Installare WordPress con Kitematic

13 dicembre 2017

Kitematic è un progetto open source creato per semplificare e velocizzare l’utilizzo di Docker sia su Mac che su Windows che, nella pratica, costituisce l’interfaccia grafica di Docker. Kitematic automatizza il processo d’installazione e di configurazione delle immagini, rendendo l’utilizzo di Docker più agevole ed intuitivo, anche per chi non si occupa di sistemi.

In questo ultimo capitolo dedicato a Docker si vedrà come avviare WordPress in pochi semplici passaggi grazie alla comoda interfaccia grafica fornita da Kitematic.

Gestione delle immagini con Kitematic

Al lancio dell’applicazione l’utente viene avvertito che è in corso l’avvio della Virtual Machine di Docker, operazione necessaria per l’esecuzione dei container sulla postazione di lavoro.

Figura 1. La finestra di avvio di Kitematic.

Kitematic

Ad avvio eseguito Kitematic propone l’elenco generale delle immagini disponibili nel repository di Docker, mentre il menu “Containers” propone l’elenco delle immagini già montate.

Figura 2. Elenco immagini.

Kitematic

La scheda “My Repos” propone l’elenco delle immagini caricate nel repository dall’utente autenticato, mentre la scheda “My Images” fornisce l’elenco delle immagini disponibili nella propria postazione di lavoro.

Figura 3. Immagini dell’utente.

Kitematic

Per creare un nuovo container sarà necessario individuare l’immagine giusta e avviare il download cliccando sul pulsante “Create”. Per l’esempio di questo capitolo si è deciso di utilizzare MariaDB come gestore del database, al posto di MySQL.

Figura 4. Immagine di MariaDB.

Immagine di MariaDB

Una volta avviato MariaDB questo andrà configurato. Si selezioni quindi il container nel box di sinistra e si scelga la scheda “Settings”. Qui potranno essere impostati i valori delle variabili d’ambiente, configurati gli host names e le porte, mappare i volumi e definire una serie di impostazioni avanzate. In questo esempio saranno impostati solo i valori delle due variabili d’ambiente MYSQL_ROOT_PASSWORD e MYSQL_DATABASE nella scheda “General”, mentre si lasceranno invariati tutti gli altri dati che comunque vengono generati di default all’avvio del container.

Figura 5. Impostazioni dell’immagine di MariaDB.

Impostazioni Generali MariaDB

Si torni quindi alla scheda “Home” per verificare i log del container in esecuzione e annotare la URL di accesso al container. Come anticipato, questo dato è fondamentale per la corretta configurazione di WordPress in quanto costituisce la URL dell’host del database.

Figura 6. MariaDB in esecuzione.

MariaDB

Installare WordPress su Docker con Kitematic

Si clicchi ora sul pulsante “New” per tornare alla scheda iniziale. Si individui l’immagine ufficiale di WordPress e si avvii l’istallazione. Si proceda seguendo la stessa logica del container precedente, inserendo le variabili d’ambiente e i rispettivi valori nella scheda delle impostazioni generali.

Figura 7. Impostazioni dell’immagine di WordPress.

WordPress

In particolare andranno inseriti i valori per le variabili WORDPRESS_DB_NAME, WORDPRESS_DB_USER, WORDPRESS_DB_PASSWORD e WORDPRESS_DB_HOST. Il valore di quest’ultima variabile sarà rappresentato dalla URL di accesso all’immagine di MariaDB.

A questo punto nella scheda “Home” del container di WordPress in Kitematic sarà disponibile il log delle operazioni effettuate e una finestra di anteprima della pagina iniziale di WordPress.

Figura 8. WordPress in esecuzione.

WordPress

Da qui è possibile avviare WordPress nel browser. L’immagine che conclude questo capitolo mostra i dati principali delle impostazioni generali del sito.

Figura 9. Impostazioni dell’istallazione di WordPress.

Impostazioni istallazione WordPress

Tutte le lezioni

1 ... 49 50 51 ... 88

Se vuoi aggiornamenti su Installare WordPress con Kitematic inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
Tags: ,
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Installare WordPress con Kitematic

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy