Ubuntu su USB

5 agosto 2009

LinuxLive USB Creator

Il secondo software di questo articolo è LinuxLive USB Creator: si tratta dell’evoluzione di uSbuntu Live Creator, un’applicazione nata abbastanza di recente e che si prefiggeva lo scopo di dotare gli utenti Windows di uno strumento per installare Ubuntu su una pendrive USB. Per adesso i lavori verso il passaggio a LinuxLive USB Creator sono ancora in corso, ma una volta ultimati sarà possibile installare anche altre distribuzioni. Per installare Ubuntu con l’ultima versione attualmente disponibile è necessario eseguire pochi e semplici passaggi: dopo aver scaricato l’archivio contenente il file eseguibile, e averlo avviato, apparirà l’interfaccia grafica principale, senza necessità di installazione.

Figura 2: uSbuntu Live Creator

uSbuntu Live Creator

La prima opzione da configurare riguarda il dispositivo di installazione, individuabile tra le periferiche USB collegate al PC o anche tra le partizioni presenti sul disco fisso. Una volta scelto il percorso di installazione, è necessario selezionare la sorgente da cui prelevare l’immagine ISO: le opportunità offerte permettono di selezionare un file già scaricato in precedenza, un CD sul quale è stata masterizzata un’immagine ISO della Live di Ubuntu, oppure scaricare al momento una versione a scelta dai mirror ufficiali di Ubuntu.

Il terzo step è forse uno dei più importanti, perché permette di scegliere che tipologia di sistema operativo si vuole avere: si tratta infatti di dover scegliere quanto spazio dedicare alla conservazione dei dati personali, come ad esempio applicazioni installate, file di configurazione modificati e altri file; nel caso in cui non venisse destinato spazio al salvataggio dei dati, si avrà un sistema completamente Live, al riavvio del quale tutte le informazioni andranno perse.

Il penultimo passaggio permette di configurare alcune opzioni marginali, come ad esempio la possibilità di avviare Ubuntu direttamente all’interno di Windows, di formattare la penna USB con il filesystem FAT32, o di nascondere i file creati nella chiavetta. Una volta portati a termine questi semplici passaggi, è possibile dare il via all’installazione tramite l’ultima opzione disponibile nell’interfaccia dell’applicazione, che risulterà abbastanza rapida. Se tutto andrà per il verso giusto, si riceverà un messaggio di conferma, dopo di che sarà possibile riavviare il computer, selezionare la pendrive come dispositivo di avvio, ed utilizzare la propria Ubuntu come fosse un normale sistema operativo installato sul disco fisso.

Se vuoi aggiornamenti su Ubuntu su USB inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:
 
X
Se vuoi aggiornamenti su Ubuntu su USB

inserisci la tua e-mail nel box qui sotto:

Ho letto e acconsento l'informativa sulla privacy

Acconsento al trattamento di cui al punto 3 dell'informativa sulla privacy