Cosa è e come funziona un file Real Text?

14 aprile 2006

La parte finale, quella che riguarda il trattamento dei testi, è la più semplice di quelle analizzate finora.

Creiamo un file di testo e diamogli l’estensione .rt. Aperto con il nostro Editor di testi preferito (ad esempio notepad per i sistemi windows) scriviamo il marcatore che racchiuderà tutto il codice:

<window>
</window>

è superfluo notare che anche RealText text è un linguaggio xml.
Aggiungiamo quindi al nostro marcatore <window></window> una serie di attributi che dovranno decidere:

  1. Lo stile del testo dovrà apparire (Può essere teleprompter, generic, ScrollingNews, TickerTape e Marquee, vi lascio la sorpresa di scoprire in che maniera apparirà il testo.
  2. L’altezza in pixel del testo
  3. La larghezza in pixel del testo
  4. Se il testo, eventualmente linkato, è sottolineato o meno (Se è sottolineato scrivo =true se no = false. Come sappiamo true e false si chiamano valori boleani ..)
  5. La durata, misurata in secondi, in cui il nostro testo dovrà apparire
  6. Il colore dell’ eventuale collegamento in esadecimale
  7. Il colore dello sfondo che può essere in esadecimale e, per i colori più diffusi, in lingua inglese

Vediamo adesso nel dettaglio questo marcatore <window> </window>:

<window type= “teleprompter”
Stile in cui il testo dovrà apparire

height = “50″
L’altezza in pixel del testo

width = “320″
La larghezza in pixel del testo

underline_hyperlinks = “false”
Testo linkato sottolineato o meno (Se è sottolineato scriviamo =true se no = false)

duration=”20″
La durata in secondi in cui il nostro testo apparirà

link = “#FF8040″
Il colore dell’ eventuale LINK in esadecimale

bgcolor = “black”
Il colore dello sfondo

Dentro il marcatore <window></window> inseriamo un marcatore di html: <font>
</font>. Questo tag stabilisce il tipo di carattere useremo nella nostra pagina, il colore e la dimensione:

<font face = “Times” color = “white” size = “1″></font>

All’interno del tag <font></font> inseriremo un NUOVO marcatore <time begin = “”/> che decide in che secondo della presentazione il nostro testo dovrà apparire.

La durata della presentazione è indicata negli attributi di <window></window>

Scriveremo poi il testo tra i classici tag dell’html che gli attributi di <window></window> non prendono in considerazione.

Vediamo adesso nel dettaglio:

time begin = “0″/>
secondo della presentazione in cui il testo dovrà apparire

time begin =”8″/>   secondo della presentazione in cui il testo dovrà apparire

<time begin = “13″/>
secondo della presentazione in cui il testo dovrà apparire

</font>

Il file .rt così come lo abbiamo scritto dovrà alla fine avere complessivamente questo aspetto:

<window type = “teleprompter”
height = “50″
width = “320″
underline_hyperlinks = “false”
duration= “20″
link = “#FF8040″
bgcolor = “black”>
<font face = “Times”
color = “white”
size = “1″>
<time begin = “0″/>
<strong>AMO:</strong> Headline 1
<time begin = “8″/>
<br/><strong>LA:</strong> Headline 2
<time begin = “13″/>
<br/><strong>MIA RAGAZZA!!:</strong> Headline 3
</font>
</window>

Con <window> abbiamo deciso lo stile, la durata e l’aspetto della presentazione.
Successivo con <font></font> abbiamo scelto il carattere ed abbiamo deciso cosa scrivere.

La durata delle varie sequenze di testo è affidata a <time begin=”"/>

Il file .rm è semplicemente un filmato inserito nei marcatori del files .smi ed attraverso questi ne decidiamo la disposizione.
Lo si acquisisce principalmente attraverso una delle tante, ottime e relativamente economiche schede di acquisizione video oggi in commercio convertendo poi con il RealProducer G2 Authoring Kit che può essere scaricato dal sito ufficiale della Real.

Tutte le lezioni

1 ... 5 6 7 ... 12

Se vuoi aggiornamenti su Cosa è e come funziona un file Real Text? inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Cosa è e come funziona un file Real Text?

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy