Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Photoshop CS6: le novità più interessanti

Un'interfaccia rinnovata, semplificazione di comandi ripetuti, miglioramento delle caratteristiche già presenti du CS5 e uno sguardo in più all'editing video
Un'interfaccia rinnovata, semplificazione di comandi ripetuti, miglioramento delle caratteristiche già presenti du CS5 e uno sguardo in più all'editing video
Link copiato negli appunti

Adobe ha reso disponibile la beta del futuro Photoshop CS6, la nota suite dedicata al fotoritocco, scaricabile in modo gratuito dalle pagine degli Adobe Labs sia per Mac che per Windows. La nuova versione del software è tutta incentrata sul miglioramento delle geniali funzioni già introdotte in Photoshop CS5, come ad esempio il "Riempimento in base al contenuto", a cui si aggiungono gradite innovazioni nel campo dell'editing video. La beta è al momento distribuita solo in inglese, ma le altre lingue faranno di certo la loro apparizione prima della commercializzazione finale.

L'interfaccia

Photoshop CS6 propone un'interfaccia tutta nuova, almeno per quanto riguarda la tonalità. Il primo elemento che salta all'occhio, però, è lo splashscreen di apertura: un gatto con la scritta "Superstition". Si tratta semplicemente di un banale scherzo scaramantico per la beta, considerato come si stia parlando della versione 13 di Photoshop, numero sfortunato in quel degli Stati Uniti.

Figura 1. Lo splashscreen di Photoshop CS6 Beta
(clic per ingrandire)

Lo splashscreen di Photoshop CS6 Beta

Superato lo spauracchio d'apertura, il software ora mostra di default una GUI grigio scuro anziché il tradizionale grigio tenue, allineandosi ad altri prodotti come Adobe Lightroom. La motivazione di questa scelta è fin troppo semplice: un tono che si avvicini il più possibile al nero, infatti, garantisce un maggior risalto ai colori della fotografia su cui si vuole lavorare, facilitandone l'operazione. Gli utenti nostalgici, tuttavia, non hanno nulla di cui temere: dal menu "Preferences/Interface" di "Edit" è possibile tornare ai colori delle versioni precedenti.

Figura 2. L'interfaccia di Photoshop CS6 Beta
(clic per ingrandire)

L'interfaccia di Photoshop CS6 Beta

La disposizione di menu e funzioni, invece, è pressoché identica al precedente Photoshop CS5, con l'unica grande eccezione dell'aggiunta delle finestrelle "Mini Bridge", un browser rapido per i cataloghi di Adobe Bridge, e "Timeline", che verrà brevemente trattata nei prossimi paragrafi. Degno di nota, infine, è la presenza del pannello "Adjustments" nella colonna dedicata a navigazione e livelli, per tutte le modalità di visualizzazione da "Essentials" a "Photography", passando per "3D".

Novità per la regolazione di base delle immagini

Photoshop CS6 facilita alcune operazioni per la gestione quotidiana di immagini, ovvero quei processi indolore che vengono ripetuti centinaia di volte quando si è al lavoro su una fotografia. Fra le tante, vi è un migliore sistema di ritaglio e dei controlli di sfumatura praticamente fulminei.

Comando Crop

La funzione di ritaglio, "Crop" nella sua denominazione inglese, è stata totalmente ripensata. Innanzitutto, gli angoli di trascinamento del riquadro di ritaglio sono stati resi più evidenti, con l'eliminazione dei tipici quadrati a favore di uno strumento a "L". In questo modo, facile è agire sulla selezione anche in assenza di puntatori di precisione o tramite l'utilizzo di una trackpad. Inoltre, ora non è più la selezione a muoversi nello spazio in base alle esigenze dell'utente, bensì lo scatto sottostante: così facendo, l'area di ritaglio rimane sempre al centro per mantenere il focus sugli elementi da conservare anziché quelli da scartare.

Figura 3. L'area di crop di Photoshop CS6
(clic per ingrandire)

L'area di crop di Photoshop CS6

Funzioni sfumatura, Tilt Shift e Iris Blur

Le funzioni base di sfumatura, utilissime quando si vuole modificare al volo un'immagine per pubblicarla su un blog o su un social network, diventano immediate. Dal classico filtro "Blur", infatti, si può accedere facilmente alle impostazioni semi-automatiche di "Field Blur", "Iris Blur" e "Tilt Shift", ovvero le regolazioni del fuoco della ripresa utili per far apparire oggetti di grandi dimensioni come minuscoli.

Figura 4. Le nuove funzioni sfumatura di Photoshop CS6
(clic per ingrandire)

Le nuove funzioni sfumatura di Photoshop CS6

Novità per la regolazione avanzata delle immagini e dei video

Photoshop CS6, come facile intuire, presenta aggiornamenti interessanti anche per quanto riguarda la gestione avanzata delle immagini, a cui si aggiungono anche alcune feature per i video e una realizzazione di testi in pieno stile CSS.

Nuovo riempimento in base al contenuto

Uno degli elementi più acclamati di Photoshop CS5, il "Riempimento in base al contenuto", diventa ancora più efficiente, per la clonazione di grandi porzioni di fotografia a prova di neofita. Per rendere sempre più sensibile il riempimento "intelligente" del software, noto per rimpiazzare parti di immagine riproducendo alla perfezione i pattern adiacenti all'area selezionata, è ora possibile scegliere l'area di origine per la clonazione. Inoltre è stato introdotto "Content Aware Move", un tool con cui è possibile selezionare elementi dello scatto, come una sagoma umana, e spostarli rapidamente sul foglio di lavoro. Photoshop provvederà ad amalgamare al meglio la fotografia, provvedendo in modo autonomo a coprire lo spazio di sottrazione generato dallo spostamento dell'elemento nello spazio. Per vedere la funzione in azione, si consiglia il seguente video:


Figura 5. Esempio Content Aware Move
(clic per ingrandire)


Esempio Content Aware Move

Funzioni di Testo CSS e Video

Quando si inserisce un testo, Photoshop permette ora di formattarlo in base ad alcune regole specifiche del linguaggio CSS. Ad esempio, si possono sfruttare i tag HTML per definire titoli e paragrafi, come "h" e "p". Testi e altri elementi grafici possono anche essere riportati in sovrimpressione in un video, grazie al nuovissimo editor "Timeline". Con Timeline si hanno funzioni base di elaborazione di un filmato, tuttavia più avanzate delle normali proposte consumer come i vari Windows Movie Maker o iMovie di Apple. Per utilizzarlo, basta semplicemente importare un documento video in Photoshop e accedere alle sue intuitive funzioni, sempre visualizzabili a ridosso dell'estremità inferiore del software.

Figura 6. Esempio di Testo CSS
(clic per ingrandire)


Esempio di Testo CSS

Altre funzioni

Le possibilità con Photoshop CS6 non si fermano a quelle elencate, bensì includono tanti nuovi strumenti utili sia all'utenza professionale che ai neofiti. Fra le varie, vale la pena di ricordare il pieno supporto a tutti i formati RAW delle più diffuse reflex in commercio, un migliore anti-aliasing per l'importazione di oggetti 3D elaborati con software di terze parti, la possibilità di combinare le forme in pieno stile vettoriale con degli strumenti ereditati dal "cugino" Illustrator, delle "Opzioni di fusione" dal rendering più elegante per forme e testi con un riconoscimento intelligente delle ombre, nuovi shortcut rapidi e molto altro ancora.

Trattandosi di una beta, è possibile che siano presenti alcuni bug, quindi durante l'utilizzo non tutti gli elementi disponibili potrebbero funzionare alla perfezione. Pare, infine, che Adobe abbia in serbo delle grandi sorprese per la versione finale, con ulteriori tool pensati specificatamente per i professionisti.


Ti consigliamo anche