Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Integrare YouTube nel nostro progetto Web

Un'introduzione alle Api di Youtube: come integrare i video di Youtube all'interno delle nostre applicazioni
Un'introduzione alle Api di Youtube: come integrare i video di Youtube all'interno delle nostre applicazioni
Link copiato negli appunti

Uno dei segreti del successo planetario di YouTube consiste nella facilità con la quale a chiunque, anche ai meno esperti di utilizzo di sistemi informatici e supporti digitali, può caricare video online, guardarli ed integrarli in altri siti, blog o social network. La stessa attenzione che gli sviluppatori di YouTube hanno dedicato al caricamento e alla visualizzazione dei video è stata riservata a una serie di funzionalità avanzate che consentono a chi realizza siti o progetti Web, seguendo strade diverse secondo le proprie capacità tecniche, di utilizzare numerose funzionalità avanzate di YouTube.

Oltre a essere il social media più noto e utilizzato, YouTube costituisce infatti una potente piattaforma di accesso a contenuti video che, con gli strumenti corretti, è possibile gestire in maniera totalmente personalizzata.

Le quattro strade dell'integrazione

Inserire un video dentro una pagina web è semplicissimo: basta copiare il codice "embed" collocato a lato del video visualizzato e incollarlo dentro una sorgente HTML. Questo primo livello di integrazione tra contenuti video è alla portata di chiunque, ma consente, in sintesi, soltanto di inserire un particolare video statico pubblicato su YouTube dentro una pagina Web.

Figura 1: Le API e le utility di YoutubeLe API e le utility di Youtube

Oltre a questa opzione, Google offre quattro diverse soluzioni più specifiche per l'integrazione dei video e delle funzionalità di YouTube su siti esterni. Opzioni che sono ampiamente descritte e documentate nel sito ufficiale delle API di YouTube.

Il Custom Player, ovvero il player personalizzato attraverso un sistema guidato online, è un player "copia e incolla" che può essere personalizzato graficamente e nella scelta dei contenuti da chi è si è iscritto e ha un account personale. Tale player può essere parzialmente configurato cliccando su Account, selezionando la voce di configurazione Panoramica, cliccando su Video Player personalizzati (custom Player) e seguendo le istruzioni che compaiono a schermo.

I Widget, non sono altro che degli applicazioni pre-configurate che svolgono una specifica funzione e possono essere parzialmente rimodulati anche da i non esperti, grazie a un pratico sistema guidato di modifica delle impostazioni, o riprogrammati in profondità utilizzando le istruzioni per ricompilare il codice Ajax che permette di visualizzarli all'interno delle nostre pagine. I widget attualmente disponibili sono la Video Bar (che consiste in uno strumento per visualizzare una strisciata di filmati) e il riquadro Video Search control, che permette di ricercare video in pagina e visualizzarne anteprime cliccabili.

Figura 2: La creazione di una video searchLa creazione di una video search

La configurazione guidata (attivabile cliccando sul tasto Start with the Wizard delle pagine di dettaglio dei singoli gadget) richiede l'aver attivato un Google Account e si conclude cliccando su Generate Code con la compilazione del codice HTML da copiare e incollare dentro le nostre sorgenti HMTL. Per la semplicità d'uso, i widget sono espressamente consigliati a chi non è in grado di cimentarsi nella programmazione Javascript o Actionscript.

Le API del player permettono di regolare tramite codice scritto a mano (codice realizzato in Javascript qualora volessimo integrare il riproduttore di filmati di YouTube dentro una pagina Web oppure in ActionScript se i video andranno visualizzati dentro un'interfaccia realizzata con Flash) le funzionalità di riproduzione controllo dei filmati. In questo caso si dispone di API che possono essere applicate sia al riproduttore standard già integrato in una pagina Web, sia a un riproduttore "nudo" (chromeless) ovvero sprovvisto di qualsiasi tasto predefinito di controllo. I parametri di riproduzione del player standard può essere configurato utilizzando alcuni codici, semplicemente aggiungendo a mano al codice embed generato automaticamente da YouTube una serie di altre notazioni supplementari.

Entrambi i player possono essere controllati totalmente utilizzando sia Javascript sia Actionscript. In entrambe le pagine di documentazione degli script necessari a controllare i video, sono presenti due interessanti demo funzionanti che consentono di sperimentare direttamente quali siano le potenziali delle API di Google. In particolare, come si evince dalla demo dell'integrazione del player chromeless di YouTube dentro un'interfaccia Flash (il file .fla è anche scaricabile) i risultati sono davvero interessanti in termini di User Experience e personalizzazione. Ovviamente l'utilizzo delle Api per la personalizzazione del player richiede una certa dimestichezza con i linguaggi di programmazione citati, dimestichezza che però, vista la qualità della documentazione, può essere acquisita anche da chi è alle prime armi con la programmazione Web.

Per concludere, ecco le Data API, ovvero lo "spinotto" programmabile che permette di collegare una nostra applicazione Web alle funzionalità server di YouTube. Ovviamente si tratta di funzionalità molto avanzate, riservate a chi è in grado di gestire applicazioni lato server e comunicazioni bidirezionali con fonti di dati esterne. Il profondo livello di controllo delle funzionalità di piattaforma di Google permette a chi è in grado di programmare con linguaggi lato server come .Net, Java, PHP o Phyton di realizzare applicazioni che impiegano le infrastrutture di YouTube, per esempio per consentire agli utenti di un social network di caricare direttamente su YouTube i propri video.

Figura 3: Gli esempi della libreria clientGli esempi della libreria client

Data la complessità di queste API, in questo caso la ricca e dettagliata documentazione offerta da Google comprensiva, tra le altre cose, di esempi scaricabili, librerie di codice riutilizzabili, spiegazioni esaustive sulle varie funzionalità, costituiscono un importante supporto per i programmatori. Un ottimo punto di partenza per cimentarsi con le Data Api di YouTube è costituito dalla ricca documentazione.


Ti consigliamo anche