Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

HootSuite: social network in un colpo solo

Come funziona Hootsuite, l'applicazione Web gratuita che ci permette di gestire i flussi delle nostre comunicazioni digitali su social network in un colpo solo
Come funziona Hootsuite, l'applicazione Web gratuita che ci permette di gestire i flussi delle nostre comunicazioni digitali su social network in un colpo solo
Link copiato negli appunti

HootSuite è un servizio online che risolve la vita a chi frequenta molti social network. Consente di gestire uno o più account in maniera assolutamente completa, quindi senza dovere ogni volta passare dal sito di questa o quella applicazione. Non lavora solo su Twitter, ma anche su altri servizi (tra i quali proprio Facebook). Hootsuite permette di aggiornare in un colpo solo più social network, seguire flussi di comunicazione, programmare gli aggiornamenti nel futuro, aggiungere immagini per arricchire il proprio post e ricevere statistiche aggiornate sull'efficacia delle proprie condivisioni.

Vediamo tutte le funzioni per le quali, per brevità e comodità, faremo riferimento solo a Twitter.

Multipiattaforma: tutti i servizi insieme

HootSuite può essere utilizzato su più servizi, ed essendo una piattaforma per lanciare aggiornamenti si inserisce ancora più a monte in quell'architettura di applicazioni per costruire la propria presenza digitale. In pratica, con un'unica operazione possiamo decidere comodamente di aggiornare il nostro status su uno, alcuni o tutti i servizi abilitati: Twitter, Facebook, LinkedIn, Ping.fm, WordPress (solo i blog su wordpress.com), MySpace e Foursquare.

Altro aspetto interessante, legato a questa caratteristica, è la modalità di visualizzazione, che permette di vedere con un colpo d'occhio unico tutti i flussi comunicativi legati ai vari servizi. Ciascuno avrà la propria etichetta nella barra superiore. Per aggiungere nuovi profili è sufficiente passare con il mouse sull'area alla destra dello spazio per scrivere, dove si trovano i servizi già eventualmente attivi, e cliccare sul pulsante "+" in basso a destra. Per aggiungere nuove etichette al proprio pannello di controllo il "+" da premere è invece quello che si trova poco più in basso.

Figura 1: Aggiungi un social network
Figura 1: Aggiungi un social network

Sotto ogni etichetta si possono poi aggiungere degli stream, con l'apposito pulsante + Add Stream nella riga ancora in basso. Ciascuno Stream contiene messaggi inviati, aggiornamenti di coloro che seguiamo, messaggi diretti o in attesa di pubblicazione, o ancora risultati di ricerche preimpostate. In pratica, una visuale completa su tutto ciò che riguarda quello specifico account.

E così come si possono utilizzare più piattaforme, si possono anche utilizzare più account per ciascuna. In questo modo, chi possiede per esempio più account su Twitter, o deve aggiornare un profilo o una pagina su Facebook, può farlo facilmente. La particolarità di HootSuite, rispetto ad altri servizi che fanno qualcosa di simile, è che non ci sono limiti per quanto riguarda l'inserimento di nuovi account.

Programmare gli aggiornamenti per il futuro

Un altro aspetto interessante è quello della programmazione dei post. Che lo si utilizzi a livello amatoriale o professionale, può capitare di dover inserire aggiornamenti non troppo ravvicinati, o di voler evitare di lasciare vuoti tra uno e l'altro troppo ampi.

Programmare un aggiornamento è semplice: basta andare sul piccolo calendario sotto l'area di scrittura, e da lì compare uno spazio per scegliere il giorno, oltre ovviamente all'ora. Spuntando l'apposita casellina, si può anche essere avvisati di quando il messaggio viene effettivamente inviato. I Pending Tweets, cioè quelli programmati ma in attesa di pubblicazione, possiedono anch'essi uno stream autonomo, visualizzabile quindi nel pannello di controllo.

Cliccando invece sul dischetto a destra si salva il messaggio come bozza, altra funzione particolarmente utile in diversi casi. Per vedere e gestire le bozze basta poi andare sulla freccia verso il basso lì a fianco.

Figura 2: I flussi sociali
Figura 2: I flussi sociali

Immagini, file, link per arricchire i propri post

HootSuite racchiude in sé anche molte di quelle che sono funzioni non proprie di Twitter, ma che col tempo si sono andate affermando per arricchire il servizio e sono disponibili su siti paralleli, come ad esempio Twitpic o Yfrog per le foto. Supporta quindi l'inserimento di immagini e di file, che possono inseriti in un attimo cliccando sulla piccola immagine o sulla graffetta che si trovano proprio sotto l'area di scrittura.

Ed è possibile anche compiere direttamente quell'operazione di accorciamento di link resa necessaria dalla natura di Twitter, in particolare da quel limite di 140 caratteri consentiti per ciascun aggiornamento. Quindi non si dovrà accorciare il link utilizzando un servizio esterno, ma il tutto viene gestito internamente.

In questo caso si può scegliere, andando nel pannello di controllo generale, se appoggiarsi al servizio Ow.ly o Ht.ly, che fanno in realtà entrambi capo a HootSuite, per realizzare l'operazione.

Lavoro di squadra

Essendo un servizio online, non poteva poi mancare una dimensione sociale e di condivisione. In alcuni degli stream, come quello relativo ai messaggi diretti o alle mentions (le risposte pubbliche che convenzionalmente su Twitter sono caratterizzate da @nomeutente), compare infatti l'immagine di un omino.

Cliccandoci, si apre una finestra da dove si può inserire un nuovo indirizzo e-mail e gli account per i quali quella persona sarà abilitata, oppure semplicemente cambiare l'abilitazione di un utente che fa già parte della squadra.

In questo modo, ciascun account può diventare qualcosa di molto più potente, ma se vogliamo anche lontano rispetto a quell'idea di "personalità" che caratterizza questo tipo di strumenti, e più vicino a un tipo di approccio professionale e commerciale.

Ricerche e statistiche

HootSuite dispone poi di strumenti che a prima vista possono anche sembrare superflui, ma sicuramente utili se si utilizza in quell'ottica professionale della quale si accennava. Le ricerche possono essere incluse nella creazione di uno stream, nel senso quindi che si può creare un'etichetta con alcune parole chiave o semplici ricerche da monitorare, per averle comodamente sott'occhio.

Figura 3: La ricerca dei flussi
Figura 3: La ricerca dei flussi

Per attivare questa funzione basta cliccare sul solito + Add Stream e successivamente su search o su keyword, dove inserire le parole da monitorare. Un suggerimento, in caso di gestione di più account, può essere quello di creare un'etichetta dedicata contenente solamente gli stream per la ricerca.

Oltre a questo, c'è la possibilità di ricevere statistiche sui propri account, con delle pagine che riassumono in maniera dettagliata accessi e provenienze. Queste in realtà si basano sui click ricevuti dai siti di accorciamento link di cui si è parlato prima. Per visualizzarle bisogna cliccare sul gufetto in alto a sinistra e poi su Stats.

Figura 4: Statistiche di condivisione
Figura 4: Statistiche di condivisione


Ti consigliamo anche