Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Active Virus Shield: l'antivirus gratuito di AOL e Kaspersky

Presentazione di Active Virus Shield, uno dei migliori antivirus gratuiti esistenti sul mercato. Basato sul motore di scansione di Kaspersky, viene offerto senza costi dal provider americano AOL
Presentazione di Active Virus Shield, uno dei migliori antivirus gratuiti esistenti sul mercato. Basato sul motore di scansione di Kaspersky, viene offerto senza costi dal provider americano AOL
Link copiato negli appunti

Purtroppo la lotta ai virus informatici sembra non avere mai fine. Soprattutto in ambiente Windows, che in termini di utilizzo continua a distaccare con un notevole margine gli altri sistemi operativi, è necessario proteggere la propria macchina con un antivirus efficiente e sicuro. Nel tempo le soluzioni antivirus si sono susseguite con un ritmo impressionante, offrendo differenti metodologie di protezione. Si è passati dai primi programmi stand alone a quelli completamente resi disponibili sul web.

Chiaramente nel mondo della concorrenza ognuna di esse ha avuto i suoi detrattori e i suoi sostenitori. Questo, ad esempio, perché, a seconda delle esigenze, si preferisce un software che faccia il proprio dovere in maniera autonoma e senza interferire con il lavoro dell'utente, oppure un software che chieda sempre l'autorizzazione a procedere per garantire un grado maggiore di personalizzazione e sicurezza.

In ogni caso, al di là delle impressioni e preferenze personali, esistono differenti parametri attraverso i quali è possibile giudicare un antivirus. Tralasciando quelli classici, come la percentuale di virus rilevati (a cui si dedicano differenti organizzazioni non profit), citiamo ad esempio la frequenza degli aggiornamenti, la semplicità di utilizzo e l'impiego delle risorse fisiche del computer che lo ospita e lo esegue (disco rigido, Ram, network).

Non è semplice quindi scegliere un antivirus, né decretarne un giudizio. Inoltre, è inutile nasconderlo, il modo dei virus e degli antivirus è un business e molte case sviluppatrici di software hanno proposto una loro soluzione e l'hanno data in pasto al mercato. Chiaramente in funzione del loro potere economico, queste soluzioni sono state pubblicizzate e diffuse soprattutto in realtà aziendali dove, per mancanza di conoscenza o informazioni, l'acquisto di un antivirus non prevede quasi mai un analisi comparativa dei tool disponibili.

In questo articolo ci occuperemo invece di una soluzione offerta agli utenti in modalità gratuita, chiamata Active Virus Shield, e proveremo a darne una prima valutazione anche i base ai parametri prima menzionati.

Active Virus Shield è un antivirus gratuito offerto, in inglese e sino ad oggi senza compatibilità per Windows Vista, da AOL e sviluppato con l'ausilio di Kaspersky e dei suoi efficienti laboratori di sviluppo software. Da anni Kaspersky è tra i leader indiscussi della lotta ai virus informatici ed ha già ricevuto differenti onorificenze in materia.

In Active Virus Shield si combinano differenti soluzioni tecnologiche, con il solo obiettivo di impedire che il vostro Pc venga infettato. Avviene infatti sia la tradizionale ricerca basata sulla definizione dei virus (signature) che la scansione profonda dei file eseguibili. Come altri software, attraverso la sua interfaccia grafica, è possibile definire in che modo e su quali file il motore antivirus deve agire.

La protezione real-time può essere effettuata sia sull'intero disco sia, per ridurre il tempo di esecuzione di una scansione completa, su porzioni dello stesso, particolari cartelle o singoli file. In questo modo lo scudo di protezione eseguirà costantemente un monitoraggio delle risorse selezionate e avviserà l'utente nel caso in cui venga riscontrato un virus. Come caratteristica aggiuntiva Active Virus Shield rende disponibile un opzione per scansionare solamente i file nuovi o modificati di recente.

Per quanto riguarda la protezione delle mail il software antivirus supporta molti dei più comuni client di posta elettronica (Microsoft Outlook e Microsoft Outlook Express, ecc) e molti tra i protocolli di posta utilizzati (POP3, IMAP). In particolare per alcuni sistemi di gestione delle mail, come ad esempio Microsoft Outlook, sono disponibili una serie di plug-in aggiuntivi che permettono di utilizzare alcune caratteristiche aggiuntive come, ad esempio, la scansione dei database delle mail archiviate.

Come abbiamo detto in precedenza uno tra i parametri di valutazione dei sistemi antivirus è la frequenza e l'efficacia degli aggiornamenti. In questo contesto Active Virus Shield aggiorna con cadenza oraria le definizioni dei virus per garantire un supporto sempre attuale alla scansione. Inoltre, questa frequenza di aggiornamento, permette di ottenere update veloci e leggeri. In questo caso infatti, a differenza dei tool che si aggiornano una volta ogni 24 ore, è stato trovato il giusto compromesso tra eccessiva frequenza degli aggiornamenti ed esagerata pesantezza dei dati scambiati. Con Active Virus Shield ogni ora verranno scambiati pacchetti molto piccoli, i cui download si attestano intorno ai pochi Kbs.

Questa modalità operativa nasce dall'esigenza di non sovrautilizzare le risorse del computer. Anche dal punto di vista delle altre risorse fisiche, quindi, l'antivirus viene eseguito senza provocare inutili rallentamenti attraverso l'utilizzo di una politica di process sharing ottimizzata per la coesistenza con tutte le altre applicazioni in esecuzione in quel momento.

Sempre in tema di richieste di risorse, il software prevede che se l'utente, durante una scansione antivirus, richiedesse un quantitativo di risorse a lui non disponibili in quel momento, l'antivirus interromperebbe (o rallenterebbe) la sua azione destinando le proprie risorse all'utente stesso.

La semplicità di utilizzo fa di Active Virus Shield un prodotto per tutti. L'installazione, dopo aver scaricato il file dal sito ufficiale, richiede pochi minuti e l'interfaccia grafica intuitiva ne permette l'utilizzo sin dai primi clic. Inoltre il programma notifica regolarmente il livello di protezione del computer e degli aggiornamenti ed offre in qualche caso raccomandazioni per risolvere avvisi e problemi di sicurezza.

Da ricordare che il programma è stato realizzato con alcune ottimizzazioni per gli utenti mobili che si avvalgono della tecnologia Intel Centrino: con questo processore le prestazioni sono anche migliori.

Una volta scaricato e istallato il programma (la procedura è quella standard di un qualsiasi semplice prodotto per Windows) l'interfaccia che Active Virus Shield offre all'utente è quella mostrata nella prima figura.

Figura 1: l'interfaccia di Active Virus Shield
Figura 1: l'interfaccia di Active Virus Shield

Come possiamo vedere nella parte sinistra vengono rese disponibili le operazioni mentre dalla parte centrale possiamo accedere alle informazioni relative allo stato del sistema. Selezionando l'opzione Scan il programma mette a disposizione un pannello in cui l'utente può scegliere la profondità della scansione desiderata. Si parte dalla meno accurata (ma comunque determinante) scansione delle aree critiche (Memoria, Cartella Windows, Registro) fino alla scansione approfondita di tutti i file presenti sul nostro hard disk.

Nel riquadro in basso a sinistra vengono mostrati i problemi e i warning ancora non risolti e spesso anticipati mediante un comodo pop-up direttamente dalla barra delle applicazioni.

Figura 2: Pop-up di avviso
Figura 2: Pop-up di avviso
Figura 3: Pop-up di avviso
Figura 3: Pop-up di avviso

Nel pannello delle preferenze è possibile ottenere il grado di personalizzazione desiderato. In questo pannello, spesso attraverso il semplice utilizzo di appositi indicatori, si può decidere anche il grado di invasività del software. In altre parole possiamo configurare da un ambiente di massima sicurezza, in cui per ogni azione considerata pericolosa verrà chiesta conferma o mostrati avvisi, a un ambiente di sicurezza base nel quale il sistema si occuperà di proteggere i file e le informazioni più importanti dalle minacce ritenute più pericolose. Inoltre è possibile configurare alcune caratteristiche anche del servizio di antivirus per le e-mail.

Figura 4: Il pannello delle preferenze di scansione
Figura 4: Il pannello delle preferenze di scansione

Ultimata la fase di configurazione il software è configurato e pronto ad agire in background per proteggere il nostro Pc. Con una certa frequenza, senza tuttavia utilizzare troppe risorse di calcolo e memoria, Active Virus Shield, eseguirà una scansione automatica dei file e avviserà in caso riscontri delle minacce.

Ovviamente il software permette anche una possibilità di scansione manuale per quegli utenti che di tanto in tento desiderano assicurarsi di persone che il proprio sistema goda di ottima salute.

Figura 5: La scheda delle statistiche di scansione
Figura 5: La scheda delle statistiche di scansione

Durante la scansione possiamo analizzare in tempo reale quanto l'antivirus ha riscontrato attraverso le schede Detected, Events e Statistics. In particolare la prima scheda ci mostra se sono stati rilevati virus, i loro nomi, la loro pericolosità e il percorso del file nel quale sono stati individuati. La scheda Events è una sorta di log nel quale il software appende man mano tutte le operazione che effettua. La scheda Statistics, mostrata nell'immagine, è una sorta di résumé  della scansione. Mostra il numero di file analizzati, la presenza di virus e l'eventuale operazione effettuata.


Ti consigliamo anche