Nessun risultato. Prova con un altro termine.
Guide
Notizie
Software
Tutorial

Migliori POS Senza Commissioni (Classifica 2024)

Link copiato negli appunti

Avere un POS senza commissioni per la propria attività può essere una scelta molto saggia per ampliare il volume delle vendite senza sostenere spese eccessive.

In particolare, questo tipo di POS permette di accettare pagamenti con carta e tramite dispositivi NFC pagando un semplice canone mensile e senza vedersi addebitare dei costi per ogni transazione.

La scelta, però, può essere difficile, in quanto sul mercato sono presenti diversi modelli di POS a zero commissioni molto validi. Per semplificare la scelta, abbiamo creato una guida completa con una classifica dei migliori POS senza commissioni del 2024.

Ciascun modello è stato selezionato valutando non solo la convenienza in termini di costi, ma anche il livello di sicurezza del terminale, le funzioni disponibili, la facilità di utilizzo del sistema operativo e la qualità del servizio clienti. Vediamoli insieme.

POS a canone: confronto veloce

Caratteristiche
Commissioni
Prezzo terminale
Caratteristiche:
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete 3G/4G
  • Stampante
  • Conto myPOS gratuito
  • Carta Business VISA gratuita
Commissioni: 1.20% + 0.05€
Prezzo mensile: Ora €99 invece di €189
Caratteristiche:
  • Canone mensile 17€ o 22€ +IVA*
  • SIM e traffico dati inclusi
  • Rete GPRS, Wifi, 4G
  • Stampante
  • Accrediti su qualsiasi conto
Commissioni: 0%**
Prezzo mensile: Gratis
Caratteristiche:
  • Canone mensile 29€ +IVA
  • Rete Wifi, 4G
  • Stampante
  • Serve l'app Nexi
  • Assistenza 24/7
  • Accrediti su qualsiasi conto
Commissioni: 0%***
Prezzo mensile: Gratis
Caratteristiche:
  • Canone mensile 22.50€ +IVA
  • Assistenza 24/7
  • Accrediti su qualsiasi conto
  • Rete Wifi, 4G
  • Doppia fotocamera
  • Lettore QR code e barcode
Commissioni: 0%***
Prezzo mensile: Gratis
* Sulle transazioni fino ad un transato annuo pari a 30.000 € (fino a 10.000 € il canone mensile sarà di 17 € + IVA; fino a 30.000 € il canone mensile sarà di 22 € + IVA) ** Commissione dell’1% + IVA per l’importo eccedente la soglia dei 30.000 €, da sommare al canone mensile di 22 € + IVA *** Zero commissioni sulle transazioni fino a 10€

 

POS senza commissioni (classifica 2024)

Tra le aziende che producono i migliori POS senza commissioni ci sono sicuramente realtà come Axerve e Nexi, che permettono di accedere a soluzioni su misura per qualsiasi tipo di attività, dalla piccola boutique al grande ristorante o ufficio di consulenza.

Inoltre, i terminali di Axerve e Nexi sono particolarmente intuitivi e semplici da utilizzare, risultando adatti anche agli utenti meno ferrati sulla tecnologia. In particolare, i modelli migliori sono Axerve Easy POS, Nexi Smart POS e Nexi Smart POS con stampante.

 

Axerve Easy POS

Axerve Easy POS a canone
4.7

💶  Prezzo terminale: Gratis

💰 Canone: 17€ o 22€ + IVA al mese*

💸 Costi di attivazione: Bollo 16€

📲  App obbligatoria:

🔋  Batteria: 2.300 mAh

☎️  Sim Card:

🖨️  Stampante integrata:

📟  Touch screen:

🔌  Tipo di ricarica: Micro USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 176 x 78 x 57 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

* 17€+IVA al mese per chi incassa fino a 10.000€ all’anno, mentre il prezzo sale a 22€+IVA mensili per chi fattura fino a 30.000€ all’anno. Oltre i 30.000 € di transato viene aggiunto un costo di commissione dell’1% + IVA per l’importo eccedente la soglia dei 30.000 €, da sommare al canone mensile di 22 € + IVA.

 

Axerve Easy POS è un dispositivo compatto ed elegante consigliato a diversi tipi di attività, come bar, ristoranti, caffetterie, negozi, consulenti, avvocati e medici, nonché a coloro che si trovano spesso in movimento come rider e corrieri. Non a caso, è uno dei migliori POS portatili del 2024.

In poche parole, parliamo di uno dei migliori POS senza commissioni in termini di versatilità, in quanto oltre a essere compatto dispone di una SIM integrata per la connessione Internet e di una comoda stampante termica per la stampa immediata delle ricevute.

A ciò si aggiungono la dashboard intuitiva per gestire le transazioni e la possibilità di accreditare i pagamenti su qualsiasi conto corrente senza dover aprire un conto corrente aziendale con il fornitore. Si tratta infatti di uno dei POS più adatti ai privati senza partita IVA.

Axerve include anche un comodo servizio di assistenza tecnica, e non prevede nessun vincolo contrattuale dopo la sottoscrizione. Trattandosi di un POS senza commissioni, basta pagare solamente il noleggio del terminale a seconda del volume di fatturato:

  • fino a 10.000€ di transato annuo: 17€ al mese + IVA;
  • fino a 30.000€ di transato annuo: 22€ + IVA.

Rimanendo all’interno delle suddette soglie, il titolare può beneficiare di commissioni POS gratuite. Diversamente, se si superano le soglie previste, si applica una piccola commissione dell’1% + IVA.

Tuttavia, bisogna sottolineare la possibilità di ottenere il bonus fiscale del 30% sulle commissioni POS pagate durante l’anno, riducendo i costi nel caso di superamento dei limiti di transato.

Non a caso, Axerve è il POS con meno commissioni disponibile in commercio.

Pro
  • Dashboard intuitiva e facile da usare
  • SIM dati per connettersi a Internet
  • Prezzi competitivi
  • Stampante integrata
Contro
  • Adatto a piccole attività non troppo strutturate
  • Se si superano le soglie previste può diventare costoso

 

Nexi Smart POS

Nexi SmartPOS
4.5

💶  Prezzo terminale: Gratis

💰 Canone: canone 29€ al mese (14,50€ al mese per i primi 12 mesi)

💸 Costi di attivazione / installazione: 79,00€

📲  App obbligatoria:

🔋  Batteria: 6.000 mAh

☎️  Sim Card:

🖨️  Stampante integrata:

📟  Touch screen:

🔌  Tipo di ricarica: USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 99 x 123 x 273 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Tra i POS senza commissioni di Nexi, il modello Smart POS è sicuramente una delle soluzioni più adatte a chi cerca un prodotto innovativo, moderno e con numerose funzioni per la gestione dei propri clienti.

Si tratta infatti di un POS a zero commissioni pensato per attività come bar, ristoranti, caffetterie, negozi di abbigliamento e business che possono prevedere pagamenti a distanza.

Questo perché, tra le funzioni incluse, sono disponibili:

  • link per l’accettazione di pagamenti;
  • funzione mance per i dipendenti;
  • strumenti per la creazione di buoni sconto;
  • raccolta feedback e campagne promozionali;
  • Soft POS per trasformare lo smartphone in un POS;
  • connessione WiFi.

Il dispositivo presenta un doppio schermo, uno rivolto verso l’utente e uno verso il cliente, dal quale si possono confermare i pagamenti e apporre comodamente firme digitali senza dover ruotare fisicamente il terminale.

Per quanto riguarda i costi, il canone è di soli 29€ al mese, ma viene scontato a 14,50€ per i primi 12 mesi di utilizzo. Per le commissioni, invece, queste variano a seconda della soluzione scelta in fase di sottoscrizione:

  • Start: con 1.000€ di transato incluso e commissioni dell’1,20% su Visa e Mastercard, dell’1,20% su PagoBancomat e del 2,7% con carte JCB/UPI;
  • Classic+: con commissioni dell’1,19% per carte di credito, debito, prepagate Visa o Mastercard europee, dell’1,99% per carte commerciali Mastercard e Visa, dello 0,69% con PagoBancomat e del 2,29% con circuiti JCB/UPI;
  • Italia: con commissioni dello 0,99% su carte di credito, debito, prepagate Visa o Mastercard Consumer, 2,49% su circuiti Commercial Visa o Mastercard, 0,99% su circuito PagoBancomat e 2,49% su circuiti JCB/UPI.

In caso di carte Amex, invece, sono previste commissioni dello 0,90% fino a 3.000€, dell’1,50% da 3.000€ a 50.000€ e dell’1,50% da 50.000€ a 100.000€.

Per quanto riguarda i pagamenti di piccoli importi, inoltre, Nexi Smart POS permette di beneficiare di commissioni zero per transazioni sotto i 10€.

Pro
  • POS versatile e intuitivo
  • Doppio schermo per una maggiore comodità
  • Funzioni specifiche per negozi e ristoranti
  • Zero commissioni per pagamenti fino a 10€
Contro
  • Non è un vero e proprio POS senza commissioni
  • Le commissioni su alcuni circuiti sono elevate

 

Nexi Smart POS Mini con stampante

Nexi SmartPOS Mini con stampante
4.3

💶  Prezzo terminale: Gratis

💰 Canone: canone 22,50€ al mese

💸 Costi di attivazione / installazione: 79,00€

📲  App obbligatoria: ✔

🔋  Batteria: 2.300 mAh

☎️  Sim Card: ✔

🖨️  Stampante integrata: ✔

📟  Touch screen: ✔

🔌  Tipo di ricarica: Micro USB

💳  Tecnologia pagamento: NFC, Chip, Banda magnetica

📦  Dimensioni: 176 x 78 x 57 mm

Pagamenti accettati:

loghi carte accettate

Per attività che hanno bisogno di un tocco di professionalità e sono solite lasciare il POS anche in una postazione fissa, Nexi Smart POS Mini con stampante è sicuramente il più conveniente per chi cerca un POS senza commissioni.

Il dispositivo, infatti, può essere usato sia in mobilità sia lasciandolo sulla base di ricarica, offrendo un’esperienza di acquisto migliore al cliente. Dotato di connettività WiFi e 4G, può rimanere sempre connesso offrendo la massima stabilità nei pagamenti.

Inoltre, con la stampante integrata è possibile stampare in modo immediato la ricevuta, con funzioni dedicate per accettare buoni sconto, buoni pasto, mance e incassi tramite link di pagamento. Si tratta infatti di uno dei migliori POS mobili con stampante in circolazione oggi.

Tra l’altro, con l’accesso all’App Nexi Business si possono gestire e monitorare le transazioni in qualsiasi momento.

Sono anche presenti funzioni speciali come le campagne sconto, la rubrica e un comodo gestionale per le spedizioni dei fornitori.

I piani delle strutture commissionali sono gli stessi disponibili con Nexi Smart POS, ovvero Start per le piccole attività, Classic+ per chi accetta prevalentemente pagamenti PagoBancomat e Italia per chi vuole un prezzo fisso con tutte le carte in Europa.

Anche in questo caso, il POS prevede zero commissioni per i pagamenti sotto ai 10€. I costi, tuttavia, scendono leggermente, con un canone mensile scontato da 22,50€ a 11,25€ per i primi 12 mesi di utilizzo.

Pro
  • POS senza commissioni sotto i 10€
  • Stampante integrata per scontrini e ricevute
  • Dashboard semplice e intuitiva
  • Funzioni speciali per gestire pacchi, manche e sconti
Contro
  • Non adatto ad attività con bassi volumi
  • Un po’ ingombrante per attività in movimento

 

Differenze tra POS a canone e POS a commissioni

Il funzionamento dei POS a canone e POS a commissioni è praticamente lo stesso. Entrambe le soluzioni consentono di accettare pagamenti con carta e con dispositivi dotati di NFC, includendo funzioni aggiuntive specifiche per vari tipi di attività.

La vera differenza è legata alle modalità di applicazione delle commissioni.

I POS a canone prevedono un costo fisso mensile o annuale, che può essere legato in alcuni casi ai volumi delle transazioni.

Le commissioni per ogni pagamento con questo POS sono ridotte o azzerate, oppure possono essere incluse nel canone entro una certa soglia di fatturato. In questo modo, l’esercente può avere una previsione accurata dei costi e pianificare al meglio le proprie finanze.

Tuttavia, chi ha un basso volume di transazioni con carta potrebbe preferire un POS a commissioni. Questi non hanno costi fissi, in quanto prevedono l’acquisto del terminale tramite un pagamento una tantum.

In questo modo, nei periodi con meno incassi, il costo delle commissioni diventa inferiore a quello di un canone mensile. Inoltre, molti POS a commissioni prevedono l’azzeramento dei costi per piccoli pagamenti, solitamente inferiori a 10€, risultando ideali anche per un bar o un pub.

 

Come scegliere un POS senza commissioni per la propria attività

Scegliere un POS senza commissioni per la propria attività richiede una valutazione di alcuni elementi cruciali che possono fare la differenza nel lungo periodo.

Per prendere una decisione informata, è possibile considerare i seguenti fattori:

  • volume delle transazioni: alcuni POS senza commissioni possono prevedere dei vantaggi in base al volume di transazioni effettuate, motivo per cui bisogna cercare di prevedere gli incassi per prendere la decisione migliore;
  • costi e canone: valutare il costo del canone e le eventuali commissioni applicate su alcuni tipi di pagamenti può aiutare a filtrare la propria ricerca evitando prodotti troppo costosi;
  • funzioni: in base al tipo di attività, alcuni POS senza commissioni possono includere funzioni utili come strumenti per creare campagne promozionali, accettare mance e prendere le comande;
  • tipi di pagamenti accettati: la maggior parte dei POS senza commissioni accetta i circuiti internazionali più utilizzati. Tuttavia, è bene controllare se il dispositivo risulta compatibile con alcuni tipi di pagamenti, come NFC, Amex, Diner, JCB/UPI e simili in base al tipo di clientela;
  • assistenza clienti: avere un servizio di assistenza incluso può aiutare in caso di problematiche tecniche, limitando le perdite e i costi.

 

Tutti i costi di un POS

Prima di scegliere un POS senza commissioni o a canone bisogna tenere in considerazione tutti i possibili costi legati al dispositivo.

Ecco un elenco riassuntivo delle spese annuali per la gestione del POS:

  • canone: nel caso in cui si scelga un POS senza commissioni, bisogna pagare un canone mensile o annuale. Questo può comprendere anche il costo delle commissioni per le transazioni entro una certa soglia o per alcuni tipi di pagamenti, assistenza tecnica e aggiornamenti software;
  • costo dell’apparecchio: nel caso in cui si scelga un POS a commissioni, bisogna considerare il costo per l’acquisto del dispositivo più l’eventuale imposta per l’attivazione. Anche in questo caso, l’acquisto può comprendere alcuni servizi come supporto tecnico, aggiornamenti e formazione;
  • commissioni: a prescindere dalla tipologia di POS, sono previste delle commissioni per i pagamenti. I POS a canone applicano commissioni dopo una certa soglia in quanto già incluse nei costi mensili, mentre i POS senza canone applicano commissioni fisse in base al tipo di pagamento senza però applicare costi mensili.

A questi costi vanno aggiunte eventuali spese per la manutenzione o sostituzione del dispositivo, aggiornamenti software se non inclusi, ed eventuali costi per la rete dati o altri tipi di servizi.

In genere, i fornitori di POS mobili non applicano penali in caso di recesso, ma è sempre consigliabile consultare le condizioni contrattuali per evitare problemi.

 

Criteri di valutazione

Per selezionare i migliori POS senza commissioni del 2024 abbiamo tenuto conto degli elementi più importanti per soddisfare le necessità più comuni degli utenti.

Di seguito un elenco degli elementi che abbiamo considerato:

  • convenienza: abbiamo tenuto conto del rapporto qualità/prezzo dei dispositivi, selezionando quelli con i costi più bassi ma che includono funzioni utili per diversi tipi di attività;
  • sicurezza: i POS senza commissioni in classifica sono forniti da società leader di settore, che garantiscono protezione e sicurezza a ogni transazione;
  • funzioni: sia i POS di Nexi che di Axerve presentano funzioni innovative che permettono di migliorare le performance di varie attività, dal piccolo bar al grande ristorante o negozio al dettaglio;
  • facilità d’uso: integrando sistemi operativi avanzati, i POS presenti in classifica assicurano la massima facilità di utilizzo.
  • servizio clienti: alcuni POS senza commissioni come quelli di Nexi offrono un servizio di assistenza sempre disponibile, garantendo la massima tranquillità a tutti gli esercenti.

 

Conclusione

Come abbiamo visto, i POS senza commissioni possono risultare particolarmente utili per coloro che vogliono ampliare le vendite offrendo più flessibilità alla propria clientela.

Chiaramente, per effettuare una scelta informata bisogna innanzitutto considerare le esigenze specifiche dell’attività. Chi lavora con bassi volumi di transato (come per esempio entro i 30.000€) può optare per un POS come Axerve, che consente di azzerare le commissioni rimanendo entro certe soglie.

Tuttavia, chi lavora spesso con piccoli pagamenti, come nel caso di un bar o una caffetteria, ma con volumi di transato più alto, potrebbe preferire un POS Nexi, in quanto si azzerano tutte le commissioni sotto i 10€ e sono inclusi alcuni servizi aggiuntivi.

In alternativa, chi registra volumi più bassi o non conosce ancora i propri volumi, potrebbe preferire un prodotto come Nexi Smart POS con stampante, approfittando del canone scontato al 50% per i primi 12 mesi.

Domande frequenti sui migliori POS senza commissioni

Qual è il POS più conveniente?

Non c’è una risposta universale a questa domanda, in quanto il POS più conveniente è quello che rispecchia le esigenze della propria attività. Per un piccolo negozio con un fatturato inferiore a 30.000€, ad esempio, potrebbe essere adatto un prodotto come Axerve Easy POS.

Come non pagare le commissioni sul POS?

Per non pagare le commissioni sul POS bisogna leggere attentamente le condizioni contrattuali. Alcuni consentono di azzerare le commissioni sotto i 10€, mentre altri prevedono commissioni zero entro una certa soglia di fatturato.

Come avere un POS gratis?

Per avere un POS gratis senza costi fissi è possibile usare i Soft POS, ovvero delle applicazioni che consentono di usare il proprio smartphone per accettare pagamenti. Le commissioni, tuttavia, possono essere elevate.

Qual è la cifra minima da accettare con il POS?

Ad oggi, non c’è una cifra minima per cui bisogna accettare i pagamenti con POS, in quanto il cliente può decidere di pagare con carta qualsiasi importo. L’esercente è tenuto quindi ad accettare a prescindere dall’entità del pagamento.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione nel rispetto del codice etico. Le offerte potrebbero subire variazioni di prezzo dopo la pubblicazione.