Una shell in PHP

20 marzo 2006

L’esecuzione del programma

Normalmente per eseguire il programma appena scritto dobbiamo richiamare l’eseguibile del php passando determinati parametri.

php.exe -f script.php — -parametro1 -parametro2

Il parametro ‘-f’ serve per specificare lo script php da eseguire, ‘–‘ è invece utile per poter passare allo script parametri funzionanti anche per l’eseguile php. Ad esempio se voleste passare al vostro script un parametro ‘-h’ dovreste utilizzare questo piccolo trucco per evitare che il parametro venga utilizzato dall’eseguibile php. Se utilizzate la versione CGI dell’eseguibile può tornare utile il parametro -q per eliminare gli header in output.

Esistono inoltre soluzioni alternative per l’esecuzione automatica degli script:
Sotto linux è possibile impostare come prima linea del file il path dell’eseguibile php (ad esempio /usr/bin/php)

#!/path/to/php

Fatto questo basta assegnare la proprietà di esecuzione attraverso un chmod 755 allo script. A questo punto potete richiamare direttamente lo script senza il bisogno di specificare da linea di comando l’interprete php.

Sotto Windows invece è possibile legare i file con estensione .php all’interprete facendo così in modo che con un doppio click venga attivato lo script. Sempre sotto windows è possibile creare un semplice file batch (file con estensione .bat) contenente la linea

c:\path\to\php\php.exe script.php

Conclusioni

L’argomento era prevedibilmente troppo vasto per essere esaurito con un articolo. Spero però di avere stuzzicato la fantasia vista l’effettiva utilità di questo strumento. Per terminare segnalo la pagina del manuale ufficiale dedicata all’argomento.

Se vuoi aggiornamenti su Una shell in PHP inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Una shell in PHP

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy