Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Creare un banner di successo

Come creare un banner di successo tradizionale: tecnica grafica e logica comunicativa.
Come creare un banner di successo tradizionale: tecnica grafica e logica comunicativa.
Link copiato negli appunti

La pubblicità nell'accezione classica del termine è uno slogan chiaro, sintetico e diretto. La pubblicità in Internet ha un'altra peculiarità: è interattiva. Attualmente esistono strumenti che non si limitano a visualizzare immagini o slogan, ma che permettono di interagire attraverso menu di scelta o form d'iscrizione. In seguito parleremo più diffusamente di questi nuovi strumenti di promozione.

Consigli generici

Prima di aprire il tuo programma di fotoritocco per creare il tuo banner, leggi questi consigli sull'impostazione complessiva del lavoro e su piccoli accorgimenti da adottare.

  • I colori di sfondo del banner per essere notati devono essere decisi. Creare un banner con sfondo bianco pensando che quel colore sia la regola su un sito Web è un errore. Il banner deve avere vita propria ed adattarsi ad ogni contesto cromatico. Per esempio, un banner creato su sfondo bianco può generare un ottimo effetto grafico su una pagina con sfondo bianco, ma un effetto molto meno gradevole su un altro colore di sfondo.
  • L'eventuale slogan deve essere sintetico. Un banner è un invito ad approfondire un argomento e non deve nè può esaurirlo. Quindi meglio evitare lunghe frasi, elenchi analitici di risorse o cose simili.
  • L'animazione è fondamentale per la riuscita di un banner. Statistiche confermate dall'esperienza mostrano come le percentuali di click di banner animati siano più che doppie rispetto ad immagini statiche.

Consigli tecnici

Passiamo ora ad analizzare tematiche più strettamente tecniche da tenere a mente prima di realizzare un banner. Terremo in considerazione i classici banner 468x60 pur nella consapevolezza che altre e più redditizie forme stanno prendendo piede sul Web.

  • è importante diminuire al massimo il numero di colori delle immagini. Questo significa salvare il banner in formato GIF (se animato la scelta è obbligata) con un numero di colori il più lontano possibile dal massimo di 256. È possibile creare ottimi banner con soli 16 colori se non addirittura con 8.

  • Salvaguardare il rapporto peso/qualità. Si possono ottenere banner leggerissimi senza sacrificare la qualità delle immagini. Questo si ottiene, per esempio, preservando l'effetto antialias sulle immagini. Per comprendere meglio questo esempio ecco un banner creato senza antialias:

    L'immagine è in formato GIF è salvata con soli 4 colori. Il peso è minimo (meno di 1Kb) ma il risultato visivo non dei migliori.

    Scriviamo lo stesso testo con effetto antialias e salviamo l'immagine a 16 colori:

    L'immagine è poco più pesante ma l'effetto estetito migliorato.

  • Preservare un minimo effetto antialias non significa esagerare con le sfumatare, tutt'altro. Gli oggetti o il testo sfumato vanno evitati il più possibile perchè aumentano il numero di colori e appesantiscono l'immagine.
    Per comprendere meglio cosa intendiamo, di seguito riportiamo un'immagine con testo sfumato in formato GIF che preservi il massimo grado di qualità:

    L'immagine è stata salvata a 128 colori e pesa 6Kb. Se proviamo a diminuire il numero di colori a 16 otteniamo un'immagine di 3Kb ma con il seguente aspetto:

    In altri termini tutte le sfumature di colore che creano l'effetto sono colori che l'immagine deve necessariamente supportare e che, in ultima analisi, ne aumentano il peso in termini di Kb.

    Quindi, per quanto possibile, meglio sacrificare effetti sfumati o ombreggiati alla velocità di visualizzazione dell'immagine.

  • L'animazione, infine, deve tener conto dei tempi di lettura qualora preveda del testo e dei tempi di memorizzazione del logo qualora preveda delle immagini. Il ritardo (delay) dunque, deve essere tale da permettere la visione completa del banner senza, per questo, essere noiosamente lento.

Aumentare il click sui banner: qualche trucco

Prima di continuare è bene premettere i termini della questione:

  • i banner possono essere impostati in modo tale che rappresentino al meglio un'idea o un marchio, per cui il visitatore vi clicca solo perchè interessato o incuriosito dall'argomento;
  • esistono altri banner, invece, che hanno come funzione principale quella del click e secondariamente quella di esprimere un'idea del prodotto che si cela dietro quella pubblicità.

Questa seconda soluzione ha il vantaggio di portare un numero maggiore di visitatori, molti dei quali, però, vengono immediatamente persi perchè non interessati. Altro svantaggio è che per coloro che non cliccheranno sul banner non sarà valsa neanche la consolazione dell'affermazione del marchio. Ma in pratica, di cosa stiamo parlando?

Avrete sicuramente visto su molti siti Web banner di questo tipo:

Bene, questi banner modello Windows, apparentemente anonimi hanno il clickrate maggiore anche rispetto ai migliori e più creativi banner d'immagine. Alcuni banner di questo tipo arrivano a percentuali di click di molto superiori a quelle di un buon banner tradizionale. Il perchè del successo di questi banner è per molti versi oscuro. Probabilmente giocano un ruolo decisivo la familiarità dei bottoni e il timore che il sistema operativo stia dando segnali di cedimento. Se quindi cercate impression a tutti i costi e volete ottimizzare il vostro sforzo, la soluzione di questo tipo di banner è ideale.

Soluzioni alternative ai banner tradizionali

Il progresso tecnico degli strumenti di promozione fa il paio con l'evoluzione dei concetti di web advertising. Nuove forme promozionali si affacciano su Internet grazie a soluzioni tecniche di nuova generazione.

Oggi gli ad-server (i programmi che gestiscono la rotazione di banner) permettono di inserire codice HTML, animazioni flash, javascript e applet Java. In termini pratici questo si risolve nella possibilità di rendere animati i banner con grafica vettoriale (flash) a basso peso in Kb, di renderli interattivi con moduli HTML, di inserire più link con semplice codice HTML. Tutto questo si traduce in maggior interattività del banner e quindi in miglior risultato della promozione.

Di seguito riportiamo un banner creato con codice HTML, che non solo esprime uno slogan, ma consente di iscriversi ad un servizio di mailing list inserendo il proprio indirizzo e-mail:




 


Ti consigliamo anche