Introduzione: perché Android

21 maggio 2014

Android sta dilagando. Non è più solo questione di smartphone o tablet. Si sta imponendo come sistema operativo in grado di animare qualsiasi dispositivo più o meno mobile tanto da apparire, in prospettiva non troppo futuristica, una presenza sempre più costante nel nostro quotidiano.

Gli è stata attribuita – e probabilmente a ragione – la più veloce diffusione mai vista per un sistema operativo mobile. Ma quali sono i fattori di questo successo e soprattutto perchè tutto ciò sta capitando ad Android? Le motivazioni ipotizzate sono varie e di varia natura. Gran parte del merito è stato attribuito alle sue radici ben salde nel mondo open source. Android, infatti, è figlio di Linux, ha attirato l’interesse di tanti sviluppatori  che per anni si sono stretti intorno ai grandi bacini del software libero ed accoglie in sé tutto il meglio di quanto è stato ideato per supportare lo sviluppo del web, desktop e mobile sia in termini di pattern progettuali che di librerie software.

Il badge animato degli sviluppatori Android

Eppure architettura del sistema ed open source sono aspetti che interessano molto una platea fortemente tecnica come programmatori ed ingegneri informatici. Per decretare un successo tanto ampio è necessario che ci sia anche un forte riscontro di pubblico. Sicuramente un qualcosa che ha contraddistinto questo sistema è stata la sua adozione da parte di dispositivi molto diversi tra loro, non solo per tipologia – smartphone piuttosto che tablet – ma soprattutto per fasce di prezzo, da poche decine di euro fino a  cifre piuttosto significative.

Ciò ne ha permesso una diffusione molto diverficata trasversalmente alle diverse categorie sociali, ma ha causato di riflesso una frammentazione notevole dello scenario applicativo costringendo gli sviluppatori ad una particolare cura degli aspetti di adattamento alle caratteristiche del dispositivo ospite. Proprio in questo, Android ha dimostrato la sua grande modernità offrendo tutto il supporto necessario per permettere all’applicazione in esecuzione di adegursi ad ogni circostanza.

Questa guida è dedicata allo sviluppo di applicativi Android. Nella prossime lezioni verrà utilizzata una programmazione in linguaggio Java per realizzare applicazioni in cui non manca niente. Si creeranno interfacce utente interattive, dinamiche e graficamente piacevoli. Si avranno gli strumenti per gestire dati e avviare attività di rete in modo che le proprie app prendano da subito parte a quel grande laboratorio di idee che è Internet e tutti i servizi che ne fanno parte. Ed inoltre si avrà a disposizione multimedialità, funzionalità hardware, comunicazione.

Per iniziare, Android richiede nozioni di programmazione Java, passione, curiosità e nulla più. Infatti gli strumenti che si renderanno necessari, come si vedrà presto, sono totalmente gratuiti. Quindi non ci sono scuse per non cominciare.

Tutte le lezioni

 

1 2 3... 82

Se vuoi aggiornamenti su Introduzione: perché Android inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
Tags:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Introduzione: perché Android

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy