Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Creare un wiki con Drupal

Trasformiamo Drupal in un wiki utilizzando dei moduli che ne amplino le funzionalità
Trasformiamo Drupal in un wiki utilizzando dei moduli che ne amplino le funzionalità
Link copiato negli appunti

Drupal consente di realizzare molteplici tipologie di siti Web, dai semplici siti vetrina a portali ricchi di contenuto ed interattivi. Un particolare tipo di sito Web è il cosiddetto Wiki.

Cos'è un wiki

Un wiki è un particolare tipo di sito web che viene realizzato grazie alla collaborazione di più persone, un insieme di pagine che vengono create e modificate dagli utenti, in modo collaborativo. Chiunque può modificare il contenuto di una pagina, e le modifiche vengono registrate in modo che se necessario è possibile ripristinare una versione precedente della pagina. Si può vedere il video di ICTv dedicato ai wiki per una introduzione al loro funzionamento. L'esempio più classico e famoso di sito creato usando un wiki è WikiPedia, l'enciclopedia gratuita che è stata costruita attraverso il Web grazie ai contributi fatti da un numero enorme di volontari.

Molti altri sono i siti realizzato usando wiki, di tipo molto eterogeneo: knowledge base, documentazione per progetti ed eventi, wiki personali, wiki di comunità, intranet aziendali e per gestire collaborazioni online. È possibile implementare un wiki usando diverse soluzioni software già esistenti, come ben documentato su Wikipedia, oppure creando una configurazione personalizzata. In questo articolo vediamo come realizzare un wiki usando il CMS Drupal.

Quali sono gli strumenti che fornisce un wiki

Un sito funzionante secondo il modello wiki viene realizzato attraverso un software che si prende cura di fornire molte funzionalità diverse, tra cui:

  • Possibilità di modificare una pagina e crearne di nuove
  • Pagina delle ultime modifiche
  • Cronologia delle revisioni
  • Confronto tra revisioni
  • Warning quando viene modificata una pagina

Prerequisiti per l'installazione

Queste istruzioni di installazione prevedono che venga utilizzata l'ultima release di Drupal disponibile al momento della scrittura dell'articolo, ovvero la versione 6.2. Per realizzare un Wiki è necessario installare alcuni moduli aggiuntivi:

  • Wikitools
  • Freelinking
  • Diff

Per prima cosa prepariamo il tipo di contenuto che ospiterà le pagine del wiki. Apriamo l'interfaccia di amministrazione e dal menu scegliamo Amministra, "Gestione del contenuto" e "Tipi di contenuto".

Figura 1. Tipi di contenuto in Drupal Tipi di contenuto in Drupal

Selezionare "Book page", che sarà il tipo di contenuto che formerà le pagine del wiki. In "Workflow settings" selezioniamo "Crea una nuova revisione" per far si che tutte le pagine del wiki siano revisionate e le modifiche siano salvate e ben visibili.

Figura 2. Workflow settings Workflow settings

Wikitools

Il modulo Wikitools viene installato per introdurre alcune funzionalità che sono utili per garantire il corretto funzionamento del wiki. Esso non altera l'installazione di Drupal perchè non introduce nuove tabelle nel database, ed è progettato in modo che sia molto leggero per il sistema. Le caratteristiche principali di questo modulo sono:

  • Permette agli utenti di creare un nuovo nodo quando inseriscono il nome di un nodo che non esiste ancora
  • Fa in modo che gli utenti possano cercare nodi esistenti quando scrivono il nome di un nodo che non esiste
  • Se viene inserito come titolo il titolo di una pagina che è stata spostata, viene inserito il redirect automaticamente.
  • Si preoccupa di accertare che non esistano titoli duplicati all'interno del wiki
  • Non permette agli utenti che non hanno permesso di amministratore dei nodi di modificare i titoli dei nodi, né di cancellare nodi esistenti
  • Permette di creare una pagina 404 personalizzata per il wiki

Per installare il modulo occorre scaricare il pacchetto dal sito ufficiale. Scegliere l'ultimo pacchetto stabile disponibile e selezionare il link "Download". Prima di proseguire, è opportuno eseguire il backup completo del sito su cui operiamo, salvando sia i file sia il database. Scompattiamo il file appena scaricato nella cartella "Drupal/modules".

Ora accediamo alla nostra installazione di Drupal come amministratori ed apriamo il menu "Amministra", quindi Struttura del sito ed apriamo la voce Moduli. Notiamo che in alto nella sezione Altro viene mostrato il modulo Wikitools, che è ancora inattivo. Spuntiamo la casella a lato della voce e clicchiamo "Salva configurazione" per attivarlo. A questo punto il modulo è installato correttamente ed è possibile configurarlo cliccando il menu Configurazione del sito, quindi Wikitools.

Figura 3. Wikitools è installato Workflow settings

Vengono mostrate molte opzioni di configurazione, vediamone il significato:

  • Wiki path è il percorso che porta al wiki
  • Title of main page stabilisce il titolo della pagina principale del wiki
  • Wiki node types serve a decidere quali tipi di contenuto vengono considerati parte del wiki. Va spuntata "Book page".
  • Options permette di impostare varie opzioni. Spuntare almeno Node Creation, Node Search, Automatic Redirect, Unique Titles. Le altre opzioni possono essere spuntate a seconda delle preferenze.
  • Wiki 404 type consente di inserire una form di ricerca ed un link per creare una pagina nuova all'interno della pagina di errore 404.
  • Disallowed characters in titles consente di impostare quali caratteri non possono essere usati come titoli nel wiki
  • Subpages permette di definire come trattare le azioni per le pagine del wiki, trattandole come suffissi dell'URL oppure come query legate all'URL. Una volta impostati questi valori, cliccando "Salva configurazione" vengono registrate le preferenze.

Collegamenti tra le pagine

I collegamenti tra le pagine sono gestite dal modulo Freelinking. Esso implementa un filtro per formati di input, in modo da creare automaticamente collegamenti usando link CamelCase oppure parole racchiuse tra doppie parentesi quadre. Basta scaricate il modulo dal sito ufficiale e scompattare i file nella cartella drupal/modules.

Andiamo ad abilitare il modulo attraverso il menu Amministra, "Struttura del sito" e selezionando Moduli. Il modulo Freelinking compare vicino al modulo Wikitools che abbiamo prima attivato, spuntiamo la casella e clicchiamo "Salva configurazione". Andiamo in Configurazione del sito e selezioniamo "Freelinking settings".

Figura 4. Freelinking settings Freelinking settings

In Default for new content indichiamo Book page, quindi impostiamo le altre opzioni di configurazione. Possiamo abilitare i link CamelCase, ovvero composti con la combinazione di parole attaccate. Stabilite le impostazioni preferite, clicchiamo Salva configurazione per salvare le scelte. Per abilitare il Freelinking dobbiamo aggiungere un filtro, selezionando il menu "Configurazione del sito" e "Formati di input". Cliccare il link "Aggiungi un formato di input" impostando come nome Freelinking, impostando tutti i ruoli desiderati e selezionando il filtro "freelinking filter". Clicchiamo infine su "Salva configurazione".

Figura 5. Aggiungiamo il formato di input Freelinking Aggiungiamo il formato di input Freelinking

Creiamo la prima pagina wiki

Apriamo il browser e dirigiamoci alla pagina "http://sito-drupal/?q=wiki". Verrà mostrata una pagina che indica che la pagina iniziale non esiste ancora.

Figura 6. La pagina del wiki non esiste ancora La pagina del wiki non esiste ancora

Possiamo crearla immediatamente scrivendo delle frasi nel corpo della pagina, nella form Corpo. Scriviamo ad esempio "Pagina principale del wiki Bla bla [[Pagina di Prova]] PaginaProva" Come si vede, abbiamo inserito due link che sono rilevati da Freelinking. Apriamo la voce "Formato input" e selezioniamo "freelinking", altrimenti i link non funzioneranno. Possiamo anche mostrare questa voce in home page. Come possiamo vedere sulla sinistra della pagina, il menu di admin elenca la voce "Freelinks".

Figura 7. Freelinks compare nel menu admin Freelinks compare nel menu admin

Cliccando questa voce il sistema elenca i link che sono gestiti dal sistema di freelink.

Figura 8. I link gestiti Freelinks I link gestiti da Freelinks

Selezioniamo Create this content per creare una pagina relativa al link "Pagina di prova". A questo punto inseriamo il testo della nuova pagina, che potrà anch'esso contenere links verso altre pagine ed in questo modo il nostro wiki prenderà vita velocemente.

I permessi utente Un'altro passo da compiere è la configurazione dei permessi utente. Accedere al menu di amministrazione e selezionare "Gestione utente" e Permessi. Come regola generale per una buona gestione del wiki, tutti gli utenti dovrebbero avere permessi per:

  • Accesso al contenuto del sito
  • Ripristina revisioni
  • Guarda revisioni
  • Create book content
  • Edit any book content

Naturalmente è possibile fare in modo che questi permessi siano assegnati solo agli utenti registrati, in modo da avere un maggior controllo su chi sono le persone che modificano i contenuti.

Differenze tra le revisioni

È possibile mettere in evidenza quali sono i cambiamenti tra le diverse revisioni di un nodo usando il modulo Diff. Scarichiamo l'ultima release disponibile ed installiamola nel consueto modo, quindi attiviamola da interfaccia di amministrazione. Clicchiamo la voce "Revisioni" relativa ad una pagina del wiki.

Figura 9. La pagina principale del wiki La pagina principale del wiki

Come si può notare vi è un pulsante "Show diff", che cliccato porta ad una pagina in cui sono elencate le modifiche tra le revisioni selezionate.

Figura 10. Revisioni di pagina Revisioni di pagina

Altri miglioramenti

Possiamo inserire un breve indice negli articoli molto lunghi, in modo che sia più facile scorrere verso il paragrafo che interessa, usando il modulo Table of contents. Per abilitare l'inserimento di immagini negli articoli, usare il modulo Image e Image Assist. Un'altra funzione molto utile è avere l'elenco delle ultime revisioni effettuate e le ultime pagine create, operazione resa possibile dal modulo Recent Changes.


Ti consigliamo anche