definitivamente il prossimo settembre.

Abbiamo provato questa versione Beta su un sistema Windows 7 (RC) e
l'abbiamo apprezzata in diversi aspetti. Da condividere la decisione
di eliminare dal software gli strumenti che non avevano diretta
attinenza con la sicurezza
, come le opzioni di ottimizzazione del Pc o
quelle di condivisione della stampante. Microsoft ha escluso dall'applicazione
anche il firewall e alcuni strumenti per la condivisione dei file.
Buona anche la decisione di conservare, di Live OneCare, lo logica
dell'interfaccia, che anzi è stata migliorata in più punti ed è sicuramente, nel
panorama degli antivirus gratuiti, una delle più pulite.

Figura 1: L'interfaccia di accesso di MSE
L'interfaccia di accesso di MSE

MSE si basa su diverse tecnologie di protezione di Microsoft e il
motore di scansione
è lo stesso di Live OneCare. Offre protezione in
real time dai principali pericoli di sicurezza, scansioni programmate,
configurazioni avanzate per l'esclusione di file e supporto al network SpyNet,
il servizio di segnalazione spyware generato dagli utenti dei programmi
Microsoft.

Il nuovo servizio ha ottimizzato anche l'impatto sulle risorse di
sistema
riducendo al minimo i moduli e le funzioni necessarie. La
scansione programmata avviene quando il sistema è in uno stato non operativo,
mentre gli aggiornamenti vengono installati automaticamente e in background
attraverso Microsoft Update.

L'interfaccia è molto semplice e presenta quattro diverse schede. Dalla prima
è possibile avere un'immediata percezione dello stato del sistema (verde, gialla
o rossa in caso di problemi) e avviare la scansione manuale veloce, completa o
personalizzata. La scheda Update mostra informazioni sugli
aggiornamenti e permette di avviare un aggiornamento manuale, mentre la scheda
History
mostra la cronologia delle rilevazione del software.

Figura 2: La cronologia delle minacce rilevate
La cronologia delle minacce rilevate

Dalla scheda Settings è possibile configurare
l'applicazione. Le opzioni riguardano l'impostazione della scansione automatica,
le azioni predefinite da eseguire al rilevamento di un pericolo, le cartelle, i
file o anche i processi da escludere dalla scansione e qualcos'altro. Dalla voce
Advanced è possibile decidere se scansionare anche i file compressi, i drive
esterni e se creare ad ogni rilevamento di pericolo un punto di ripristino.

Figura 3: La scheda di configurazione avanzate
La scheda di configurazione avanzate

Abbiamo provato il software per poche ore, ma le
prime impressioni che abbiamo avuto installandolo e utilizzandolo su un sistema quasi "pulito" sono buone. Sulla protezione si può stare tranquilli: Live OneCare, il sistema su cui si basa MSE, ha passato, anche se con risultati non eccellenti, l'ultimo test di Av Comparatives e ha ricevuto il "bollino" VB100 da
Virus Bulletin. Dell'interfaccia abbiamo già detto: è pulita, funzionale e
chiara.

Il software poteva essere
scaricato
attraverso il servizio Microsoft Connect da, al massimo, 75 mila
utenti residenti negli Stati Uniti, in Brasile e in Israele (al raggiungimento
del limite dei download previsti Microsoft ha interrotto il servizio). La
stessa versione
è disponibile anche sul canale Download di HTML.it. La versione finale sarà disponibile alcuni giorni prima del rilascio di Windows 7
(previsto per il prossimo 22 ottobre).


Ti consigliamo anche