Filtro Campo Sfoca

9 maggio 2013

Photoshop CS6 introduce nuovi filtri per la gestione di sfocature e sfumature, così come già visto nella precedente lezione dedicata allo Scostamento Inclinazione. Continuiamo quindi questo excursus trattando il Campo Sfoca, una modalità molto rapida per modificare il focus delle immagini, con qualche strumento avanzato di sicuro interesse.

Campo Sfoca: funzioni di base

Il filtro Campo Sfoca non è altro che un tool per velocizzare le normali operazioni di riduzione del focus, già peraltro disponibili con il noto Strumento Sfoca o dalle gallerie dei filtri presenti anche nelle precedenti edizioni di Photoshop, come il Filtro Controllo Sfocatura. Nelle sue feature di base, perciò, regala all’utilizzatore un’interfaccia semplicemente più comoda da sfruttare. Apriamo la fotografia su cui si vuole lavorare, in questo caso un primo piano di una giovane modella.

Figura 1. Fotografia originale (click per ingrandire)

Fotografia originale

Dall’apposito menu dei Filtri, scegliamo Sfocatura e poi Campo Sfoca, così come riportato in Figura 2.

Figura 2. Menu Campo Sfocatura (click per ingrandire)

Menu Campo Sfocatura

Apparirà a schermo l’interfaccia del filtro, composta da un apposito slider per controllare il tasso di sfocatura desiderata e da una comoda rotella, per eseguire lo stesso compito direttamente sull’immagine. La rotella, trasportabile in qualsiasi area dello schermo, permetterà di applicare una sfocatura lineare a tutto lo scatto a partire dal suo centro.

Figura 3. Sfocatura di base (click per ingrandire)

Sfocatura di base

Campo Sfoca avanzato con i pin

Come facile intuire, il filtro Campo Sfoca non si ferma di certo alle sue impostazioni di base. Utilizzando sapientemente i pin, ovvero le icone a puntina che vengono visualizzate a schermo muovendo il mouse sul layout, si possono gestire sfocature avanzate e professionali, per la realizzazione di immagini d’impatto che altrimenti richiederebbero moltissimo tempo per essere create.

In linea generale, il designer può impostare sullo scatto quanti pin desidera, ognuno dei quali corrisponderà a una rotella di controllo della sfocatura dell’area immediatamente adiacente. Per questo tutorial, abbiamo deciso di lasciare il volto della modella vagamente a fuoco ma di sfumarne lo sfondo, capelli compresi. Iniziamo, perciò, a distribuire i pin su tutto il volto, spostando innanzitutto quello di default sul naso. Per farlo, basta tenere premuto sulla rotella a schermo e trascinarla nell’area desiderata.

Figura 4. Spostamento Pin (click per ingrandire)

Spostamento Pin

Fatto questo, impostiamo sullo scatto tutti i pin che potrebbero risultare necessari al nostro progetto. Si parta dagli occhi, senza la pretesa di essere troppo precisi: ogni punto visualizzato, infatti, può essere spostato in qualsiasi momento.

Figura 5. Occhi (click per ingrandire)

Occhi

Si costruisca quindi un reticolo di tutte le zone d’interesse: naso, occhi, bocca e i quattro angoli della fotografia, corrispondenti ai capelli.

Figura 6. Reticolo (click per ingrandire)

Reticolo

Definite le zone del layout su cui si andrà ad agire, si proceda man mano riducendo l’intensità della sfocatura sul volto, per riportarlo a fuoco. Si è deciso di partire dagli occhi con un’impostazione di 2 punti, ma la quantità di focus può essere ovviamente scelta a piacere.

Figura 7. Regolazione Occhi (click per ingrandire)

Regolazione Occhi

A questo punto, si proceda anche con naso e bocca, finché l’intero volto non sarà vagamente a fuoco. Non bisogna regolare di conseguenza i pin posti agli angoli, quelli responsabili della sfocatura dello sfondo e dei capelli.

Figura 8. Viso a fuoco (click per ingrandire)

Viso a fuoco

Raggiunte quantità e qualità di sfocatura scelta, non resta ora che regolare lo sfondo. Per far questo, bisogna ricordarsi di non impostare una sfocatura che sia troppo intensa, per non avere troppo stacco con il resto dell’immagine. Il focus dovrebbe essere progressivo, quindi si consiglia di non allontanarsi di più di 20-30 punti dal valore dell’area a fuoco.

Figura 9. Regolazione Sfondo (click per ingrandire)

Regolazione sfondo

Raggiunto un effetto soddisfacente, non rimarrà altro che premere il pulsante OK o il tasto Invio per vedere a schermo tutti i cambiamenti.

Figura 10. Sfocatura terminata (click per ingrandire)

Sfocatura terminata

Come evidente dallo scatto finale, questa particolare regolazione del Campo Sfoca ha addolcito l’immagine, ovattando lo scatto come se sull’obiettivo vi fosse un filtro o una sottile calza, tecnica quest’ultima utilizzata negli anni passati in ambito televisivo. Con la prossima lezione, invece, tratteremo l’ultimo dei filtri dedicati al focus: la Sfocatura Diaframma.

Credit immagini:
Woman Hair Style Fashion Portrait –
Shutterstock

Tutte le lezioni

1 ... 6 7 8 ... 32

Se vuoi aggiornamenti su Filtro Campo Sfoca inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Filtro Campo Sfoca

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento dei dati per attività di marketing