Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

l Linuxmeeting di Bologna

Link copiato negli appunti

Una delle cose che particolarmente caratteristiche del mondo del free software è l'affiatamento che vi è tra i sostenitori. Più volte infatti si è ricordato che tutto il movimento del software libero è diventato qualcosa che va al di là dell'informatica: per molti è qualcosa in cui credere, una passione, un piccolo miracolo che ogni giorno diventa realtà e dà conferma di se, la dimostrazione di come le cose si possano fare solo per puro divertimento.

È anche per questo che spesso vengono organizzate delle manifestazioni a favore del software libero che solitamente si concretizzano in incontri con talk, dimostrazioni pratiche che spaziano dal tipico "Linux Installation Party" (LIP), nel quale i più esperti danno una mano a chi voglia installare GNU/Linux sul proprio PC per la prima volta, alla masterizzazione dei CD di distribuzioni. Un'occasione per chi conosce già Linux di incontrare gente che nutre la sua stessa passione ma soprattutto per chi, interessato a Linux, non ha mai avuto modo di conoscerlo da vicino e vorrebbe provare a iniziare.

In Italia non sono infrequenti manifestazioni del genere, molte a carattere locale o regionale, ma non sono rari neanche i "meeting" su scala nazionale. Ultimo tra questi il LinuxMeeting (www.linuxmeeting.net) del 2002, organizzato da ErLUG (Emila Romagna Linux Users Group) assieme all'associazione di studenti "Terzo Millennio" e tenutosi a Bologna lo scorso 4 Maggio presso lo facoltà di Ingegneria.

La giornata si è svolta in maniera molto tranquilla e ha visto la partecipazione anche di Lug e società che orbitano attorno al mondo Linux.

I Talk

Particolarmente interessanti i talk, alcuni più tecnici altri meno, ma comunque tutti di un ottimo livello, molto ben curati e alla portata di tutti. Le tematiche spaziavano dall'uso di Linux in ambito didattico con i talk curati da Francesca Campora e Giovanni Ragno, a interventi più tecnici come quelli di Guido Bolognesi, Nils Magnus (in inglese) e Igor Falcomatà (nel pomeriggio) inerenti la sicurezza, alcuni un pò più' tecnici (come quello di Magnus, anche questo tenutosi nel pomeriggio), ma comunque molto interessanti, comprensibili anche ai non addetti ai lavori, anzi sicuramente tra quelli che hanno riscosso maggiore successo (e personalmente sono rimasto molto colpito dall'intervento di Guido Bolognesi che è riuscito a parlare di sicurezza in maniera molto "spicciola" dando consigli e analizzando gli errori più comuni, il tutto con un pizzico di ironia che in questi casi non guasta mai).

È seguito il talk di Michel Morelli, autore del celebre portale www.ziobudda.net, sull'utilizzo del PHP come linguaggio per la creazione di pagine web dinamiche. La mattinata si è conclusa con l'intervento di Mauro Tortonesi, del FLUG (Ferrara Linux User Group), riguardante IPv6, il protocollo che nel prossimo futuro soppianterà definitivamente l'attuale IPv4, sul quale si basano le reti più comunemente utilizzate al giorno d'oggi, Internet compresa.

I lavori nel pomeriggio si sono aperti con gli interventi in inglese, quello di David Faure, sull'utilizzo degli strumenti di sviluppo di KDE e quello del già citato Nils Magnus. Molto interessante anche il talk di Igor Falcomatà, sul legame che c'è tra il software Open Source e la sicurezza informatica, del perché spesso questo tipo di software risulta essere meno vulnerabile rispetto alle alternative closed source. Hanno chiuso i lavori gli interventi di Renzo Davoli (un breve intervento su come Linux possa essere utilizzato al posto di software closed source), Pietro Suffritti che ha presentato uno studio sulla riduzione dei TCO (Total Cost of Ownership) delle aziende derivante dall'uso di software libero e Pierluigi Perri che ha affrontato le tematiche legali dell'Open Source con un'analisi sulle licenze utilizzate.

Devo dire che questo meeting è stato curato alla perfezione sia per quanto riguarda i talk, tutti molto interessanti, molto chiari e attuali che per le altre iniziative come il LIP o lo spazio concesso ai LUG e associazioni che hanno partecipato alla manifestazione.


Ti consigliamo anche