Unix e il progetto GNU

20 marzo 2006

Le Origini di Unix: fino agli ’80 prima dell’avvento dei Personal Computer, l’informatica era indirizzata su potenti (per quei tempi) calcolatori quasi sempre basati su sistemi operativi multiutente. Tra questi i più diffusi in assoluto erano gli “Unix”. Unix nasce dalle ceneri di Multics, un progetto lanciato dalla Bell nel 1965 con la partecipazione di General Elettrics e dell’MIT, con il fine di avere un sistema multiutente e flessibile dai costi contenuti. Purtroppo questo progetto morì prematuramente a causa della mancanza di fondi. Dennis Ritchie, Ken Thompson e R.H. Canaday, che avevano partecipato a Multics, partirono da questo per sviluppare un loro nuovo progetto.

Ebbe un largo seguito da parte di sviluppatori e ricercatori e nel 1970 Brian Kernighan gli diede il nome di Unix (in contrapposizione a Multics). Da allora Unix si crebbe enormemente supportando svariati tipi di processore e alcune società e università ne rilasciarono addirittura una propria versione. Nacquero così BSD (Berkeley System Distribution) sviluppata dall’Università di Berkeley in California e System V dell’AT&T. Per supportare Unix vennero avviati nel corso degli anni una serie di progetti tra i quali spicca il linguaggio di programmazione C (che rese possibile il porting di Unix tra le varie piattaforme hardware). Il C nasce come evoluzione del B (un linguaggio scritto dallo stesso Ken Thompson, influenzato dal BCPL), ed è con questo linguaggio che continuò la scrittura di Unix, rendendone più agevole lo sviluppo, a scapito del linguaggio assembly.

Il clima che si veniva a creare in ambito universitario tra gli sviluppatori non era di tipo competitivo ma tutto era mirato a rendere più performante e bug-free (privo di errori) il sistema. Lo scambio dei programmi, in codice sorgente, era una pratica abituale. Gran parte del software prodotto era quindi libero di circolare. Ma i tempi cambiarono e pian piano il software proprietario prese il sopravvento disgregando quella comunità di programmatori che cooperava per rendere il proprio “prodotto” il più valido possibile. A questa tendenza cercò di rispondere un uomo, risposta che può apparire a prima vista folle.

Se vuoi aggiornamenti su Unix e il progetto GNU inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Unix e il progetto GNU

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento dei dati per attività di marketing