Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Il nuovo Gnome 2.14

La nuova versione di Gnome introduce significativi passi avanti in termini di usabilità e funzionalità. Migliorate le performance e decine di applicazioni.
La nuova versione di Gnome introduce significativi passi avanti in termini di usabilità e funzionalità. Migliorate le performance e decine di applicazioni.
Link copiato negli appunti

Lo sviluppo degli ambienti grafici è in profonda evoluzione. Soprattutto sotto GNU/Linux dove spesso uno degli svantaggi consiste nel rincorrere le innovazioni date da altri sistemi operativi. In questo senso il modello di sviluppo del software libero risulta vincente, consentendo ai propri utenti di poter beneficiare in poco tempo di tecnologie man mano che vengono sviluppate.

L'uscita di Gnome 2.14, avvenuta lo scorso 15 Marzo rappresenta un ulteriore passo in avanti per uno dei due ambienti grafici più utilizzati sotto GNU/Linux. La priorità del progetto resta quella di fornire ai propri utenti un prodotto che sia il più usabile possibile. Su questo obbiettivo si sono concentrati gli sforzi degli ultimi anni per questo progetto e probabilmente continuerà in questa direzione anche nel prossimo futuro.

Rendere usabile Gnome significa offrire la possibilità di utilizzarlo da parte di tutti con il massimo profitto possibile, sia questa un'utenza esperta che una alle prime armi. E per far questo è indispensabile sviluppare interfacce intuitive, semplici e veloci che abbiano allo stesso tempo una serie di importanti feature. Una delle novità più importanti di Gnome 2.14 è infatti un netto miglioramento complessivo delle performance. Una delle critiche maggiori al progetto Gnome infatti è sempre stata la scarsa velocità di esecuzione e l'alto numero di risorse richieste. Ora grazie a un lavoro di ottimizzazione delle librerie GTK+ è possibile per tutte le applicazioni di questo ambiente grafico beneficiare di un più rapido rendering del testo e di una migliore allocazione della memoria e, cosa di non poco conto, senza che sia necessario ricompilare le vecchie applicazioni.

Un'utile novità è stato l'arricchimento di Nautilus, il file manager ufficiale, della funzionalità di ricerca file. Questa può avvenire anche in modo estremamente veloce sfruttando Beagle. Inoltre, cosa non molto comune in altri sistemi operativi o altre interfacce, è possibile salvare queste ricerche in modo da poter essere aperte anche in seguito come se fossero delle normali directory.

Sempre a questo proposito è certamente di interesse la Deskbar, introdotta in questa versione, in grado di offrire all'utente la possibilità di una veloce ricerca di file, pagine web o comandi lanciati di recente. Funziona in modo analogo alla barra di ricerca di Firefox e come quest'ultima supporta l'aggiunta di nuovi plugin, scritti in Python, per ampliarne le funzionalità.

Miglioramenti anche nelle interfacce: GDM ora supporta la possibilità di cambiare utente mantenendo la sessione corrente (analogamente al "Cambia utente" di Windows XP), la sua utility di configurazione è stata rivista, così come quella di molti elementi di "Gnome Control Center". Metacity, il gestore di finestre, ora offre un effetto di "attrazione" per le finestre, in modo da poterle metterle attaccate una di fianco all'altra in modo preciso e veloce; inoltre, chi è abituato a utilizzare le funzionalità di rete di X troverà utile l'aggiunta dell'hostname nella barra del titolo delle applicazioni lanciate da remoto.

Sono state migliorate anche una serie di applicazioni come GnomeMeeting (ora chiamato Ekiga), un'applicazione VoIP in grado di supportare SIP e H323 (i due protocolli più utilizzati al mondo, presenti anche in Google Talk, Asterisk e Microsoft Netmeeting) e STUN (per consentire il collegamento di PC anche non direttamente raggiungibili perché dietro a firewall). Significativi miglioramenti anche a Gnome Image Viewer, il visualizzatore di immagini di Gnome, con l'aggiunta di una barra di navigazione per scorrere tra le immagini presenti, e a Gedit, l'editor di testo, con la possibilità di modifica di file remoti e l'apertura contemporanea di più file grazie a un sistema basato su tab.


Ti consigliamo anche