Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Breve introduzione a Google Analytics

Il sistema di analisi dei dati di accesso a siti, blog e portali offerto gratuitamente da Google è lo strumento ideale per migliorare le prestazioni di un progetto di comunicazione on-line
Il sistema di analisi dei dati di accesso a siti, blog e portali offerto gratuitamente da Google è lo strumento ideale per migliorare le prestazioni di un progetto di comunicazione on-line
Link copiato negli appunti

Il team di sviluppo di Google da ormai diversi anni ci ha abituato a rivoluzionarie novità proposte a ritmo incessante. Per quanto riguarda i servizi offerti ai Web Master, Web Designer e, più in generale, a chiunque voglia gestire un progetto di comunicazione Web, Google Analytics è sicuramente uno dei più interessanti. In sintesi, Google Analytics, su cui ICTv ha pubblicato un dettagliato video di presentazione, è un potente sistema di analisi dei dati di accesso ai siti che viene reso accessibile direttamente via web (http://www.google.com/analytics/) dopo essersi registrati al servizio utilizzando i dati dell'account Google personale. A differenza degli altri sistemi di rilevamento dei dati di accesso che hanno una finalità prettamente statistica, Google Analytics, soprattutto in seguito alla pubblicazione dell'interfaccia rivista in versione 2007, è da considerarsi un vero e proprio applicativo gestionale pensato per studiare strategie di Web Marketing efficaci. Nonostante le ricche funzionalità professionali, Google Analytics è un servizio facilmente accessibile che chiunque sia in grado di pubblicare un sito sarà capace di sfruttare al meglio.

Attivazione e applicazione

L'attivazione del servizio è rapidissima. Basta andare all'indirizzo http://www.google.com/analytics/, cliccare su Sign Up Now e seguire la procedura guidata che, nel caso non si disponga già di un account Google o Gmail, richiede la registrazione di un nuovo utente. Dopo esserci registrati e aver effettuato l'accesso, dovremo "collegare" il sistema di rilevazione statistica di Google Analytics al nostro sito, così che in automatico vengano rilevati tutti i dati relativi alla navigazione degli utenti nel nostro sito.

Al primo accesso verrà automaticamente visualizzata la schermata all'interno della quale inserire l'indirizzo del sito da monitorare. Una volta accettate le condizioni di servizio, ecco che sarà subito mostrato un codice HTML simile a quello riportato qui di seguito che dovremo incollare in ogni pagina Web del nostro sito o all'interno dei template dei blog e dei portali per i quali vogliamo effettuare il monitoraggio dei dati di accesso. Il codice va incollato immediatamente prima del tag di chiusura della pagina </body>:

<script src="http://www.google-analytics.com/urchin.js" type="text/javascript">
</script>
<script type="text/javascript">
_uacct = "Codice_Utente";
urchinTracker();
</script>

Copiato il codice e ripubblicate le pagine modificate, si avvierà automaticamente il monitoraggio degli accessi al nostro sito.

Consultazione dei rapporti

Quando il sistema ha raccolto un numero adeguato di informazioni, accedendo alla pagina web per la gestione di Google Analytics potremo visualizzare i rapporti di accesso per i nostri siti monitorati. La pagina principale per la gestione dei rapporti è apparentemente molto simile a quella di altri sistemi di rilevazione statistica per siti web, anche se la cura dell'interfaccia e l'intuitività con cui si accedono alle diverse aree di analisi rendono l'ambiente molto più simile a un software gestionale piuttosto che a un classico sistema di visualizzazione delle statistiche. Le informazioni statistiche raccolte in automatico da Google Analytics sono relative a diverse categorie tra cui:

- profilazione dei visitatori (quantità e qualità degli accessi, sistemi hardware e software usati, provenienza geografica e lingua ecc.)

- rilevazioni fonti di traffico (motori di ricerca, parole chiave, siti di provenienza, accessi diretti ecc.)

- analisi delle sezioni del sito (pagine più viste, pagine di uscita ecc.)

- conseguimento degli obiettivi

Tutte queste informazioni possono essere gestite attraverso i diversi sistemi di visualizzazione grafica on-line o elaborati, salvati, esportati e inviati via e-mail così da poterne effettuare successive elaborazioni utilizzando applicativi come Micorsoft Excel o fogli di calcolo alternativi. Oltre all'accuratezza dei dati, rispetto ad altri sistemi statistici web è proprio l'interfaccia grafica interattiva messa a disposizione da Google Analytics che costituisce un plus molto apprezzato anche dagli utenti meno esperti. La possibilità di visualizzare su una mappa interattiva cliccabile l'origine geografica dei navigatori del sito è, per esempio, una delle funzionalità grafiche più interessanti o originali.

Il vero valore aggiunto

Al di là dell'interfaccia semplice e gradevole, Google Analytics offre degli strumenti professionali in grado di fornire informazioni utilissime ai fini della riprogettazione dei contenuti, del layout e delle strategie di marketing di un sito. Tra questi, spiccano per importanza:

- il monitoraggio delle campagne di advertising AdWords

- lo strumento grafico per la verifica dell'efficacia del layout

- il sistema di configurazione e verifica degli obiettivi

All'interno della sezione di analisi delle Fonti di traffico, sono infatti presenti le funzionalità che permettono di collegare e monitorare direttamente le campagne pubblicitarie a pagamento di Google AdWords o di generare i link che, inseriti nei banner delle campagne pubblicitarie diverse da AdWords, vengono tracciati nel dettaglio. Oltre a fornire informazioni numeriche, si possono così rilevare i tassi di conversione delle campagne banner a pagamento rispetto agli obiettivi che ci si è prefissati, verificando il reale valore generato dall'investimento fatto.

Lo strumento interattivo per verificare l'efficacia del layout del sito (accessibile all'interno dell'area di analisi delle Sezioni del sito), è uno degli applicativi gratuiti disponibili più evoluti per controllare quanto effettivamente la composizione della grafica e la collocazione dei link presenti nelle pagine del nostro sito siano funzionali rispetto al conseguimento di un obiettivo. Il sistema visualizza un'anteprima della pagina sulla quale viene sovraimpressa una grafica che riepiloga la quantità di clic effettuata dagli utenti su ogni elemento della pagina. In questo modo basta un colpo d'occhio rapidissimo per capire quali elementi risultano poco visibili o, comunque, poco cliccati, e si possono studiare di conseguenza dei ritocchi, anche sostanziali, al layout.

Il maggior punto di forza del sistema di analisi evoluto offerto da Google Analytics consiste nella possibilità di individuare strategie di marketing efficaci sfruttando la possibilità di impostare e verificare il conseguimento di particolari obiettivi. Definiti come obiettivi i clic su specifiche pagine del nostro sito (l'impostazione avviene utilizzando le apposite funzionalità contenute nel gruppo di funzioni dell'area Obiettivi), si possono infatti valorizzare economicamente ciascuno di essi e verificare nel tempo sia i tassi di conversione, sia il valore economico dei risultati ottenuti, sia studiare nel dettaglio le navigazioni degli utenti che non hanno portato risultati utili. La possibilità di identificare in maniera così netta gli obiettivi e valorizzarli, è sicuramente uno degli aspetti più interessanti per capire come intervenire e modificare il nostro sito.

Per concludere, Google Analytics rappresenta una soluzione economica molto pratica e potente per capire rapidamente cosa non funziona nei nostri progetti Web e come intervenire su layout, contenuti e navigazione in modo da ottenere sostanziali benefici per gli accessi. Da non sottovalutare la presenza di un aiuto in linea molto ricco che, oltre a spiegare le funzionalità della piattaforma di analisi, mette in luce diversi aspetti chiave del Web Marketing e dell'indicizzazione dei siti nei motori di ricerca. Dal punto di vista della rilevazione statistica degli accessi, va tuttavia detto che Google Analytics, pur offrendo una serie di dati molto ricchi, non costituisce la soluzione più completa in circolazione. A tal proposito può risultare molto utile continuare a utilizzare altri sistemi di rilevamento statistico già adottati nei nostri siti che non dovrebbero assolutamente creare problemi di incompatibilità con i codici di rilevamento di Google Analytics.

Daniele Cerra è giornalista pubblicista, Content Manager, Progettista e-learning e Concept Designer. Il suo sito personale è http://www.danielecerra.it


Ti consigliamo anche